La ferita dell'abbandono è la più duratura

L'abbandono del partner, dei genitori, di un amico genera una ferita che non si vede, ma che pulsa ogni giorno.
La ferita dell'abbandono è la più duratura

Ultimo aggiornamento: 17 dicembre, 2021

La ferita dell’abbandono del partner, dei genitori durante l’infanzia o anche della società non si vede, ma pulsa ogni giorno. È una radice sradicata, un legame spezzato di cui si nutrivano le nostre emozioni e la nostra sicurezza.

L’abbandono non è prodotto solo dall’assenza fisica, ma anche dall’assenza di autenticità emotiva, per cui compaiono il disinteresse, l’apatia e la freddezza. La percezione di questo vuoto non ha età; ogni bambino può percepirlo e può devastare qualsiasi adulto.

Si dice spesso che per capire cosa significa essere abbandonati, “bisogna essere abbandonati”. Tuttavia, questo è qualcosa che nessuno merita, perché con ogni assenza perdiamo una parte di noi stessi, e nessuno dovrebbe soffrire tale sofferenza.

Le conseguenze psicologiche che derivano da un’esperienza precoce di abbandono sono solitamente piuttosto gravi. Sebbene ogni persona reagisce in maniera diversa, le tracce di un trauma restano.

Nave abbandonata.

La ferita dell’abbandono: barche alla deriva cariche di assenze

La sensazione di abbandono può manifestarsi in molti modi. Diventiamo barche alla deriva quando, ad esempio, perdiamo il lavoro e non troviamo il modo di rientrare nel mercato del lavoro.

Rimaniamo incagliati, come è smarrito quel bambino che in tenera età viene abbandonato dalla madre, o come quell’uomo che un giorno tornando a casa, scopre una casa vuota e l’assenza della donna che amava.

Sulla pagina Abandonment.net chiunque ne ha bisogno può esporre la propria esperienza in merito all’abbandono. Molti trovano terapeutico poter condividere queste esperienze, ma la maggior parte di queste testimonianze parla di un trauma avvenuto in tenera età: la morte di un genitore, avere un genitore alcolizzato o essere praticamente cresciuti in la solitudine.

Essere vittima di abbandono durante l’infanzia è determinante. Tanto che gli esperti lo descrivono come una seconda nascita.

Se la prima è stata dolorosa, ma colma di speranza, la seconda obbliga a dover “rinascere” in un mondo in cui non ci sentiamo amati, in cui dobbiamo imparare a badare a noi stessi a seguito della rottura di quel cordone ombelicale che ci univa a un cuore, alle emozioni, ai bisogni che dovevano essere soddisfatti.

Primo piano di una bambina.

Conseguenze associate all’abbandono emotivo

Quando si parla di conseguenze associate a una dimensione psicologica traumatica, è importante tenere presente che possono essere molto diverse.

Non tutte le persone provano ed esprimono il dolore allo stesso modo. Tuttavia, potremmo riassumerne le conseguenze nei seguenti punti:

  • Essere abbandonati durante l’infanzia si traduce spesso in serie difficoltà nell’instaurare relazioni stabili in età adulta. È comune diffidare, sentirsi vulnerabili, attraversare momenti di apatia, per cui è molto difficile gestire emozioni come rabbia o tristezza.
  • Quando una persona subisce l’abbandono del partner o della società può anche “sabotare se stessa” pensando di non meritare di essere felice o amata, di essere un buono a nulla, che non vale più la pena lottare per i propri sogni.
  • Compaiono anche problemi di codipendenza, poiché si ha bisogno di approvazione e riconoscimento; allo stesso modo, si arriva a dare troppo agli altri, sentendo però di non ricevere lo stesso trattamento. Questa dipendenza influisce negativamente sui legami affettivi.
  • Sono comuni le “reminiscenze emotive”. A volte qualcosa o qualcuno riapre la ferita dell’abbandono e il mondo si ferma.
  • Sono comuni anche disturbi d’ansia e depressione, ad esempio il costante bisogno di convalida esterna, la paura del rifiuto e i sentimenti di colpa e vergogna.

Quelli esposti sono segni di un grave disturbo da stress post-traumatico che deve essere gestito.

Uomo con una mano sul petto che soffre per la ferita dello abbandono.

Come sanare la ferita dell’abbandono

La ferita dell’abbandono va sanata prestando particolare attenzione all’autostima e, soprattutto, sapendo perdonare, liberarsi da quel passato come chi taglia il filo di un palloncino e lo lascia andare.

  • La terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) è utile a rilevare e trasformare i ricordi traumatici dell’infanzia. Permette alla persona di liberare la mente, il corpo e di aprire il suo cuore per offrirgli un adeguato sollievo emotivo. Naturalmente, bisogna affidarsi a uno psicologo professionista.
  • È importante imparare a comunicare i bisogni emotivi. Attraverso le parole, la persona ferita riuscirà a entrare in sintonia con gli altri così da essere aiutata e sostenuta, il che favorirà relazioni più stabili.
  • Lavorare per rafforzare l’autostima è essenziale per sanare la ferita dell’abbandono. Riconnettersi con se stessi, i propri hobby, interessi e sogni sarà di grande aiuto per prendere progressivamente il controllo della propria vita, stringere un legame d’amore con il proprio essere e riconoscere l’importanza di diventare più autonomi e indipendenti.
  • Perseverare nello sviluppare la fiducia in se stessi e negli altri. Permettersi di stabilire nuovi legami aiuterà a capire che la ferita dell’abbandono può rimarginarsi grazie all’amore che si riceve lungo tutta la vita. Allo stesso modo, che tutti i legami sono transitori e che possiamo sempre connetterci affettivamente con gli altri.
Mani tese su alcuni fiori.

Conclusioni

Imparare a prenderci cura di noi stessi, a darci la priorità ogni giorno per disconnetterci a poco a poco dalla rabbia e dal risentimento, ci libererà delle ferite di ieri.

La memoria non può cancellare la tristezza del passato, ma può donare calma e tranquillità come chi guarda un fiume scorrere.

Tutto passa, e sebbene le pietre più fredde e più scure rimangano sul fondo, l’acqua scorre limpida e pura su di esse. È possibile ricominciare.

This might interest you...
Abbandono paterno: quali effetti?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Abbandono paterno: quali effetti?

Molti bambini crescono senza la presenza di un genitore. I tassi di abbandono paterno rimangono molto elevati, soprattutto in America Latina.