La violenza domestica può causare disturbo post-traumatico da stress?

La violenza domestica di solito avviene in un ambiente chiuso, quello della casa. Quindi, questo tipo di violenza contiene un paradosso: si verifica dove la persona dovrebbe sentirsi più sicura. Parliamo delle sue conseguenze, soffermandoci su una in particolare: lo stress post-traumatico.
La violenza domestica può causare disturbo post-traumatico da stress?

Scritto da Elena Sanz

Ultimo aggiornamento: 16 novembre, 2022

La violenza domestica non riguarda semplici “incomprensioni o problemi relazionali” oppure ancora “genitori eccessivamente autoritari”. Si tratta di persone che vivono una situazione traumatica a lungo termine che genera conseguenze psicologiche e colpisce non solo il benessere, ma anche la capacità di relazionarsi con gli altri. Infatti, in molte occasioni, queste esperienze possono portare al disturbo post-traumatico da stress (PTSD).

Questo tipo di violenza è estremamente doloroso per chi la subisce, poiché viene attuato da qualcuno che, in teoria, dovrebbe essere il più grande supporto o rifugio sicuro: ovvero il proprio partner oi genitori.

Nei bambini questo può causare seri problemi di attaccamento che li riguarderanno per tutta la vita. Negli adulti genera anche sintomi molto limitanti e un forte impoverimento della qualità della vita.

Donna molto spaventata
La violenza domestica può causare disturbi psicologici nelle vittime.

Cos’è il disturbo da stress post-traumatico?

Il disturbo da stress post-traumatico è incluso nella categoria dei disturbi legati a traumi e fattori di stress all’interno del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM 5). È una possibile risposta psicologica all’esposizione a un evento traumatico e può iniziare fino a diversi mesi dopo l’evento.

Inizialmente, questo disturbo veniva studiato tra i veterani di guerra, ma oggi è noto che chiunque venga esposto a una situazione potenzialmente traumatica è suscettibile di svilupparla. Ora, cosa consideriamo una situazione potenzialmente traumatica?

Ebbene, consideriamo qualsiasi evento/ambiente che minacci o minacci l’integrità fisica o psicologica della persona come situazione potenzialmente traumatica. Un’esperienza in cui la persona può sentire di non avere le risorse necessarie per affrontare quella minaccia; in qualche modo si sente intrappolata, tra una “spada” che potrebbe porre fine alla sua vita e il muro.

Vale la pena ricordare che il disturbo da stress post-traumatico non si manifesta prima dell’evento traumatico, poiché ogni persona vive ed elabora l’evento in modo diverso. Ad esempio, si è visto che circa il 70% degli adulti negli Stati Uniti ha vissuto un evento traumatico, ma solo il 20% di loro ha finito per soffrire di questo disturbo.

La violenza domestica implica una situazione di minaccia cronica, in cui la persona non si sente al sicuro né nella propria casa né con la propria figura di attaccamento. Questo attiva il meccanismo di lotta-volo-congelamento e mette in allerta tutto il tuo corpo. Pertanto, il disturbo da stress post-traumatico potrebbe eventualmente essere attivato.

Principali sintomi del disturbo da stress post-traumatico

Se un adulto o un bambino che ha subito violenza domestica finisce per sviluppare un disturbo da stress post-traumatico, avrà i seguenti sintomi:

  • Ricordi intrusivi dell’evento traumatico che appaiono sotto forma di vividi flashback o incubi.
  • Evasione ed evitamento persistente degli stimoli legati al trauma vissuto. Vengono evitati pensieri, situazioni, persone o oggetti che ricordano l’evento.
  • Cambiamenti nel pensiero e nell’umore. Compaiono intense emozioni negative (come paura, rabbia, senso di colpa o vergogna), nonché apatia e perdita di interesse per attività significative. Inoltre, la persona di solito sviluppa convinzioni molto negative verso se stessa e verso gli altri.
  • Ipereccitazione. C’è un’alterazione dello stato di allerta che porta la persona a essere in costante vigilanza, a reagire con grande shock e ad essere irritabile e sfocata.

La violenza domestica può causare PTSD

I sintomi sopra descritti sono molto limitanti e causano grande sofferenza. Per questo è importante non sottovalutare le esperienze di chi ha subito violenza domestica. Ed è che l’impatto a livello psicologico può essere equivalente a quello causato da un attacco, una calamità naturale o una guerra, poiché costituiscono tutti eventi traumatici.

Inoltre, la violenza domestica ha alcune componenti che costituiscono fattori di rischio. Cioè, aumentano la probabilità di scatenare il disturbo da stress post-traumatico:

  • Si verifica violenza interpersonale. Contrariamente a quanto accade, ad esempio, in una calamità naturale, in questo caso è un essere umano che attacca deliberatamente.
  • Il trauma è perpetrato da un caregiver o da una figura di attaccamento significativa. Questo pone la vittima in una situazione impossibile in cui colui che dovrebbe difenderla o essere il suo sostegno è in realtà il suo carnefice o abusatore.
  • Nel caso di bambini che assistono a violenze domestiche tra i genitori, il fatto di vedere che un caregiver è in pericolo genera un impatto enorme che aumenta il rischio.

Inoltre..

  • Il trauma è cronico e si accumulano diversi eventi della stessa natura. Non è un evento irripetibile, ma un’esperienza estremamente negativa che viene vissuta quasi quotidianamente, quindi il danno è costante e la persona è costretta a stare all’erta.
Ragazzo triste
La violenza domestica può causare problemi di attaccamento nei bambini.

Conseguenze e approccio del PTSD causato dalla violenza domestica

Quando una persona subisce violenza dal proprio partner o dai propri genitori, può essere gravemente colpita psicologicamente. In effetti, è stato dimostrato che nel disturbo da stress post-traumatico vengono influenzati la struttura e il funzionamento di varie aree cerebrali che mediano l’adattamento allo stress, alla paura condizionata e al processo decisionale.

Pertanto, non è facile per le vittime fidarsi di nuovo degli altri o stabilire relazioni abbastanza profonde da far sì che si verifichi quella che chiamiamo intimità. In effetti, diverse ricerche hanno dimostrato che anche i bambini che subiscono abusi fisici prima dei 12 anni sembrano essere più vulnerabili nei confronti dei coetanei che cercano anche loro di maltrattarli.

Allo stesso modo, la rivittimizzazione è comune in coloro che lasciano una relazione di violenza domestica, ed è che la persona interiorizza l’idea di non meritare una relazione in cui l’altro non ne abusa.

D’altra parte, le vittime spesso soffrono della comparsa di fattori scatenanti. Cioè stimoli che associano all’esperienza traumatica e che attivano tutta la loro vigilanza, terrore e sofferenza. Può essere, ad esempio, il suono delle chiavi nella serratura, un certo tipo di macchina o l’odore di profumo; qualsiasi cosa che ricordi il trauma o l’autore.

La violenza domestica: considerazioni finali

Alla fine, queste persone affrontano grandi sofferenze; l’impatto è ancora maggiore nei bambini che crescono con un attaccamento disorganizzato. Pertanto, è fondamentale affidarsi a professionisti e ricorrere a trattamenti efficaci per il disturbo da stress post-traumatico. Tuttavia, poiché in una situazione di violenza domestica la paura può paralizzare la vittima e impedirle di chiedere aiuto, avere un social network di supporto sarà di grande aiuto per avviare il processo.

Potrebbe interessarti ...
Tratti di chi maltratta psicologicamente
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Tratti di chi maltratta psicologicamente

Causa le stesse ferite, o più, di chi aggredisce fisicamente. In questo articolo presentiamo i tratti di chi maltratta psicologicamente.



  • Aguirre, P., Cova, F., Domarchi, M., Garrido, C., Mundaca Ll, I., Rincón, P., … & Vidal, P. (2010). Estrés postraumático en mujeres víctimas de violencia doméstica. Revista chilena de neuro-psiquiatría48(2), 114-122.
  • Benedini, K. M., Fagan, A. A., & Gibson, C. L. (2016). The cycle of victimization: The relationship between childhood maltreatment and adolescent peer victimization. Child Abuse & Neglect59, 111-121.
  • Sidran Institute. (2018). Traumatic Stress Disorder Fact Sheet. Disponible en: https://www.sidran.org/wp-content/uploads/2018/11/Post-Traumatic-Stress-Disorder-Fact-Sheet-.pdf
  • Zegarra-Valdivia, J. A., & Chino-Vilca, B. N. (2019). Neurobiología del trastorno de estrés postraumático. Revista mexicana de neurociencia20(1), 21-28.