Le citazioni di Spinoza più famose

Molte frasi di Spinoza vengono citate ancora oggi. Le sue parole sono accurate e le sue frasi racchiudono la filosofia che ha difeso.
Le citazioni di Spinoza più famose

Ultimo aggiornamento: 05 giugno, 2021

Ognuno di noi ha sicuramente utilizzato o letto le citazioni di Spinoza. Baruch Spinoza rimane uno dei pensatori più citati, perché i suoi aforismi sono validi oggi come ai suoi tempi. Questo filosofo olandese fu uno dei tre grandi esponenti del razionalismo nel XVIII secolo.

Le citazioni di Spinoza parlano soprattutto di valori. Il suo pensiero è un misto di razionalismo di Cartesio, filosofia scolastica ed ebraismo. È per questo che nelle sue parole possiamo identificare chiaramente quell’interesse ad essere rigorosamente logico, così come il tentativo di conciliare ragione e religione.

Nonostante abbia condiviso le grandi verità del suo tempo, questo filosofo fu bandito da molti luoghi. Era persino considerato una specie di eretico e alcuni arrivarono a dire addirittura che era il precursore dell’ateismo. Niente di più falso.

Vi invitiamo a scoprire il pensiero di Spinoza attraverso alcune citazioni che meglio riflettono il suo modo di pensare.

“Non sono le armi che conquistano gli spiriti, ma l’amore e la generosità.”

-Spinoza-

Uomo che pensa.

Le citazioni di Spinoza

Il pentimento

Questa citazione di Spinoza è stata scritta quasi tre secoli fa, ma non perde la sua validità. Parla delle tempeste interiori degli esseri umani: “Chi si pente di un’azione è doppiamente miserabile e impotente”.

Come altri filosofi, Spinoza riteneva che il pentimento fosse del tutto inutile. Non solo, ma amplificava l’errore che lo aveva generato. Piuttosto che pentirsi e indulgere nel rimorso, si dovrebbe fare ammenda e imparare dall’errore.

Una frase di Spinoza sul passato

Spinoza è d’accordo con tutti quei pensatori che hanno parlato dell’importanza di conoscere a fondo il passato. Ciò che è già accaduto può continuare a gravitare in eterno se non viene affrontato ed elaborato.

A questo proposito, Spinoza afferma che: Se non vuoi ripetere il passato, studialo“. Sapeva che gli errori tendono a ripetersi nel tempo, quando non vengono assunti e chiariti. Chi inciampa due o più volte sulla stessa pietra, semplicemente non si è appropriato della sua esperienza.

La paura come causa della superstizione

Anche il tema della superstizione fa parte delle riflessioni di Spinoza. A questo proposito dice: “La causa che fa nascere, che conserva e che favorisce la superstizione è dunque la paura“.

Ricordiamo che la superstizione è una credenza infondata, che ci parla di cause magiche o soprannaturali.

Alla base di questo tipo di credenze c’è l’ignoranza, ma soprattutto la paura. Il non sapere fa nascere la paura e questa fa nascere la superstizione. Come quando qualcuno prova ansia per il suo futuro e pretende di conoscerlo attraverso oracoli o fonti che parlano di predestinazione.

La precisione e l’errore nelle citazioni di Spinoza

Baruch Spinoza disse: “La maggior parte degli errori si deve al solo fatto che non diamo il giusto nome alle cose”. Fa notare che la mancanza di precisione nelle parole è una continua fonte di errore. Una affermazione molto interessante.

Quando non riusciamo a nominare accuratamente una realtà, distorciamo quella realtà e, quindi, ci allontaniamo dalla sua comprensione.

Non chiamare le cose con il loro nome è fuorviante perché causa una distorsione che porta a una percezione errata.

Tutto conta nella realtà

Nulla in natura è privo di effetto“. Sembra un’affermazione molto semplice, ma in realtà è molto profonda. Ci parla della validità e dell’importanza di tutto ciò che esiste, non importa quanto insignificante possa sembrare.

Se qualcosa esiste, genera qualche effetto. Maggiore o minore, rilevante o banale, ma dà sempre luogo a una conseguenza. Questo significa che tutto e tutti intorno a noi esercitano una certa di influenza su ciò che accade nella nostra realtà. È sempre bene ricordarlo.

Donna che tocca una farfalla.

L’assenza d’amore nelle citazioni di Spinoza

Questa è una frase meravigliosa che ci parla dell’assenza dell’amore: “Ciò che non è amato non provoca mai lotte né tristezza né pigrizia né invidia se un altro lo possiede, né paura né odio né, in una parola, alcuna agitazione interiore”.

Significa che solo dove c’è amore si generano altri sentimenti, anche se sono negativi. Al contrario, l’assenza d’amore non genera nulla. Quindi c’è qualcosa di affettivo nell’invidia, nel rifiuto e in tutto ciò che genera una risposta emotiva.

Potremmo riempire pagine intere con le citazioni di Spinoza. Fu un pensatore molto prolifico, che la storia ha trattato meglio del suo tempo.

Potrebbe interessarti ...
Seneca e il suo segreto contro l’ansia
La Mente è MeravigliosaLeggilo in La Mente è Meravigliosa
Seneca e il suo segreto contro l’ansia

Che ci crediate o no, sin dai tempi di Seneca, agli albori dell'era cristiana, si parlava già di ansia. Non le veniva dato questo nome, né esisteva una scienza psicologica in quanto tale.



  • De Pablos Escalante, R. (2017). Las pulsiones y la pregunta por el entender: Spinoza, Nietzsche y Kuno Fischer”. Logos: Anales des Seminario de Metafísica, 50, 165.