La sindrome di Pinocchio

· 6 luglio 2016

La sindrome di Pinocchio è conosciuta in psichiatria con l’espressione “bugiardo patologico” o anche con il termine “mitomania”. Alcuni ricercatori che si occupano dello studio della mente umana rivelano che le persone che soffrono di questa patologia si caratterizzano per la tendenza irrimediabilmente compulsiva a dire bugie, a mentire.

Quando osserviamo persone che in età adulta vivono la loro vita all’insegna delle bugie e dell’inganno per giustificare le loro azioni o per arginare qualche difetto di autostima, allora siamo in presenza di un problema serio.

Non tutte le persone che mentono hanno questa sindrome. Alcuni mentono di continuo per ottenere un beneficio, ma il bugiardo patologico non mente con un’intenzione chiara. Le sue bugie sono spontanee e non pianificate e, una volta entrato in questa dinamica di farse ed inganni, non riesce a smettere e molto spesso porta avanti le bugie per anni. Il bugiardo patologico sa di mentire, ma non può evitarlo tanto che alla fine finisce per credere lui stesso alle sue storie.

pinocchio

Le caratteristiche della sindrome di Pinocchio

I principali tratti che contraddistinguono un bugiardo patologico sono i seguenti:

– Le storie che racconta non sono deliri e non sono del tutto inverosimili, infatti hanno qualche traccia di verità.

La tendenza a raccontare bugie è prolungata, ovvero si tratta di una caratteristica della personalità e non ha alcun legame con le situazioni o l’ambiente sociale.

– Le storie e le bugie di solito inquadrano il bugiardo patologico in modo positivo e favorevole.

Il bugiardo compulsivo crede davvero che i fatti immaginati si siano verificati, negando fermamente che questi eventi siano solo un prodotto della sua immaginazione.

La mitomania non è inoffensiva. Ha effetti collaterali di diverso tipo. Nell’ambito sociale, ad esempio, il mitomane solitamente perde credibilità e viene considerato un “chiacchierone”. A livello familiare, il bugiardo patologico è visto come una persona poco raccomandabile e non meritevole di fiducia. A livello di relazioni interpersonali, gli amici tendono ad allontanarsene o alla fine è il bugiardo stesso ad essere allontanato.

L’unico trattamento per le persone che hanno questa sindrome è la psicoterapia, anche se al giorno d’oggi non ci sono ricerche e prove su quest’argomento che possano garantire la guarigione definitiva del paziente.