Il bambino non vuole andare a scuola

I vostri figli non vogliono andare a scuola? Quali sono le cause? Non sapete cosa fare? Continuate a leggere per trovare le risposte a queste domande.
Il bambino non vuole andare a scuola

Ultimo aggiornamento: 10 settembre, 2022

I cambiamenti di solito fanno paura, anche ai più piccoli. Se il bambino non vuole andare a scuola di tanto in tano non non è un problema. Quando ciò accade molto spesso, se non tutti i giorni, è fondamentale rilevare cosa sta succedendo.

Ci sono molte ragioni per cui il bambino potrebbe preferire rimanere a casa, come avere bisogno di ricaricare le energie. Tenete inoltre presente che il rifiuto della scuola può essere correlato all’ansia.

Gli studi indicano che un’intensa paura della scuola può colpire fino al 18% dei bambini tra i 3 ei 14 anni. Se non sapete come gestire la situazione, in questo articolo troverete una guida.

Il bambino non vuole andare a scuola.
Se il bambino andava a scuola felice e da un giorno all’altro non vuole più andarci, gli è successo qualcosa.

Perché il bambino non vuole andare a scuola

Ci sono diversi motivi per cui il bambino si rifiuta di andare a scuola. Questo rifiuto è un problema complesso che ha le sue radici in diverse cause:

  • Paura della separazione dai genitori.
  • Paura di vari eventi legati alla scuola come essere picchiati da un compagno di classe, essere presi in giro, criticato in classe, parlare davanti alla classe, sostenere gli esami, spogliarsi durante lo sport; ovvero possibile diagnosi di fobia specifica o sociale.

Se da un giorno all’altro il bambino non vuole più andare a scuola, dopo averla frequentata felicemente per diverso tempo, è segno che è successo qualcosa.

Se il rifiuto arriva subito dopo le vacanze, è comprensibile, perché è felice a casa con i suoi giochi e senza le responsabilità di fare i compiti.

Un altro motivo che può portare al rifiuto scolastico è un trasferimento o un cambiamento nelle dinamiche familiari. Un divorzio, mancanza di affetto o conflitti tra i genitori possono generare nel bambino un naturale senso di insicurezza.

Un’altra causa potrebbe essere un problema di salute o il bullismo. Studi dell’UNESCO (2019) indicano che quasi un bambino su tre (32%) in tutto il mondo è stato vittima di bullismo su base occasionale e 1 su 13 (7,3%) continuamente.

Come indagare sui motivi per cui il bambino non vuole andare a scuola

Ecco alcune domande che possono aiutare a identificare i motivi per cui i propri figli non vogliono andare a scuola.

  • Ha avuto problemi a scuola? Scoprite se il bambino ha avuto qualche problema con i suoi insegnanti o compagni di classe.
  • Quando ha smesso di voler andare a scuola? Pensare a quando il bambino ha iniziato a non voler andare a scuola sarà di grande aiuto per capire se è successo qualcosa.
  • Ci sono stati cambiamenti nell’ambiente familiare? Non voler andare a scuola è molto comune quando nasce un fratellino. L’idea di dover andare a scuola mentre la mamma è a casa con il nuovo arrivato è insopportabile per il bambino.
  • Succede solo a mio figlio? Chiedete agli altri genitori se anche i loro figli non vogliono andare a scuola. In tal caso, potrebbe essere dovuto a un conflitto con un insegnante o un compagno di classe.
  • Disturbi di salute fisica o mentale? Verificate se il bambino ha mostrato di recente altri sintomi, in tal caso consultate il medico o lo psicologo.

Cosa fare?

1. Comunicare

Parlare apertamente con il bambino per aiutarlo. È fondamentale che si senta a suo agio in modo che possa parlare più apertamente e con calma di ciò che gli sta accadendo. Usate un tono di voce dolce e calmo, anche se vi arrabbiate; inoltre, ascoltate attivamente.

2. Osservare il comportamento

Se notate che il bambino non vuole uscire di casa e recarsi in altri luoghi, allora il problema potrebbe non essere la scuola, ma insicurezza e paura. Ricorrete ad alcune strategie per renderlo più sicuro di sé.

3. Convalidare le emozioni del bambino

Invece di arrabbiarsi e rimproverarlo, bisogna ascoltare quello che dice e prova. Per esempio, “So che ti senti un po’ (triste, arrabbiato, ecc.) e va bene, ma quando arrivi a scuola passerà tutto”.

Aiutiamo il bambino a dare un nome ai suoi sentimenti, anche se è difficile per lui. A tale scopo, dovrà allenare la sua agilità emotiva in modo che abbia le strategie necessarie per esprimere come si sente.

3. Parlare con gli insegnanti

Chiedi agli insegnanti come si comporta il bambino a scuola, se va d’accordo con i compagni di classe o se è successo qualcosa di anomalo. Possono rivelare informazioni per identificare i motivi per cui non vuole frequentare la scuola.

È importante assicurarsi che l’ambiente scolastico sia adatto all’apprendimento del bambino; se è sicuro e non scatena emozioni negative come stress o ansia.

4. Motivarlo a imparare

Forse il bambino non vuole andare a scuola perché non è motivato a imparare. In questo caso, svolgete attività di apprendimento che includono le cinque “C”:

  • Contesto. Aiutare il bambino ad associare l’apprendimento con esperienze e conoscenze pregresse, in modo da poterle riscontrare nella realtà in cui sta vivendo. Questo motiva il bambino perché gli permette di comprendere la realtà in cui si muove.
  • Creatività. Stimolare la risoluzione creativa di problemi reali e significativi. Ciò mostra al bambino che può applicare quello che impara e che andare a scuola è utile.
  • Curiosità. Suscitare l’interesse del bambino per quello che sta imparando. Questo fattore favorisce il desiderio di conoscenza, poiché spinge a cercare risposte.
  • Controllo. Dare al bambino l’opportunità di essere parte attiva di ciò che sta imparando e di scegliere come farlo. In questo modo, svilupperà la sua autonomia e la capacità di gestire il proprio approccio educativo.
  • Collaborazione. Per motivare il bambino a imparare, è importante creare uno spazio per la cooperazione, l’interazione e lo scambio. Il lavoro di squadra fa sentire il bambino accompagnato e supportato.
Madre che parla con sua figlia in cucina.
Motivare i bambini all’apprendimento aumenta il loro coinvolgimento e l’impegno a scuola.

5. Osservare giochi e disegni

Nei giochi e nei disegni, i bambini riflettono la realtà che stanno vivendo. Osservateli mentre giocano, ascoltate i dialoghi e prestate attenzione alla situazione che riproducono.

Permette ai piccoli di esprimersi liberamente attraverso il disegno, poi verificate la presenza di qualche elemento che potrebbe rivelare perché non vuole andare a scuola.

6. Chiedere un aiuto professionale se il bambino non vuole andare a scuola 

Se la situazione non migliora o non si trovano risposte ai dubbi, diventa necessario cercare l’aiuto di un professionista. Consultate i professionisti, sono pronti ad assistervi e garantire il sano sviluppo dei bambini.

Potrebbe interessarti ...
Primo giorno di scuola: come renderlo più facile
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Primo giorno di scuola: come renderlo più facile

Il primo giorno di scuola segna l'inizio di una nuova tappa per i nostri figli e questo può causare emozioni molto intense a grandi e piccoli.



  • Armitage, R. (2021). Bullying in children: impact on child health. BMJ paediatrics open5(1).
  • Bados López, A. (2006). Trastorno de ansiedad por separación: rechazo escolar y fobia escolar. http://diposit.ub.edu/dspace/handle/2445/354
  • Gonzálvez, C., Inglés, C. J., Vicent, M., Martín, L. S., Sanmartín, R., & García-Fernández, J. M. (2016). Diferencias en ansiedad escolar y autoconcepto en adolescentes chilenos. Acta de investigación psicológica6(3), 2509-2515.
  • King, N.J., Ollendick, T.H. y Tonge, B.J. (1995). School refusal: Assessment and treatment. Boston, MA: Allyn & Bacon.
  • Saez, R. (2020. 13 de mayo). ¿Cómo motivar a los niños para que estudien? La vanguardia. https://www.lavanguardia.com/vida/formacion/20200508/481011428064/educacion-motivar-ninos-alumnos-estudiar-tasa-abandono-escolar.html
  • Santos, M. A., Yavorski, R., Sales, M. V. S., & Buendia, A. P. (2020). El dibujo de alumnos de primaria revelando sentimientos y emociones: una cuestión discutida por la inteligencia emocional. MLS Educational Research (MLSER)4(1), 106-121.
  • Sandín, B. (1997). Ansiedad, miedos y fobias en niños y adolescentes. Dykinson.
  • UNESCO (2019). Behind the numbers: ending school violence and bullying. https://unesdoc.unesco.org/ark:/48223/pf0000366483