L'attenzione è una facoltà mentale decisiva

Vivere profondamente e intensamente dipende dall'attenzione che diamo a ogni esperienza. Al giorno d'oggi, siamo bombardati da stimoli che ci distraggono, frammentando la nostra coscienza.
L'attenzione è una facoltà mentale decisiva

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio, 2021

L’attenzione è una facoltà umana essenziale, non solo per l’apprendimento ma anche per la vita stessa. Al giorno d’oggi, tutto sembra cospirare per impedirci di stare attenti. Riceviamo molti stimoli simultaneamente, di conseguenza la nostra coscienza è frammentata. Concentrarsi diventa una vera e propria impresa.

Quasi tutte le attività che svolgiamo sono costantemente interrotte. Se ci pensiamo un attiamo, ci accorgeremo che raramente eseguiamo una sequenza completa di azioni in modo continuo. Iniziamo a fare qualcosa e subito arriva una notifica sul telefono, o sentiamo un rumore, e perdiamo la concentrazione. La distrazione è sempre in agguato.

“L’amore istruisce gli dèi e gli uomini, perché nessuno impara senza desiderare di imparare. La verità è ricercata non in quanto verità, ma in quanto bene.”

-Simone Weil-

L’esempio più evidente è lo smartphone, che controlliamo di continuo senza motivo. Ma questo rapporto nervoso con il telefono è solo la punta dell’iceberg. Ormai siamo strutturalmente programmati per distrarci con facilità. Per la maggior parte del tempo, i nostri pensieri e i nostri sentimenti sono in movimento.

Teorie di William James

William James fu uno dei pionieri della psicologia e uno dei ricercatori che studiò con maggiore cura l’attenzione. A differenza di quanto pensavano i suoi contemporanei, James dimostrò che un’esperienza è tale solo se è mediata dall’attenzione. Quando non stiamo attenti a quello che viviamo, e come se non l’avessimo vissuto.

Ciò che consideriamo reale non è altro che ciò a cui prestiamo attenzione. Qualcosa conta per noi perché vi prestiamo attenzione. Altrimenti, è come se non esistesse.

Per cui, la realtà che percepiamo è sempre una realtà delimitata da noi stessi. Decidiamo di concentrarci su alcuni aspetti e di ignorarne altri. In questo senso, l’attenzione definisce integralmente la nostra coscienza.

Foto di William James.

Secondo William James, un genio si riconosce dalla sua capacità di mantenere un’attenzione sostenuta. Spiega che chiunque sia in grado di concentrarsi con decisione su un argomento è una persona con sufficiente padronanza da distinguersi al di sopra della media.

Non importa se è un prodotto della forza di volontà o di un interesse spontaneo. Seguire un argomento con costanza porta a conoscerlo a fondo; nonché alla nascita di creazione, invenzione e scoperta.

L’attenzione monetizzata

Oggigiorno, l’attenzione è un bene che genera guadagno. È da tempo che abbiamo smesso di essere persone, individui o soggetti. Ora, siamo tutti utenti di qualcosa. E l’attenzione degli utenti è un fattore che viene capitalizzato. C’è chi guadagna con un like, con la visita a un certo contenuto o con i follower. Il mercato si batte per ottenere la nostra attenzione.

Ed è proprio il mercato a bombardarci di stimoli. L’intera economia digitale si basa sul catturare l’attenzione della gente. Purtroppo, cadiamo facilmente in questa rete. Il mondo digitale disperde la nostra attenzione con le notizie virali, i social network e la comunicazione frenetica tipica di quest’ambiente.

Il risultato di ciò è la coscienza dispersa che porta a esperienze di vita disperse. Viviamo migliaia di esperienze quotidiane ma, alla fine, nessuna è completa. Lasciamo scorrere ciò che ci succede senza soffermarci su un elemento o su un aspetto specifico. Come guardare senza vedere o sentire senza ascoltare.

Donna che guarda i social network e la attenzione va via.

L’attenzione è diventata un obiettivo

Sì, è possibile coltivare ed educare all’attenzione. Non è questione di forza di volontà né deve essere indotta con la forza. Tutte le filosofie orientali parlano dell’importanza dell’attenzione piena e promuovono metodi per svilupparla. Il primo di questi è la meditazione.

Durante la loro scoperta del mondo, i bambini sono molto attenti a tutto quello che li circonda. Possono passare ore a esaminare un oggetto o il comportamento altrui. Prestare attenzione è un esercizio di contemplazione, che si accompagna alla capacità di sorprendersi e all’interesse per la scoperta.

Oltre alla meditazione, il modo migliore per sviluppare l’attenzione è ridurre il numero di stimoli con consapevolezza. Ciò significa lavorare per disattivare la tendenza ad accumulare informazioni, amici, conoscenze, ecc. Meno quantità e più qualità. Meno rumore e più silenzio. Meno esperienze di poco conto e più esperienze complete.

Potrebbe interessarti ...
Tipi di attenzione e le  loro caratteristiche
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Tipi di attenzione e le loro caratteristiche

L'attenzione è un processo cognitivo complesso. Capire che esistono diversi tipi di attenzione è importante tanto quanto rafforzarli tutti.



  • Estévez-González, A., García-Sánchez, C., & Junqué, C. (1997). La atención: una compleja función cerebral. Revista de neurología, 25(148), 1989-1997.