Proteggere l’ambiente: come contribuire?

30 Ottobre 2019
Proteggere l'ambiente è un obiettivo comune, quantomeno perché da un punto di vista puramente egoistico non farlo provoca delle conseguenze che riguardano tutti. In questo articolo vi proponiamo alcune misure da mettere in pratica per avvicinarsi all'obiettivo.

Proteggere l’ambiente è un obiettivo che andrebbe condiviso e perseguito da tutti gli esseri umani. Diverse fonti impegnate nello studio dell’impatto ambientale, come Greenpeace e la FAO, ci confermano, dati alla mano, che il nostro pianeta ha bisogno di più attenzioni. Ma cosa possiamo fare noi per l’ambiente?

Secondo la FAO, ogni anno scompaiono 8,8 milioni di ettari di foreste. Tale danno, secondo le ricerche, ha un forte impatto su ognuno di noi, in quanto rappresenta un attentato alla biodiversità. Di conseguenza, si produce una forte perdita di fonti energetiche e di spazi naturali, essenziali affinché il pianeta continui a essere un luogo abitabile.

Per tale ragione, proteggere l’ambiente non può che essere un obiettivo comune. E alla domanda “cosa possiamo fare noi?” la risposta è semplice: realizzare piccoli gesti quotidiani che sommati rendano possibile preservare la natura. In queste righe ci concentreremo su semplici attività da mettere in pratica per essere in linea con questo obiettivo.

«Ciò che stiamo facendo alle foreste del mondo non è altro che un riflesso nello specchio di ciò che stiamo facendo a noi stessi e agli altri.»

-Mahatma Gandhi-

Cosa possiamo fare per proteggere l’ambiente?

Ragazza in mezzo alla natura

Ridurre, riutilizzare e riciclare

Ridurre, riutilizzare e riciclare si riferisce alla “regola delle tre R” introdotta dall’organizzazione Greenpeace; consiste nel mettere in pratica delle abitudini di consumo aventi come obiettivo principale quello di ridurre il volume dei rifiuti generati, promuovendo il consumo responsabile delle risorse.

Ridurre si riferisce, in primo luogo, a minimizzare le risorse consumate, ovvero diminuire il consumo di energia e di beni. In tal senso, si può iniziare con abitudini semplici come chiudere i rubinetti quando non si usano, evitare di lasciare gli elettrodomestici collegati alla rete elettrica, utilizzare lampadine a risparmio energetico e sfruttare il più possibile la luce naturale.

Riutilizzare significa usare nuovamente un apparecchio, strumento o oggetto per lo stesso o diverso uso. Per esempio, utilizzare nuovamente i sacchetti del supermercato o sfruttare vecchie scatole per riporre oggetti. Riutilizzare significa anche creare con materiali di scarto o già utilizzati: realizzare vasi con bottiglie di vetro, ecc.

Sempre con il fine di proteggere l’ambiente, riciclare consiste nel separare i rifiuti con l’idea che possano essere sottoposti a un processo di trasformazione o recupero. Ovvero, differenziare tra plastica, vetro, cartone e rifiuti generici per introdurli nel contenitore corrispondente. La domanda successiva è: se è pur vero che la maggior parte di noi sa in cosa consiste il riciclo, sappiamo davvero riciclare correttamente?

«Riutilizzare significa usare l’immaginazione per creare oggetti da qualcosa di già creato»

Prendersi cura dell’ambiente circostante

L’ambiente appartiene a tutti e pertanto siamo tutti obbligati a farne un uso responsabile; ovvero a prenderci cura dell’ambiente che ci circonda.

Per esempio, proteggiamo l’ambiente se, quando siamo in un luogo pubblico (spiaggia, parco, piscina, ecc.) lo lasciamo così come lo abbiamo trovato, rimuovendo gli eventuali rifiuti generati e mantenendolo pulito e curato.

“Condividiamo la terra, non solo con gli esseri umani, ma con tutte le altre creature.”

-Dalai Lama-

Spiaggia

Proteggere l’ambiente pensando a delle alternative per i trasporti

Condividere l’auto per andare al lavoro, optare per i mezzi pubblici per spostarsi, scegliere la bicicletta come mezzo di trasporto e, quando possibile, camminare per raggiungere la destinazione desiderata sono le diverse alternative di trasporto che ci consentono di dare il nostro piccolo contributo per proteggere l’ambiente. Perché è importante agire in tal senso?

Ebbene, la riduzione del numero di veicoli da strada riduce l’inquinamento, giacché la scelta di queste alternative di trasporto ha un impatto ambientale inferiore rispetto alle emissioni di CO2 prodotte nella combustione delle automobili, come indicano i dati di Greenpeace.

In breve, la Terra appartiene a tutti noi, ed è quindi responsabilità del singolo proteggerla. Come afferma George Holland, quando si assiste al deterioramento ambientale, la qualità della vita di tutti gli esseri viventi, noi inclusi, ne risente.

«Il cambiamento climatico è aumentato drammaticamente negli ultimi anni, principalmente a causa del riscaldamento globale causato dall’elevato aumento di CO2 nell’atmosfera ed estremamente dannosi per l’ambiente. Sta a noi fermarlo e cercare metodi più rispettosi di interagire con il pianeta.»

-Oxfam Intermón-