Le competenze trasversali per essere un leader

Le competenze trasversali sono essenziali per essere un buon leader. Molti compiti possono essere eseguiti meglio dalle macchine, ma l'intelligenza emotiva è una caratteristica che appartiene agli uomini, almeno finora.
Le competenze trasversali per essere un leader

Ultimo aggiornamento: 07 maggio, 2021

Le competenze trasversali (o soft skill) sono sempre più rilevanti in ogni settore. Si ritiene che in futuro avranno sempre più importanza perché la sistematizzazione e automazione dei processi sono aspetti in cui la tecnologia ha e avrà un ruolo centrale. Per tutto il resto, sono necessarie altre abilità.

Vi ricordiamo che le competenze tecniche (o hard skill) sono tutte quelle abilità formali e tecniche necessarie per svolgere un’attività. Le competenze trasversali, invece, permettono alla persona di interagire con gli altri in modo efficace.

In un mondo in cui l’intelligenza artificiale sta guadagnando sempre più terreno, ciò che è conosciuta come intelligenza emotiva acquista crescente importanza.

In modo particolare, nel settore amministrativo le competenze trasversali sono oggi molto apprezzate e richieste. Alcune sono indispensabili in una posizione di leadership. Elenchiamo le più importanti.

“L’abilità e la pazienza possono avere successo dove la forza ha fallito”.

-Esopo-

Le competenze trasversali dei leader

1. Empatia

L’empatia è un’abilità essenziale per una buona leadership. Se un leader è colui che è in grado di tirare fuori il meglio da chi è sotto la sua guida, l’empatia risulta indispensabile per esercitare questo ruolo.

Ci riferiamo alla capacità di comprendere i sentimenti di un’altra persona. Una sorta di termometro per sapere come trattare e ispirare gli altri.

Attraverso di essa, si possono vedere e comprendere le debolezze e i punti di forza altrui. Ciò è essenziale per ottenere il meglio da ogni persona.

2. Abilità comunicative, una delle più importanti competenze trasversali

Le abilità comunicative sono indispensabili per un bravo leader. Non basta avere buone idee o iniziative favolose, bisogna anche saperle comunicare. Lo scopo è farsi capire e motivare i colleghi.

Trovare le parole giuste per comunicare un messaggio è di fondamentale importanza. Una buona idea perde gran parte del suo valore se non si riesce a spiegarla e a promuoverla. Allo stesso modo, con un linguaggio appropriato si evitano le critiche ed è possibile risolvere qualsiasi aspetto negativo.

3. Motivazione e ispirazione

Motivare e ispirare un gruppo di lavoro è un compito difficile. Bisogna pertanto usare più competenze trasversali. In particolare, la capacità di comunicare emozioni, condividerle e farle comprendere. In realtà, ciò va oltre la comunicazione ed entra nel campo dell’espressione.

Fare in modo che gli altri trovino l’ispirazione è ancora più difficile. Il modo ideale per raggiungere questo obiettivo è dare l’esempio. Bisogna ispirare gli altri attraverso i gesti e le azioni, più che con le parole.

Per ottenere ciò, deve esserci coerenza tra pensiero, parole e azioni. La coerenza fa parte del mondo dell’etica, non nasce da sola, ma si sviluppa col tempo.

4. Ascolto attivo tra le competenze trasversali

Si può affermare che questa è la base di tutte le competenza trasversali. È molto difficile diventare un buon leader se non si ha la capacità di ascoltare gli altri. Il punto di vista degli altri non solo arricchisce il proprio lavoro, ma è anche una fonte di ispirazione per trovare nuove idee e nuove soluzioni.

L’ascolto attivo, come dice la frase, significa essere partecipativi. Non bisogna limitarsi solamente ad ascoltare in silenzio quando qualcuno sta parlando.

Bisogna andare oltre e prestare attenzione a ciò che dice per sapere come interpretare il suo discorso. Inoltre, ovviamente, significa anche dare delle risposte ai problemi che gli altri sollevano.

5. Lavoro di gruppo

Il lavoro di gruppo richiede un corretto sviluppo delle competenze trasversali. Quando ci si impegna in un’attività insieme ad altri, la disponibilità e l’adattabilità contano quasi sempre più della conoscenza e dell’esperienza.

Un gruppo di lavoro non va avanti e non cresce se prevale la rivalità, il sospetto o la sfiducia. Un gruppo ben organizzato aiuta a migliorare le capacità individuali e a permettere una crescita collettiva.

In questo caso, la funzione del leader è decisiva perché permette di facilitare le sinergie tra i membri del gruppo.

Conclusioni

Il mondo va verso forme di produzione e di consumo sempre più orientate alla collaborazione. Ecco perché le competenze trasversali sono considerate un plus molto importante, sia in un collaboratore che in un leader.

È possibile sviluppare ogni competenza che rappresenterà uno strumento di grande valore per migliorare il proprio lavoro.

Potrebbe interessarti ...
I segreti della leadership da conoscere
La Mente è MeravigliosaLeggilo in La Mente è Meravigliosa
I segreti della leadership da conoscere

I segreti della leadership efficace sono tre e dovremmo conoscerli tutti. Non importa se ricopriamo una posizione importante in una grande azienda



  • Gómez-Gamero, M. E. (2019). Las habilidades blandas competencias para el nuevo milenio. Divulgare Boletín Científico de la Escuela Superior de Actopan, 6(11).