Non permettere a nessuno di dirti che non puoi farcela

25 marzo 2017 in Psicologia 2967 Condivisi

Una delle parole che, forse, sentiamo dire di più dagli altri è “no” quando presentiamo loro un progetto. “Non puoi farlo”, “non devi andarci”, “non ti andrà bene”, “non dovresti provarci”… Dinanzi a questa situazione, più comune di quanto vorremmo, la dottoressa ed imprenditrice spagnola Pilar Jericó consiglia di “analizzare le paure ed immaginare il peggio, da questo, poi, difendere i propri sogni”.

Per questo motivo, oggi, Pilar Jericó sarà la protagonista di questo articolo. Una donna forte che è molto conosciuta in Spagna per le sue numerose collaborazioni e presenze televisive. Oltre ad avere un dottorato in Organizzazione delle Imprese, ha un master in economia ed una laurea in Leadership e Comportamento all’Università di Harvard.

Per l’esattezza, questa donna, capace di avviare imprese quando nulla sembra andare per il verso giusto, è il vivo riflesso della lotta contro il famoso “non puoi farcela”. Questa influencer, scrittrice e conferenziera ci ha mostrato il cammino per proseguire dinanzi alle avversità grazie ai suoi consigli, alle sue vicissitudini e dandoci consigli su come agire quando aumenta la tormenta sociale.

Non permettere mai a nessuno di dirti che non puoi farcela

Per Jericó, la  paura è il maggiore rivale che abbiamo. Dinanzi ad un “non puoi farcela”, molte persone si terrorizzano e si paralizzano. Infine, questa dolorosa emozione entra nel nostro essere con forza e noi stessi ci convinciamo che, in effetti, non possiamo farcela.

Tuttavia, la paura è un necessario strumento di autodifesa. In situazioni allarmanti, ci permette di restare in allerta per proteggerci. Portata all’estremo, però, provoca paralisi e persino terrore, sfociando in una grave alterazione della nostra condotta.

Per questo motivo, dinanzi al famoso “non puoi farcela” che vi diranno in molti, dovete comprendere la vostra paura, superarla ed agire affinché nessuno possa frenarvi. Questo processo, però, richiede certe conoscenze che vi offriamo a seguire, in modo che possiate affrontare i vostri peggiori presagi.

Due tecniche per superare la paura

In questo senso, Pilar Jericó ci propone due tecniche molto utili per superare le paure. Se notate che tutti intorno a voi vi intimoriscono e vi dicono che non potete farcela, forse potreste metterle in pratica e decidere se gli altri hanno ragione o meno.

Atterrare sulla realtà

La prima tecnica che ci propone Jericó è chiamata da quest’ultima “atterraggio sulla realtà”. Consiste nell’ascoltare quello che dicono gli altri e fare propri questi commenti. Dobbiamo essere consapevoli di questi commenti, e dei timori che abbiamo, per poterli analizzare con calma e tranquillità.

Per capirlo bene, meglio fare un esempio. Nel caso di Jericó, che decise di andare in America ad avviare il suo progetto mentre era incinta, tutti le dicevano che le sarebbe stato impossibile e che sarebbe andato tutto a rotoli.

Per questo motivo, l’imprenditrice espone i suoi casi personali. Ad esempio, le dicevano che andando in America per molti mesi, avrebbe perso clienti. Dunque, analizzò i suoi timori, ci pensò bene, parlò con gli altri e riuscì a farsi capire da loro. Stava lottando per realizzare il suo sogno.

Immaginare il peggio e valutare il rischio

La seconda tecnica proposta da Pilar Jericó consiste nell’immaginare la peggiore delle situazioni e valutarne il rischio implicito. A tale scopo, dobbiamo pensare che può andare tutto male e sapere se, in effetti, vale la pena investire lavoro e sacrificio.

Jericó, esponendo di nuovo la sua personale esperienza, fece lo stesso. Quale era la cosa peggiore che le sarebbe potuta capitare durante la sua avventura americana? Forse che il suo investimento non sarebbe andato a buon fine? Forse che trovarsi così lontana dai suoi cari l’avrebbe fatta sentire troppo sola?

Il punto è che dobbiamo analizzare con misura e calma ogni rischio che corriamo. Una volta fatto, dobbiamo sapere se siamo davvero disposti ad affrontarli. Dunque, se decidiamo che siamo pronti ad accettarli, dobbiamo proseguire nonostante le possibili conseguenze negative.

Per questo motivo, Pilar Jericó conclude con riflessioni molto interessanti. La vita passa in fretta, ma le esperienze che accumuliamo ci arricchiscono. Dunque, se credete davvero in qualcosa, analizzatelo e se lo ritenete realizzabile, perché non farlo? Forse è meglio non dare tanta retta ai “non puoi farcela” e trasformarli in “ce la posso fare e non mi fermerà nessuno”.

Guarda anche