Il Neidan o alchimia interna secondo il Tao

Il Neidan si riferisce a una serie di processi mentali e fisici necessari per prolungare la vita e raggiungere la vita eterna. Alcuni lo definiscono anche "il sentiero dell'elisir d'oro".
Il Neidan o alchimia interna secondo il Tao

Ultimo aggiornamento: 24 marzo, 2022

Il Neidan è un concetto della tradizione taoista ed è descritto come “alchimia interna”. Si riferisce a una trasformazione interiore con l’obiettivo di sviluppare “l’elisir dell’immortalità”, secondo la credenza cinese.

Dal punto di vista mitologico, la persona che ha completato il percorso conquista la vita eterna. Da una prospettiva più terrena, si traduce nell’attivazione di meccanismi che mantengono il corpo e la mente sani, dunque che allungano la vita.

Il Neidan, scritto anche Nei Dan, è una parola cinese composta dalla radice “nèi” che significa dentro o internamente, e la “dān”, che si riferisce al concetto di elisir o alchimia. Questa parola viene quindi tradotta come “alchimia interna”.

“La vera alchimia era l’amore. Per mezzo di esso il fuoco si accende nei cuori. Per mezzo di esso il pensiero è illuminato. Per mezzo di esso coloro che se ne sono andati vengono mantenuti in vita ”.

-Laura Esquivel-

Uomo con luce interiore.

Il Neidan e la trasformazione interiore

Attraverso il Neidan si verificano diversi processi psicofisiologici. Lo scopo è promuovere l’armonia del corpo e delle emozioni, per estensione della vita. Questo porterebbe a uno stato di serenità che i taoisti chiamano “d’accordo con il Cielo”.

L’alchimia interna deve portare il corpo umano a uno stato primordiale, la cui natura è spirituale. Ciò è in gran parte ottenuto attraverso la medicina primordiale. A differenza della medicina tradizionale cinese, questa non usa elementi esterni, come piante o determinate pratiche, bensì elementi che ci sono intrinseci.

In altre parole, i processi che avvengono con il Neidan fanno sì che il corpo guarisca il corpo guarisca la mente senza che sia necessaria la mediazione di un fattore esterno. Per questo si chiama alchimia interna. Come si ottiene ciò? Attraverso quelli che nel Tao sono conosciuti come i Tre Tesori.

Le triadi dell’universo

Il Neidan parte dall’idea che esiste una corrispondenza tra Cielo e Terra. Secondo questa visione, il corpo umano avrebbe un parallelismo con il funzionamento dell’intero universo. Quindi, ogni corpo è un piccolo universo in cui ci sono elementi e regole di movimento che coincidono con quelle del cosmo.

Secondo il taoismo, nell’universo vi sono tre grandi attributi che definiscono il futuro di ogni cosa: creazione, distruzione ed equilibrio. Questa sarebbe la triade essenziale, che si manifesta nel nostro mondo come Cielo, Terra e Umanità.

A sua volta, questa trinità ha la sua espressione anche nel campo dell’energia. In tal caso, i tre elementi sono Yin, Yang e Tao.

Yin è il principio femminile essenziale, l’oscurità, la passività e la Terra. Lo Yang è il principio maschile essenziale, la luce, l’attivo e il Cielo. Il Tao è il principio che contiene ed equilibra entrambe le energie.

I tre tesori

È in questa logica delle triadi che compone il Neidan o alchimia interna. Ogni essere umano possiede tre tesori che corrispondono ai tre principi dell’energia, del mondo e dell’universo. Tali tesori sono il Jing, il Chi e lo Shen e sono presenti anche prima della nascita.

Il Jing equivale all’essenza, il Chi all’energia e lo Shen allo spirito. Nel momento in cui la persona acquisisce una forma nel mondo, cioè dopo la nascita, anche questi tre elementi lo fanno e si manifestano su piani fisici differenti.

In questo modo, il Jing finisce per essere incarnato o rappresentato dal corpo in modo integrale. Il Chi diventa il respiro dell’essere umano. Infine, lo Shen prende forma nella mente. Dall’equilibrio di questi tre aspetti risulterebbe la “vita eterna”.

Donna con gli occhi chiusi.

L’alchimia interiore o il Neidan

Tutto ciò che riguarda il Neidan è registrato in diversi libri, alcuni dei quali molto antichi. Tutti indicano che l’alchimia interiore si ottiene attraverso l’armonizzazione e l’equilibrio tra i Tre Tesori.

Secondo il Libro dell’equilibrio e dell’armonia, che risale al XVIII secolo, per raggiungere l’alchimia interiore, e con essa la longevità e infine la vita eterna, bisogna sviluppare le seguenti dimensioni:

  • Essenza. Significa soddisfare il corpo per eliminare il desiderio.
  • Energia. Si ottiene solo dopo aver completato l’essenza. Implica il nutrimento della mente, l’eliminazione dei pensieri.
  • Spirito. Implica unire il corpo e la mente attraverso l’assenza del desiderio e del pensiero per recuperare il vuoto.

Conclusioni

Se i tre processi vengono completati, e in aggiunta si ottiene un equilibrio tra yin e yang, si ottengono salute e longevità. Lo squilibrio tra questi elementi porta alla malattia e alla morte secondo il Tao.

Potrebbe interessarti ...
Yin e yang: il concetto di dualità dell’esistenza
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Yin e yang: il concetto di dualità dell’esistenza

Yin e yang sono concetti appartenenti alla filosofia cinese, e più precisamente al taoismo. Quest’ultima è una corrente di pensiero fondata da Lao ...



  • Valdenegro, A. (2013). Cuidado de sí y más allá: pitagorismo, budismo y taoísmo. Revista Fermentario, 2(7).