L'intelligenza dei delfini secondo la scienza

Avete mai sentito dire che "se corvi e delfini avessero pollici opponibili, ci avrebbero già conquistato"? Vi invitiamo a scoprire perché.
L'intelligenza dei delfini secondo la scienza

Ultimo aggiornamento: 18 settembre, 2021

Vedere un delfino saltare in un acquario è emozionante, ma conoscere a fondo questi animali nel loro ambiente lo è ancora di più. Quando crediamo di sapere tutto, l’intelligenza dei delfini supera le nostre aspettative.

Per quanto riguarda l’intelligenza negli animali non umani, i delfini, i corvi e i grandi primati sono le specie più studiate. Nel caso dei delfini, risulta ancora più interessante perché la loro anatomia è molto più limitata al fine di manipolare oggetti, ma ciò non significa che siano meno astuti.

Avete mai sentito dire che “se corvi e delfini avessero pollici opponibili, ci avrebbero già conquistato“? Dopo aver letto questo articolo, capirai che la frase ha un che di vero.

Delfino con gli occhiali.

Cosa si intende per intelligenza?

I delfini hanno da tempo superato i parametri che molti specialisti considerano minimi per poter parlare di intelligenza. Condividiamo alcuni punti che definiscono questo confine simbolico:

  • Dimensione del cervello in relazione al corpo o quoziente di encefalizzazione: si riferisce al fatto che più è grande il cervello in relazione alle dimensioni del corpo dell’animale, maggiore è l’intelligenza che ci si aspetta da esso. Tuttavia, non sono pochi gli studi che mettono in dubbio questa premessa.
  • Concetti di apprendimento. L’astrazione è un processo cognitivo che richiede una buona memoria e i delfini hanno dimostrato molte volte di essere in grado di generalizzare le idee, ad esempio di prendere una palla quando viene chiesto essi qualcosa di rotondo.
  • Relazioni sociali complesse. Gli animali gregari stabiliscono sempre delle relazioni, ma nel caso dei delfini queste risultano particolarmente complesse. Per fare un esempio, questi animali si chiamano l’un l’altro e sembrano rispondere a tale richiamo.
  • Uso di strumenti. I delfini sono in grado di utilizzare gli oggetti in modo sofisticato e strumentale, come mettere una spugna sul naso per non graffiarsi con la sabbia quando la agitano in cerca di cibo.
  • Linguaggio. Questo punto risulta controverso. A quanto pare, non siamo ancora riusciti a determinare con precisione il livello di sofisticatezza del loro linguaggio.
  • Infanzia prolungata. Come le scimmie o gli elefanti, i delfini hanno bisogno di più tempo rispetto ad altre specie per imparare tutto quello di cui hanno bisogno per sopravvivere, poiché il loro mondo è più complesso.
  • Consapevolezza di sé. Come molte altre specie, i delfini sono consapevoli di se stessi e degli altri individui; ciò che è noto come la teoria della mente.

Questo elenco potrebbe essere più lungo, ma riteniamo che questi punti siano sufficienti per capire che i delfini sono animali molto intelligenti. Nelle righe che seguono presentiamo, tuttavia, alcune informazioni che integrano quanto esposto.

L’intelligenza dei delfini

Ci sembrano animali molto distanti? Biologicamente lo sono, ma basta osservarli per cominciare a notare delle somiglianze.

Il loro sistema di comunicazione è incredibilmente complesso

Basti dire che godono di un linguaggio dotato di sintassi. Non solo i loro fischi e suoni hanno un ordine specifico, ma i delfini sono in grado di riconoscere la sintassi in altre lingue, come quella umana.

I famosi delfini Akeakamai e Phoenix sono stati capaci di riconoscerlo sia nel discorso sia nei gesti dei loro addestratori.

Un altro fatto curioso riguarda i fischi caratteristici, suoni specifici che ogni delfino associa a se stesso, come un nome proprio. Come abbiamo detto sopra, si presentano con un tono specifico e le madri nominano i loro figli e con esso li presentano in comunità.

Ma non sono solo i suoni ad arricchire la loro comunicazione. Il loro linguaggio non verbale, come il nostro, modifica il messaggio udibile attraverso posture e gesti. Per esempio, sono stati documentati oltre 20 movimenti diversi con la sola coda.

L’intelligenza dei delfini: non imitano solo la loro specie

L’imitazione è un sistema di apprendimento estremamente utile nelle specie gregarie sia per la sopravvivenza sia per l’inserimento nel gruppo. I cuccioli di delfino imparano dalla madre a relazionarsi imitandola.

Ciò, tuttavia, non si limita alla loro specie. È stato osservato che i delfini in cattività imitano anche chi li accudisce, poiché riflettono i movimenti umani nella propria anatomia.

In altre parole, ripetono i movimenti delle braccia con le loro pinne pettorali, flettono la coda imitando la flessione delle ginocchia e molti altri gesti.

Avete mai imitato un animale non umano, come una scimmia o un cane? Bene anche loro lo fanno.

L’intelligenza dei delfini e la matematica

Sebbene non sia stato ancora scoperto che un’altra specie ha raggiunto i livelli umani in termini di matematica, molte di esse hanno dimostrato di comprendere e utilizzare le basi di pensiero necessarie.

I delfini non sono da meno. È stato scientificamente provato che intendono il concetto di numeri relativi, ovvero distinguono perfettamente tra diverse quantità di cibo, anche se variano di poche unità. Questo è essenziale per la sopravvivenza di molte specie.

Sono in grado di pianificare

Cercare di agire prima che si verifichi un problema per prevenirlo è una capacità riservata a poche specie.

Non solo è stato dimostrato che i delfini sono in grado di anticipare un problema e agire di conseguenza, ma uno studio indica che le loro strategie possono essere flessibili per adattarsi a situazioni leggermente diverse.

Sono creativi

Creare modi di agire “dal nulla” sembra non essere limitato alle specie più intelligenti, ma nel caso dei delfini risulta ancora più sorprendente. Ecco i modi più curiosi che questi animali hanno escogitato per cacciare:

  • I delfini si avventurano in acque poco profonde e muovono la sabbia con la coda per far saltare i pesci e catturarli in volo.
  • Si alleano con i pescatori umani, ovvero guidano i pesci alle loro reti in cambio della condivisione del bottino.
  • Sventolano le alghe con la coda per creare delle bolle e far uscire i pesci.
  • Nuotano intorno i banchi di pesci facilitandone così la pesca.
Delfino con coralli.

Non si tratta solo di intelligenza dei delfini

Sapevate che i delfini intrattengono rapporti sessuali anche per puro piacere e che piangono i loro morti? È stato anche documentato che due diverse specie di delfini sono in grado di creare una forma comune di comunicazione per capirsi.

Infine, è necessario chiarire che, più conosciamo gli animali, più siamo in grado di identificare in loro comportamenti intelligenti. Se questi dati risultano già sorprendenti, quello che ci resta ancora da scoprire sembra ancora più eccitante.

Potrebbe interessarti ...
Delfinoterapia: benefici e critiche
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Delfinoterapia: benefici e critiche

La delfinoterapia è raccomandata per il suo effetto calmante e perché favorisce lo sviluppo dell'attività mentale, è ottima per i bambini con autis...



  • Kuczaj, S. A. II, Xitco, M. J., Jr., & Gory, J. D. (2010). Can dolphins plan their behavior?
  • (4), 664–670. Tomonaga, M. (2010). Bottlenose Dolphins’ (Tursiops truncatus) Theory of Mind as Demonstrated by Responses to their Trainers’ Attentional States.
  • King, S.L. & Janik, V.M. (2013). Bottlenose dolphins can use learned vocal labels to address each other. PNAS.
  • Connor, R. C. (2007). Dolphin social intelligence: complex alliance relationships in bottlenose dolphins and a consideration of selective environments for extreme brain size evolution in mammals. Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences362(1480), 587-602.
  • Herman, L. M., Richards, D. G., & Wolz, J. P. (1984). Comprehension of sentences by bottlenosed dolphins. Cognition16(2), 129-219.