Processo creativo secondo Graham Wallas

Il modello delle quattro fasi del processo creativo proposto da Graham Wallas è ampiamente accettato. Conoscerle e rispettarle può aiutare in qualsiasi processo creativo.
Processo creativo secondo Graham Wallas

Ultimo aggiornamento: 04 luglio, 2022

Il processo creativo prevede diversi passaggi in modo sistematico. Uno degli approcci più noti al riguardo prevede quattro fasi ed è stato proposto da Graham Wallas.

Per molto tempo si è creduto che il processo creativo fosse legato ad agenti esterni, come muse o geni, che intervenivano per ispirare la persona. Oggi si sa che è il risultato di un’attività cerebrale intensa e complessa, ma come funziona rimane un mistero.

Graham Wallas è stato docente universitario in scienze politiche e relazioni internazionali. Si è distinto per la sua leadership in diversi settori e ha fondato, insieme ad altri colleghi, la London School of Economics. A lui si deve una delle tesi più interessanti sul processo creativo.

“L’umanità ha bisogno di pensiero creativo se vogliamo prevenire disastri immediati o futuri”.

-Graham Wallas-

Idee e processo creativo

Le idee sono rappresentazioni mentali che nascono dal ragionamento o dall’immaginazione dell’essere umano. Sono associate a riflessione, creatività e intelligenza. Le idee derivano da concetti, che sono alla base di ogni forma di conoscenza artistica, scientifica o meno.

La creatività equivale alla capacità di generare nuovi concetti o idee partendo da quelli esistenti. Di solito, cerca di risolvere un problema e ciò implica immaginazione costruttiva e pensiero divergente.

Sebbene la creatività sia caratteristica della cognizione umana, è presente anche in diverse specie animali e totalmente assente nei sistemi algoritmici di calcolo. Negli esseri umani, il processo creativo è molto complesso e richiede la comunicazione tra i due emisferi cerebrali, che comprende memoria e intelligenza, tra gli altri aspetti.

Non sono noti tutti i processi mentali a cui può partecipare la creatività, ma agli esperti è chiaro che è strettamente associata all’immaginazione. Un potere mentale che ci permette di ricreare azioni, conseguenze o iniziative in uno spazio astratto prima di renderle reali.

Donna creativa.

Le quattro fasi del processo creativo di Graham Wallas

Sebbene esistano vari approcci che analizzano e sintetizzano la generazione di idee creative, uno dei più notevoli è quello proposto da Graham Wallas. Questo propone quattro fasi che seguono un preciso ordine.

Preparazione

Si cerca di identificare un problema in un dato contesto e include l’analisi di gran parte delle informazioni già disponibili. Richiede uno sforzo consapevole e volontario di comprensione e analisi.

È una fase di osservazione e di immersione in cui si individuano situazioni problematiche, interessanti e che suscitano curiosità. Il pensatore creativo sonda, rivede ed esplora le caratteristiche di tali situazioni.

Talvolta il problema non viene nemmeno identificato come tale, il che implica maggiore complessità e nitidezza. In altri casi, può essere percepito più come una difficoltà, una sfida o un compito. In ogni caso, l’aspetto fondamentale in questa fase è capire a fondo la situazione e le sue implicazioni.

Incubazione

Questa fase del processo creativo è caratterizzata dalla disconnessione dal problema per un periodo di tempo indeterminato. Questo periodo è cruciale affinché le idee che aiuteranno a risolvere il problema possano emergere e operare inconsciamente.

Annotazioni, modifiche e collegamenti insoliti che migliorano i progressi man mano che le idee affiorano. Ma anche le fasi di riposo sono significative per generare idee creative, come soluzioni alternative a quelle tradizionali.

Grazie all’incubazione, le idee nasceranno spontaneamente in sogno, mentre si cammina, durante un viaggio o in qualsiasi momento. In alcuni casi è proprio in questa fase che molti si arrendono, fermando così le fasi del processo creativo, perché non sanno aspettare.

Illuminazione

Di tutte le fasi del processo creativo, l’illuminazione è il momento in cui le idee iniziano a prendere forma. Corrisponde al momento in cui sorgono le alternative al problema iniziale.

Alcuni autori chiamano questo momento “l’esperienza eureka”. È la fase in cui l’idea si materializza. Varie illuminazioni possono verificarsi nelle diverse fasi, che portano all’idea creativa.

Equivale anche al momento di maggiore soddisfazione personale, diventando un premio per l’investimento fatto e al fatto di aver trovato una soluzione lungo un sentiero mai percorso prima.

Fase 4: Verifica

È la fase in cui si conferma se l’idea è davvero nuova e soddisfa o meno l’obiettivo per cui è stata concepita. Una volta confermata utilità, novità e attualità, vi si dedica tutto il tempo e l’attenzione necessari per svilupparla e metterla in atto.

Durante la fase di verifica, lo scopo è verificare, rafforzare, applicare e valutare i risultati con l’obiettivo di correggere o migliorare alcuni aspetti del risultato finale. Allo stesso modo, si verifica se il processo creativo ha effettivamente dato i suoi frutti e soddisfa le aspettative dopo aver seguito le diverse fasi.

In caso contrario, sarà necessario tornare alla fase di incubazione e considerare nuove opzioni per raggiungere l’obiettivo. Va notato che se non si tiene conto degli aspetti fondamentali fin dall’inizio, tutto dovrebbe ricominciare da capo. Nella maggior parte dei casi, questa fase prevede anche la condivisione dei risultati.

Donna che pensa alle soluzioni.

Considerazioni aggiuntive sul processo creativo

Tutte le fasi del processo creativo presentano le proprie sfide. È coinvolta la sfera cognitiva, ma anche quella emotiva. Per esempio, potrebbe essere necessario gestire le difficoltà e scoprire che vi sono in gioco variabili di cui non si era tenuto conto.

Allo stesso modo, la pressione o il desiderio di vedere i risultati il prima possibile possono rovinare il lavoro. Il processo creativo ha un suo ritmo, quindi la pazienza è una virtù necessaria affinché l’idea creativa si trasformi in pratica e sortisca i risultati desiderati.

Potrebbe interessarti ...
Scomporre gli oggetti: potente tecnica creativa
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Scomporre gli oggetti: potente tecnica creativa

Scomporre gli oggetti è una tecnica in grado di stimolare il nostro pensiero laterale e induttivo. Lo analizziamo di seguito.