Il punto critico per avviare grandi trasformazioni

Una svolta non è frutto del caso, ma è prodotta dalla combinazione di una serie di fattori che il sociologo Malcolm Gladwell ha descritto in dettaglio.
Il punto critico per avviare grandi trasformazioni

Ultimo aggiornamento: 08 giugno, 2022

Un punto critico segna un netto cambiamento in alcune situazioni. In realtà è un concetto che viene dalla matematica e si riferisce a quel punto in cui una curva cambia pendenza. Da quella prospettiva, è definito come un punto in cui la linea tangente è perfettamente orizzontale.

In sociologia, il concetto di punto di svolta è usato con altre connotazioni. In particolare, questo fenomeno è stato studiato dal sociologo Malcolm Gladwell che vi ha trovato molteplici dimensioni coinvolte.

In termini generali, Gladwell definisce il punto di svolta come quel momento in cui un trend diventa un fenomeno virale, o massivo in senso stretto. Ciò si verifica in diversi campi, tra cui l’economia, la politica e la cultura.

“Il punto di svolta è quel momento magico in cui un’idea, una tendenza o un comportamento sociale attraversa una soglia, si inclina e si diffonde a macchia d’olio”

-Malcolm Gladwell-

Il punto critico

Malcolm Gladwell ha studiato in dettaglio i fattori che rendono possibile l’emergere del punto critico. Com’è possibile che qualcosa acquisisca influenza e poi diventi una realtà enorme? Quali fattori entrano in gioco?

Sulla base di domande come queste, Gladwell ha stabilito una serie di principi che rendono possibile il punto critico. Sono i seguenti.

La regola 80/20

La regola 80/20 è un vecchio principio secondo cui il 20% dei fattori determina il restante 80%. Nel caso del punto critico, ha a che fare con il fatto che poche persone chiave (20%) guidano e determinano il cambiamento per gli altri (80%).

Qualcosa, dunque, diventa massiccio non in modo lineare, ma per effetto di azioni compiute da persone chiave. Paragonabili a chi in epidemiologia ha un potenziale di diffusione molto ampio.

L’azione dei connettori

I connettori sono persone che hanno un’ampia rete di relazioni sociali , anche se superflue. In termini di diffusione, sembra meglio avere una rete di contatti ampia e superficiale che una rete di contatti più profonda. I connettori hanno “legami deboli”, ma questi contano molto quando si tratta di viralizzare una realtà.

I mavens o esperti

Gli esperti, che Gladwell chiama Mavens, sono specialisti con la capacità di acquisire informazioni rilevanti e arricchirle. In quanto tali, non godono di un’ampia cerchia tramite cui diffondere le loro idee.

Tuttavia, i connettori usano i mavens come fonti di informazioni e quindi la loro influenza risulta notevole.

Innovazione e sorpresa

Secondo Malcolm Gladwell, affinché un’idea raggiunga il punto critico, deve offrire innovazione e sorpresa. Non basta che ci siano agenti a diffonderlo, l’idea o il concetto promossi devono avere un loro fascino, qualcosa che li distingua dalla media.

Il contesto e le circostanze: piccole azioni, grandi cambiamenti

Gladwell ha scoperto che il punto critico non viene raggiunto da grandi azioni. Ciò che conta è piuttosto la somma di tante azioni minori. Questo è in realtà ciò che viene poi tradotto come viralità.

In questo ordine di idee, le circostanze esterne influenzano i nostri comportamenti individuali. Ad esempio, in un contesto di insicurezza sociale, le persone tenderanno a sviluppare molte piccole azioni di sfiducia.

Allo stesso modo, Gladwell sottolinea l’importanza di modificare le piccole realtà per produrre un impatto che diventi massiccio. Cita come esempio la criminalità a New York negli anni ’80.

Un fattore che è riuscito a sconfiggerla è stato quello di rendere punibile l’evasione dal pagamento del biglietto della metropolitana. Punendo efficacemente quel delitto minore, si cominciò a ridurre i reati più gravi. Si è così generata una svolta.

Figure di bastoncini di carta.

Viralizzare e “deviralizzare”

Tutte queste premesse sono state applicate in ambito commerciale. A tal proposito, Gladwell ha evidenziato che in questo ambito, così come in politica, la tecnica della diffusione dei contenuti come se si trattasse di voci di corridoio funziona applicando tre passaggi:

  • Parlare di un’idea o di un prodotto, in termini di “sentito dire”. Non vengono forniti dettagli, si suscita solo l’interesse.
  • Offrire improvvisamente i dettagli mancanti. Questo crea un grande impatto.
  • Introdurre il contenuto della voce nelle conversazioni di tutti i giorni, per quanto possibile.

Tutto questo vale sia nel marketing sia in molti ambiti diversi. Lo stesso Gladwell ha proposto l’idea di applicarlo con l’obiettivo di ridurre il consumo di tabacco e i suicidi tra gli adolescenti.

Queste premesse e tecniche non servono solo a viralizzare una realtà, ma anche a “deviralizzarla”. Questo è ciò che si intende per punto di non ritorno.

Potrebbe interessarti ...
Le notizie virali: una manipolazione mascherata
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Le notizie virali: una manipolazione mascherata

Le notizie virali raggiungono un ampio margine di diffusione su Internet. Quasi sempre mediante i principali social network, come Facebook e Twitte...



  • Castañeda, A. (2013). Un acercamiento a la construcción social del conocimiento: Estudio de la evolución didáctica del punto de inflexión (Doctoral dissertation).
  • Gladwell, M. (2016). El punto de inflexión. Cómo hacer una gran diferencia con cosas muy pequeñas . Flammarion.
  • Ramos-Serrano, M. (2007). Comunicación viral y creatividad. Revista Creatividad y Sociedad, 11, 202-226.