Le migliori frasi di Miguel Delibes

Miguel Delibes, scrittore spagnolo di romanzi, ci ha lasciato diverse frasi che ci invitano alla riflessione. Vi invitiamo a scoprirne alcune.
Le migliori frasi di Miguel Delibes

Ultimo aggiornamento: 20 febbraio, 2021

Il romanziere spagnolo Miguel Delibes ha scritto diversi libri che offrono una rassegna più o meno dettagliata della storia della letteratura spagnola. Per la sua estrema importanza nel panorama letterario di fine ‘900, riuniamo in questo articolo alcune delle migliori frasi di Miguel Delibes che ci permetteranno di avvicinarsi un po’ di più al suo pensiero.

Delibes non solo ci offre una vasta collezione di titoli, ma molte delle sue opere gli sono valse numerosi premi rinomati: il Premio Nazionale di Letteratura (1955), il Premio Nazionale delle Lettere Spagnole (1991) e il Premio Cervantes (1993) per citarne alcuni.

Questo rinomato autore è stato inoltre membro della Reale Accademia Spagnola. Posizione che ha mantenuto fino al 2010, anno della sua morte.

Le migliori frasi di Miguel Delibes

Il lato negativo della fama

“La fama non ha un posto a cui aggrapparsi che sia veramente positivo.”

Miguel Delibes non era uno scrittore che amava molto la fama. Come possiamo intuire da questa citazione, di fatto, riteneva che non avesse nemmeno un aspetto positivo. Una volta raggiunta, la tentazione di cadere nelle grinfie dell’ego o di abusare del potere associato sarebbe diventata irresistibile.

Questa posizione risulta a ogni modo un po’ paradossale, dal momento che Miguel Delibes con la sua opera El hereje (L’eretico) vinse il Premio Nazionale spagnolo di Narrativa (1999) che lo rese molto famoso.

La sua opera ricevette numerose recensioni positive e conquistò l’ammirazione di migliaia di lettori. Ciononostante, Delibes continuò a provare lo stesso sentimento negativo nei confronti della fama.

Libro aperto nella natura.

2. La lingua del popolo governa

“Il popolo è il vero proprietario dell’accademia.”

Occupare un posto nella Real Academia Española (RAE) portò Miguel Delibes a interrogarsi su chi fosse il vero proprietario della lingua. In questa seconda frase è chiara la sua opinione.

Le regole ortografiche cambiano tanto quanto il lessico, come sottolinea anche l’articolo pubblicato su Medicentro Electrónica. Per esempio, parole come “selfi” o “meme” sono già riconosciute dal molti dizionari perché entrate nel linguaggio comune.

3. Le migliori frasi di Miguel Delibes: depersonalizzazione e guerra

“Ricordo quel giorno come se avessi vissuto dentro un’altra pelle.”

Miguel Delibes dovette vivere la guerra civile. Esperienza che descrisse nelle sue opere in modo alquanto curioso, come se sentisse che il suo corpo non gli appartenesse. Questa sensazione suggerisce una sorta di stato di depersonalizzazione.

La depersonalizzazione è un’alterazione della percezione che sorge in un momento di ansia. La persona si sente separata dal proprio corpo. Si tratta di un evento unico. Tuttavia, è comprensibile che sul campo di battaglia l’ansia possa far comparire simili sintomi.

4. La tristezza stimola la creatività

“La perdita è una delle fonti di ispirazioni dello scrittore.”

Tra le frasi di Miguel Delibes questa spiega che una perdita provoca profonda tristezza, ma può essere al tempo stesso fonte di grande creatività. Forse è proprio per questo che, in molti casi, quando ci sentiamo tristi, sentiamo anche il bisogno di scrivere e di esprimerci.

Il sollievo emotivo che proviamo quando mettiamo su carta tutto quello che ci fa stare male può essere catartico. Per questo motivo, anche se una perdita non è certo piacevole, può essere utile per uno scrittore.

Donna che guarda alla finestra.

5. Le migliori frasi di Miguel Delibes: tutti possono cambiare

“Gli esseri umani vengono plasmati. Le montagne sono già fatte.”

L’ultima frase di Miguel Delibes ci invita a riflettere su quelle occasioni in cui sottovalutiamo la nostra capacità di metamorfosi. Così, indipendentemente dal nostro anno di nascita, se vogliamo cambiare, potremo sempre farlo.

Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, dovremo munirci di molta autocritica e consapevolezza. È molto meglio dire “è vero, mi sono sbagliato in più di un’occasione e cercherò di cambiare” piuttosto che nasconderci dietro la nostra età. Una posizione ci fa crescere, l’altra no.

Conclusioni

Le frasi di Delibes che abbiamo presentato sono solo un piccolo campione della sua narrativa. Vi consigliamo dunque di immergervi completamente nel suo pensiero.

Miguel Delibes è stato uno scrittore che, per la sua vita, la sua eredità letteraria e il suo amore per la sua lingua, merita di essere approfondito.

Potrebbe interessarti ...
Marcel Proust: lo scrittore della nostalgia
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Marcel Proust: lo scrittore della nostalgia

Marcel Proust fu lo scrittore della nostalgia. Per gli amanti della letteratura, Alla ricerca del tempo perduto è un’opera d’arte perfetta.



  • Alpízar, D. M. (2015). Enfermedad, muerte y duelo en Señora de rojo sobre fondo gris de Miguel Delibes. Estudios, (31), 691-703.
  • Barbado Hernández, F. J.. (2007). Medicina y literatura en la formación del médico residente de medicina interna. Anales de Medicina Interna24(4), 195-200. Recuperado en 27 de abril de 2019, de http://scielo.isciii.es/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0212-71992007000400010&lng=es&tlng=es.
  • Sierra-Siegert, M. (2008). La despersonalización: aspectos clínicos y neurobiológicos. Revista colombiana de psiquiatría37(1), 40-55.