Il modello ABC-X: come affrontano in famiglia le crisi?

Un evento stressante malgestito può portare a una situazione di crisi. Il modello ABC-x ci spiega quali condizioni devono verificarsi perchè questo avvenga e come può adattarsi il nucleo familiare.
Il modello ABC-X: come affrontano in famiglia le crisi?
Elena Sanz

Scritto e verificato da la psicologa Elena Sanz.

Ultimo aggiornamento: 09 gennaio, 2023

Proprio come le persone, anche le famiglie (intese come sistema o organizzazioni) affrontano situazioni avverse. Cambiamenti nel ciclo di vita, malattie, separazioni, imprevisti… Sono diverse le circostanze che possono sconvolgere gli equilibri, per questo è importante sapere come proteggere il nucleo familiare dall’impatto della crisi. A questo proposito, il modello ABC-X offre spiegazioni e risposte interessanti.

Lo stress è inevitabile e tutte le famiglie lo vivranno in momenti diversi di crisi. Tuttavia, non tutti sono ugualmente vulnerabili o finiscono per entrare in uno stato di crisi. Questo risultato dipende dalle attitudini e dalle risorse che possiedono. Ed è di questi fattori di mediazione che parleremo di seguito.

Genitori con figlio sconvolto
Quando un fattore di stress sbilancia una famiglia, si verifica una crisi.

Il modello ABC-X dello stress familiare

Quando si parla di come i sistemi familiari affrontano le situazioni di crisi, è necessario parlare del modello ABC-X di Reuben Hill. Questo sociologo americano, pioniere in questo campo di studi, ha sviluppato una proposta che consente di identificare la vulnerabilità allo stress e capire perché si innescano le crisi e come reagiscono le famiglie.

Ed è che non tutti i fattori di stress portano a una crisi. Questa si innesca solo quando il sistema famiglia perde il suo equilibrio, non riesce a recuperare la sua stabilità ed è costretto a cambiamenti e trasformazioni importanti nella sua struttura e nel suo funzionamento. Ma quali condizioni devono verificarsi perché ciò avvenga? Secondo il modello ABC-X, sono coinvolti tre elementi:

(A) – Evento stressante

Si tratta di una situazione per la quale la famiglia non è preparata e che mette in dubbio la stessa e sui suoi membri. Questi fattori di stress possono essere di natura molto diversa e non sono gli stessi in tutte le famiglie.

Possono spaziare da situazioni impreviste, come la morte di uno dei membri o la perdita del posto di lavoro, a decisioni volute, come una separazione o un divorzio, il reinserimento della madre nel mondo del lavoro o il trasferimento in un altro paese.

Pertanto, non si tratta sempre di avversità, ma piuttosto di un evento nuovo che genera un certo squilibrio.

(B) – Risorse familiari

Questo secondo punto si riferisce alle risorse e alle capacità a disposizione della famiglia per rispondere e affrontare lo stressor. Tra queste:

  • Flessibilità e adattabilità della famiglia.
  • La qualità dei legami affettivi tra i suoi membri, così come la salute del matrimonio e le relazioni tra genitori e figli.
  • Abilità comunicative e problem solving.
  • Le risorse economiche.
  • Precedente esperienza di successo in altre crisi.

(C) – Definizione dell’evento

Infine, un terzo fattore in gioco è la definizione o l’ interpretazione che la famiglia fa di tale evento. La vedono come una catastrofe, come una domanda abbordabile o come un’opportunità per imparare e diventare più forti? Mantengono un atteggiamento ottimista o pessimista? In breve, fino a che punto percepiscono che la situazione minaccia lo status, gli scopi e gli obiettivi della famiglia?

Dalla combinazione di questi tre elementi nasce il fattore X o risultato, che indica la quantità di stress avvertita dal sistema familiare e determina l’innesco o meno di una crisi. Se le esigenze del momento eccedono le risorse, c’è una grande tensione e un blocco che rende impossibile per la famiglia continuare a funzionare come è stato fino ad ora.

Contributi successivi al modello ABC-X

Il modello ABC-X di Hill ha dato il via a un buon volume di ricerche che hanno permesso di affinare e chiarire questo modello con il contributo di altri autori. Pertanto, nel modello sono stati inclusi nuovi concetti e costrutti che sono rilevanti anche per comprendere il processo di gestione della crisi.

Ambiguità di confine

Questo concetto ci parla della percezione e della chiarezza che la famiglia ha rispetto alla costituzione stessa del sistema. Cioè cosa intendono per famiglia e cosa no, se c’è certezza sui ruoli che corrispondono a ciascun membro e quale apertura c’è ad accogliere nuovi stimoli.

Accumulo di stress

D’altra parte, si sottolinea che lo stress è cumulativo e che vari eventi impegnativi possono aggiungersi a un sistema (sia per cause esterne che per tensioni intrafamiliari).

Quando ciò accade e diversi eventi hanno un impatto simultaneo, le risorse si esauriscono e l’adattamento allo stress diventa molto più complesso. Pertanto, se c’è un evento significativo che non è stato risolto in precedenza, non ci sarà alcuna capacità nel sistema di adattarsi a quelli nuovi che potrebbero apparire.

Con questa prospettiva più completa , viene sviluppato il modello Double ABCX di adattamento e adattamento familiare, formulato da McCubbin e Patterson negli anni ’80, che propone anche due fasi che si mettono in moto quando la famiglia deve affrontare lo stress.

Da un lato, quando sono richiesti solo piccoli e semplici cambiamenti nel funzionamento familiare, si verifica un processo di adattamento. Quando invece sono necessarie trasformazioni profonde e una riorganizzazione importante della famiglia, si parla di adattamento. La necessità di un meccanismo o di un altro per ristabilire l’equilibrio dipenderà dai fattori menzionati.

figlio arrabbiato con suo padre
Il modello Double ABCX di adattamento e adattamento familiare è stato formulato da McCubbin e Patterson.

Il modello ABC-X ci aiuta ad affrontare le crisi

Oltre ad essere una proposta teorica, il modello ABCX ha applicazioni importanti e utili. Questo perchè permette di sezionare il processo di adattamento allo stress e vedere su quali fattori ed elementi abbiamo il controllo o il potere d’azione.

Così, ad esempio, può essere utile per le famiglie che affrontano un processo migratorio o per coloro che ricevono una diagnosi di autismo in un bambino.

Dal momento che ci mostra e indica l’importanza di dare un’interpretazione appropriata dell’evento e generare strategie di coping sane.

Grazie a questo modello, professionisti di diversi ambiti saranno più preparati ad accompagnare le famiglie in questi momenti incerti.

Potrebbe interessarti ...
Gestire le emozioni durante la crisi
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Gestire le emozioni durante la crisi

Gestire le emozioni nella crisi è difficile ma necessario, non solo per sopravvivere alla tempesta ma anche per stabilire obiettivi chiari e avere ...



  • Gonzalez, G. C., & Lemos, M. (2017). Modelo doble ABCX: dos familias de hijos con trastorno del espectro autista. Katharsis, (25), 22-36.
  • McCubbin, H. I., & Patterson, J. M. (2014). The family stress process: The double ABCX model of adjustment and adaptation. In Social stress and the family (pp. 7-37). Routledge.
  • Musitu, G. Buelga, S., Lila, M.S., & Cava, M.J. (2004). Familia y adolescencia: un modelo de análisis e intervención psicosocial. Síntesis

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.