La risata della donna psicopatica, il fascino manipolatore

La psicopatia nelle donne appare in modo più velato e sibillino che negli uomini. Sono molto abili nelle tecniche manipolative e spesso usano risate, fascino e senso dell'umorismo, come risorsa per conquistare gli altri...
La risata della donna psicopatica, il fascino manipolatore

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 19 novembre, 2022

La risata della donna psicopatica è un’esca con cui guadagnare fiducia. Serve anche a stupire, mostrare ingegno e vicinanza con la persona che ci interessa. Con questo gesto sociale riesce a essere al centro dell’attenzione e rafforzare la propria percezione di grandiosità. Perché se c’è una dimensione che spicca nelle donne con psicopatia, è il narcisismo.

Allo stesso modo, potrebbe colpire più di uno di voi che questo disturbo di personalità appaia anche sul cromosoma XX. Perché la verità è che, nella nostra cultura popolare, rafforzata soprattutto dal mondo del cinema e della letteratura, ci ha fatto associare quasi esclusivamente la personalità psicopatica al genere maschile, ma non è così.

Va detto che qualche altro scrittore è diventato famoso quando ha deciso di ritrarre la figura di una donna psicopatica. Scioccante è stata, ad esempio, Amy Dune dal libro Gone Girl di Gillian Flynn. E indimenticabile è stato senza dubbio il personaggio di Annie Wilkies, in Misery di Stephen King. Ora, queste donne agghiaccianti si adattavano al modello comportamentale descritto dalla scienza?

Ebbene, una cosa che ci viene raccontata in uno studio della dott.ssa Caroline Logan, psicologa forense dell’Università di Manchester (Regno Unito), è che, in realtà, la psicopatia nelle donne ha poche ricerche scientifiche. E questo è così perché il loro comportamento non è così facile da identificare. Ma questo non significa che la loro presenza non sia altamente dannosa…

La donna psicopatica spesso mina l’autostima degli altri. Lo fa diffondendo voci, intimidendo e rivolgendo l’ambiente della vittima contro di loro.

donna con risata psicopatica femminile
Secondo uno studio, le donne con psicopatia usano la risata in modo insensibile e manipolativo.

La risata della donna psicopatica

Non tutti gli psicopatici commettono crimini. Sebbene i film e i libri ci portino quell’immagine più oscura e minacciosa di questo profilo, la realtà è lontana da quell’immagine. Infatti, uno studio dell’Università di Tromsø, in Norvegia, indica che solo il 17% della popolazione carceraria femminile mostra psicopatia.

Per valutare questa caratteristica viene spesso utilizzato il test della psicopatia di Robert de Hare. Quindi, e sebbene sappiamo che la prevalenza di questo disturbo è molto più bassa nelle donne che negli uomini, ci sono le sue caratteristiche che attirano la nostra attenzione. Negli ultimi anni sta comparendo più documentazione scientifica e c’è una caratteristica curiosa su cui vale la pena soffermarsi: la risata della psicopatica femminile.

Istrionica seducente

Se c’è un nome che spicca nello studio della psicopatia, è proprio il dottor Robert Hare. Grande esperto di psicologia criminale, ci ha regalato libri interessanti come Psychopathy (1984) e il più notevole di tutti, Sin conciencia (1993). Qualcosa che nelle sue pagine ci fa notare è la grande capacità dello psicopatico di essere eloquente e geniale nella sua dialettica.

La donna con questo profilo non è solo una brava conversatrice, ma spesso rasenta la personalità istrionica. Tuttavia, è un istrionico altamente accattivante con cui guadagnare la fiducia e l’attenzione di chi vuoi. Così, e in mezzo a questi trucchi, spiccano le loro risate, le risate ei loro sorrisi calcolati all’interlocutore. Non scompare mai.

Questo gesto consente diversi scopi. Il primo è creare uno scenario di relax e apertura emotiva. Il secondo è sedurre, trasmettere vicinanza e persino gentilezza. Il terzo obiettivo è dare verità alle loro falsità. Una bugia pronunciata con un sorriso è molto più veritiera e convincente.

La risata della donna psicopatica, la presa in giro nascosta

Questi dati sono interessanti. I ricercatori dell’Università di Zurigo hanno condotto uno studio su 233 adulti. 143 donne e 90 uomini. Qualcosa che hanno scoperto è che, in effetti, uno psicopatico non usa la risata nello stesso modo in cui lo facciamo noi. Ridere non è sempre un riflesso di gioia, connessione emotiva con gli altri, empatia o riflesso di rilassamento in un momento piacevole.

La risata della psicopatica femminile è uno strumento per controllare, ingannare e umiliare. Sebbene entrambi i sessi usino sorrisi, risate e risate come straordinarie maschere sociali per integrare, apprezzare e attirare l’attenzione, le donne vanno un po’ oltre. Sono più calcolatori e non si lasciano trasportare dall’impulsività tanto quanto gli uomini.

Sono ingegneri del pettegolezzo più vorace, diffondono voci dannose per distruggere chi vogliono. Lo fanno con arguzia attenta e fascino bonario. La sua risata, oltre ad essere manipolativa, può essere anche burlesca e fredda. Il disprezzo spesso fa capolino dall’angolo della sua bocca.

Mentre gli uomini con tratti psicopatici sono definiti dall’impulsività e dalla mancanza di pianificazione, le donne con questa caratteristica sono più machiavelliche e calcolano meglio i loro obiettivi.

Donna che rappresenta una risata psicopatica femminile
Dietro la donna con tratti di psicopatia c’è di solito una storia di abusi o maltrattamenti.

Cosa si nasconde dietro il sorriso

Winifred Rule è l’autore di Born to Destroy, Psychopathy in Females, a Life Story (2013), il primo libro a profilare in modo completo la psicopatica femminile. Sottolinea un aspetto interessante. Queste persone, oltre ad essere incapaci di amare, non si amano nemmeno. Le loro menti sono dominate dall’invidia, dall’infelicità e dal costante sentimento di mancanza. Tutti sembrano dover loro qualcosa.

Sono dannosi, soprattutto per i loro esseri più vicini, come la famiglia e persino i loro figli. Tuttavia, la loro aggressività non è comportamentale, come spesso accade negli uomini. Ricorrono sempre a uno stratagemma molto chiaro, come l’usura psicologica e il dominio. Tuttavia, dietro quel sorriso che funge da prezioso strumento, spesso si nascondono ansia, stress e depressione.

Le psicopatiche donne tendono a soffrire di più disturbi emotivi rispetto agli psicopatici maschi. Colpisce infatti che la storia clinica di molti di loro mostri, molto spesso, un passato di abusi e maltrattamenti. Pertanto, sebbene sia vero che i disturbi mentali, come certi tratti della personalità, non hanno un genere, ci sono sempre delle piccole peculiarità.

La psicopatia femminile è un’area in cui dobbiamo ancora andare molto più a fondo.



  • Hare, Robert D. (1990). Without Conscience: The Disturbing World of the Psychopaths Among Us (New York: The Guilford Press). 34.
  • Logan, C. (2011). La femme fatale: The female psychopath in fiction and clinical practice. Mental Health Review Journal16(3), 118–127. https://doi.org/10.1108/13619321111178078
  • Monhonval, P., Linkowski, P., & Leistedt, S. (2011). [The female psychopath: a review]. Rev Med Brux32(3), 158–168.
  • Proyer, Rene T., Flisch, Rahel, Tschupp, Stefanie, Platt, Tracey, Ruch, Willibald. (2012). How does psychopathy relate to humor and laughter? Dispositions toward ridicule and being laughed at, the sense of humor, and psychopathic personality traits. University of Zurich Open Repository. https://doi.org/10.5167/uzh-62966. 5.