Neurologia pediatrica: intervista a M. A. Fernández

La neurologia pediatrica ha, oggi, una rilevanza chiave nell'assistenza, comprensione e individuazione dei problemi dello sviluppo nel neonato. La Mente è Meravigliosa ha fatto una chiacchierata con uno dei migliori neurologi infantili in Spagna, il dottor Manuel Antonio Fernández.
Neurologia pediatrica: intervista a M. A. Fernández

Ultimo aggiornamento: 06 novembre, 2021

Manuel Antonio Fernández è un pediatra specializzatosi presso l’ospedale universitario Virgen del Rocío di Siviglia, Spagna. Dedica la sua vita alla neurologia pediatrica e oggi è uno dei medici più ammirati da famiglie, educatori e chiunque si interessi allo sviluppo del neonato.

Manuel Antonio Fernández, neurologo infantile responsabile della clinica INANP, ci invita a riflettere sulla rilevanza che la neurologia pediatrica sta acquisendo al giorno d’oggi.

Molti di noi potrebbero associare questo campo della medicina al trattamento di determinati deficit, disturbi o patologie dello sviluppo infantile.

È fondamentale, quindi, comprendere un aspetto essenziale: questa branca della pediatria si occupa anche di potenziare e ottimizzare il normale sviluppo del neonato.

Manuel Antonio Fernández è un professionista all’avanguardia che sta cambiando la vita di molte famiglie, aiutandole a raggiungere benessere, felicità e migliorando la qualità della loro vita.

Intervista a Manuel Antonio Fernández

I professionisti ricordano che è fondamentale che i genitori ricevano informazioni adeguate, chiare e affidabili sul corretto sviluppo neurologico del neonato. Un tale dialogo consentirebbe, tra le altre cose, di facilitare diagnosi precoci.

La neurologia pediatrica è il pilastro essenziale in qualsiasi società avanzata. Un’assistenza di qualità durante l’infanzia allevia le incertezze e le paure dei genitori.

Permette, inoltre, di offrire il miglior supporto in presenza di problemi comuni, come disturbi dell’apprendimento, e patologie come emicrania, epilessia, disturbi del sonno o anche malattie rare.

Neonato e fonoendoscopio.

Cos’è la neurologia pediatrica?

La neurologia pediatrica è la branca della pediatria che si dedica allo studio, sviluppo e controllo della normalità del sistema nervoso infantile.

Lo sviluppo neurologico è un processo che inizia al momento del concepimento e si conclude ben oltre quella che oggi è considerata l’età pediatrica. Non termina, come si pensava, a 4-5 anni, ma prosegue ben oltre e può continuare anche fino ai 18 o addirittura i 21 anni.

Questa branca della pediatria è ancora poco conosciuta e, sebbene in altri paesi sia altamente sviluppata, in Spagna non viene adeguatamente promossa. Al contrario.

Sulla base di ciò, l’accompagnamento pediatrico dovrebbe iniziare dal momento in cui la donna rimane incinta. In effetti, questa è conosciuta come pediatria prenatale, ma nel nostro paese non se ne sente nemmeno parlare.

Allo stesso modo, la pediatria dovrebbe accompagnare il bambino fino alla fine del processo di sviluppo, che si verifica oltre la maggiore età. C’è ancora molta strada da fare per raggiungere questi livelli di sviluppo all’interno della professione.

Per questo, mi metto le mani nei capelli quando sento che alcune comunità parlano di ridurre l’età pediatrica al di sotto dei 14 anni. In tutti i settori della medicina è noto che più un paese è sviluppato, maggiore è l’età fino alla quale un pediatra si prende cura dei bambini. 

In questi contesti, la neurologia pediatrica si occupa di tutti gli aspetti legati allo sviluppo neurologico, compreso il controllo della sua normale evoluzione, e l’individuazione e l’intervento in qualsiasi disfunzione che possa manifestarsi. Le più comuni possono essere suddivise in tre gruppi:

  • Disturbi dell’apprendimento o comportamento come ADHD, dislessia o plusdotazione.
  • Ritardi o problemi di maturazione e sviluppo come ritardo psicomotorio, autismo o Asperger.
  • Problemi neurologici generali come emicrania, epilessia e disturbi del sonno.

Quando si dovrebbe andare dal neurologo pediatrico?

Ebbene, ogni volta che si manifesta una alterazione nel normale processo di sviluppo neurologico sarebbe consigliabile che i genitori consultassero un neurologo pediatrico.

Per capire quando questi problemi si manifestano, è essenziale che abbiano informazioni chiare e affidabili sul normale processo di sviluppo neurologico.

Sulla base di quanto abbiamo detto prima, vorrei insistere sul ruolo fondamentale del neurologo pediatrico nell’individuazione e nel trattamento di problemi di apprendimento, comportamento, maturazione e sviluppo come ADHD, dislessia o autismo, etc.

I genitori non conoscono bene queste situazioni, e ciò causa problemi significativi nell’effettuare diagnosi e interventi precoci per ridurre al minimo le complicazioni.

Se a ciò aggiungiamo la mancanza di tempo e mezzi disponibili per le cure primarie da dedicare ai bambini dal pediatra di base, possiamo capire perché arrivano nel nostro studio di neurologia pediatrica casi molto avanzati.

Quali sono oggi i motivi di visita più frequenti?

Da molto tempo, i motivi che spingono la maggior parte dei casi alla consultazione nelle unità di neurologia pediatrica nel nostro paese sono dovuti a problemi di apprendimento, comportamento, maturazione o sviluppo.

L’insuccesso scolastico nel nostro paese si aggira da anni intorno al 25% senza alcun segno di diminuzione, nonostante i maggiori investimenti nell’istruzione. Uno dei limiti esistenti che lo rende difficile è la mancanza di attenzione ai disturbi dello sviluppo neurologico.

I casi di ADHD, dislessia e plusdotazione raggiungono una percentuale simile a quella dell’insuccesso scolastico, e un’adeguata attenzione potrebbe ridurla drasticamente. 

Pensa che vi siano sufficienti risorse e professionisti per la diagnosi e il trattamento dei disturbi dello sviluppo neurologico?

Ovviamente no. La maggior parte di questi disturbi presenta una serie di caratteristiche che li rendono complessi e difficili da inquadrare o anche rilevare.

L’attuale sistema sanitario pubblico e la maggior parte dei centri privati gestiti da grandi aziende sanitarie o assicurative non hanno i mezzi necessari per soddisfare queste esigenze. 

I professionisti sono saturi di lavoro e di pazienti. Difficilmente riescono a dedicare il giusto tempo ad ogni appuntamento e questo causa notevoli difficoltà per i pazienti

Uno degli aspetti più rilevanti è che, pur trattandosi di disturbi neurologici con un fondamento fisico e biologico, spesso non esistono esami medici tradizionali che consentano una diagnosi classica, come per altre patologie come la sclerosi multipla. 

Se teniamo anche conto che i sintomi che producono si riferiscono a problematiche con un’elevata componente soggettiva come comportamento, attenzione, condotta, motivazione… possiamo capire che ci possano essere opinioni contrastanti. 

Questo porta a “opinioni” contraddittorie e, in molte occasioni, risulta difficile una formazione e una consapevolezza adeguate all’interno dei diversi settori professionali coinvolti nell’individuazione e nel trattamento di molti di questi disturbi.

Nonostante tutto ciò, ora disponiamo di nuove tecnologie che ci permettono di rilevare, diagnosticare e persino trattare molti di questi casi.

Ci riferiamo a realtà virtuale, analisi di parametri neurologici funzionali o piattaforme digitali e che ci permettono anche di svolgere l’intero processo in maniera completamente oggettiva, misurabile e anche a distanza. 

C’è un aumento dei problemi legati allo sviluppo neurologico negli ultimi anni? Cosa ci dice la neurologia pediatrica?

In realtà, no. Una cosa è la crescita delle cifre che compaiono negli studi e un’altra è che ciò sia dovuto esclusivamente alla presenza di più casi o più patologie.

Sono invece migliorati gli strumenti e le misure diagnostiche, insieme a una maggiore consapevolezza sociale dei problemi di apprendimento, comportamento, maturazione e sviluppo dell’infanzia.

Sebbene anni fa, quando un bambino aveva problemi scolastici, si diceva che “non era portato per lo studio”, oggi siamo riusciti a cambiare la situazione e a richiamare l’attenzione delle famiglie, che oggi si preoccupano di trovare la causa e cercare una soluzione.

Medico visita bambina

Ha notato una maggiore consapevolezza per questo tipo di difficoltà nella società?

La situazione è migliore rispetto a 10 anni fa, ma c’è ancora molto da fare. Da un lato, abbiamo compiuto grandi progressi in termini di conoscenza e consapevolezza delle famiglie al riguardo, ma dall’altro non c’è stato un monitoraggio parallelo da parte di professionisti sanitari o educatori. 

Gran parte della colpa ricade sugli obiettivi a breve termine dell’amministrazione, che privilegia il risparmio economico rispetto a investimenti e  benefici a lungo termine. 

Con questo voglio dire che si può essere tentati di evitare importanti investimenti economici a breve termine, ma bisogna essere consapevoli che questi porterebbero grandi benefici sia economici che sociali.

Si eviterebbero molti casi di difficoltà scolastiche e migliorerebbe il livello di formazione, qualifica e avanzamento professionale di tante persone affette da questi disturbi.

Può parlarci dell’ADHD? Sappiamo che attualmente ci sono opinioni molto contrastanti in relazione a questo disturbo e vorremmo conoscere la tua opinione in qualità di esperto

Spiegherò in poche righe cos’è l’ADHD, non attraverso la mia opinione di esperto, ma con i dati scientifici oggettivi che abbiamo a disposizione.

L’ADHD è un DOP in cui, a causa principalmente di fattori genetici, si verifica uno sviluppo anormale di alcune regioni cerebrali, principalmente il lobo frontale.

Ciò genera un’alterazione nella regolazione dei neurotrasmettitori cerebrali responsabili dei meccanismi di autocontrollo dell’attenzione, del movimento e degli impulsi nel nostro corpo.

A causa di ciò, compaiono sintomi come deficit di attenzione, iperattività e impulsività, che alla fine sono la causa delle difficoltà accademiche, sociali e comportamentali delle persone che ne soffrono.

Una definizione forse lunga, ma abbastanza semplice e chiara per comprendere l’origine biologica e escludere l’origine educativa, emotiva o psicologica dell’ADHD.

Cosa prevede il trattamento dell’ADHD?

Il trattamento dell’ADHD deve essere basato sull’associazione dei diversi strumenti che abbiamo alle esigenze di ogni paziente. Inizio dicendo questo per chiarire il noto termine multimodale che viene spesso utilizzato per definire il miglior trattamento per l’ADHD.

Multimodale non significa che ogni bambino con ADHD debba ricevere l’intera batteria di strumenti che abbiamo a nostra disposizione per il trattamento. Significa che, a seconda del profilo di ogni singolo caso, bisogna selezionare la migliore e più efficiente combinazione di strumenti possibile. 

Tra gli strumenti, abbiamo diversi pilastri fondamentali come il trattamento farmacologico, la stimolazione cognitiva, la terapia cognitivo-comportamentale, il rinforzo accademico, la psico-educazione familiare e la terapia delle relazioni sociali.

Cosa dovrebbero sapere i genitori sull’ADHD?

La prima cosa che i genitori di un bambino con ADHD dovrebbero sapere è che non sono da biasimare per i problemi del loro bambino.

Una volta che questo è chiaro, devono essere in grado di diventare autentici esperti dell’ADHD del loro bambino. Questo li aiuterà a capire la propria situazione e, così, a trovare i modi migliori per aiutarlo e accompagnarlo nel superare le sue difficoltà.

Infine, potrei quasi dire che la cosa più importante è avere un barlume di speranza in fondo al tunnel. Oggi abbiamo dati sufficienti per essere dimostrare che il trattamento dell’ADHD ha un effetto talmente positivo che può persino risolverlo.

In altre parole potrebbe arrivare un momento in cui tutte le difficoltà saranno superate e non saranno diverse da quelle di qualsiasi altro bambino. Bisogna essere positivi.

Bambino con adhd neurologia pediatrica.

Cosa consiglia la neurologia per favorire lo sviluppo del neonato?

La migliore raccomandazione che posso dare a questo proposito è incentrata sulla collaborazione reciproca onesta e ben informata.

È essenziale che genitori ed educatori godano di conoscenze sufficienti per aiutare tutti i bambini nel loro sviluppo. Oltre a ciò, dovrebbero collaborare con l’unico obiettivo di portare le capacità di ogni bambino al livello più alto possibile in modo che possano diventare adulti pieni, felici e pienamente integrati nella società.

Conclusioni sulla neurologia pediatrica

Manuel Antonio Fernández è un grande specialista che ci ha fatto riflettere sull’importanza della neurologia pediatrica nello sviluppo del bambino.

Potrebbe interessarti ...
Il maternese e lo sviluppo del neonato
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Il maternese e lo sviluppo del neonato

Il maternese è quel linguaggio particolare utilizzato per rivolgersi ai bambini, una forma di comunicazione preziosa per il loro sviluppo.