Relazionarsi con poche persone: un lusso, una necessità e una decisione personale

Volersi relazionare con poche persone è un lusso, oltre che una scelta. Possiamo avere tanti conoscenti, ma i rapporti più profondi di amicizia richiedono dedizione e onestà.
Relazionarsi con poche persone: un lusso, una necessità e una decisione personale
Cristina Roda Rivera

Scritto e verificato da la psicologa Cristina Roda Rivera.

Ultimo aggiornamento: 07 gennaio, 2023

Alcuni preferiscono relazionarsi con poche persone: un lusso, una decisione personale, nonché una necessità. Niente di più e niente di meno.

Molti di noi sono stati educati a credere che avere molti amici sia un segno di successo. Se analizziamo la frase, ci sono tre idee sbagliate in una dichiarazione così breve.

Un amico non è la stessa cosa di un conoscente. L’amicizia ha bisogno di tempo, intimità, conversazioni difficili, sincerità e capacità di perdonare.

D’altra parte, se volete circondarvi di persone che vi fanno sentire di successo, potreste essere soli o circondarvi di persone che vi fanno sentire in quel modo. Perché quando ci sentiamo completi, non abbiamo bisogno di dimostrarlo. Potremmo volerlo condividere in un determinato momento, ma il punto non è dimostrarlo né cercare approvazione.

Un altro concetto che dobbiamo iniziare a scartare è quello di “quantità”. È praticamente impossibile stabilire relazioni di una certa rilevanza e intense con tutte le persone con cui interagiamo quotidianamente. Ciò implicherebbe uno stato di saturazione emotiva e di eccessiva responsabilità per ciò che gli altri si aspettano da noi.

amiche che parlano
Nell’amicizia, la qualità è più importante della quantità, anche se quest’ultima sembra darci più status sociale.

Voler dimostrare di essere popolari può essere controproducente

Quanti amici sono troppi? Avere amici è intrinsecamente positivo, per innumerevoli ragioni, molte delle quali sono ovvie. Ora, mostrare al mondo di avere tanti amici sui social network può sembrare una strategia vincente, se l’obiettivo è espandersi sui social network.

Una volta che le persone vedranno quanto siete popolari (o almeno così pensano), vorranno inevitabilmente unirsi a voi, forse sperando che parte della vostra popolarità si ripercuota su di loro. Tuttavia, un nuovo studio pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology mostra che avere troppi amici può funzionare contro di te quando si tratta di stabilire amicizie profonde.

In una serie di esperimenti, gli autori mostrano che le persone preferiscono sempre essere amici di persone che hanno meno amici – rispetto a loro – piuttosto che di più. Lo studio ha dimostrato il paradosso del numero di amici, ovvero il concetto che pensiamo di attrarre più amici se siamo più popolari, ma allo stesso tempo siamo più interessati a fare amicizia con gli altri se sappiamo che il loro gruppo è piccolo.

Il paradosso del numero di amici: relazionarsi con poche persone

I legami sociali sono ovviamente importanti. Come scrivono gli autori dello studio, sono gli elementi costitutivi del mondo sociale. Avere più di queste connessioni implica un maggior valore sociale, e in molti casi poter contare su più risorse.

Pertanto, sembra ragionevole presumere che le persone concentreranno i propri sforzi sul fare amicizia con persone che hanno già molti amici. Il problema è che questi legami sociali hanno valore solo se c’è reciprocità : questo può essere uno dei motivi per relazionarsi con poche persone.

L’amicizia va di pari passo con alcuni obblighi e aspettative impliciti. Le persone con molti amici potrebbero non essere in grado di soddisfare tali obblighi, specialmente le persone con troppi amici. In altre parole, la qualità della relazione conta tanto, se non di più, del numero di amici.

Avere molti amici significa che le tue risorse sociali sono diluite, rendendoti meno capace di essere un buon amico. E altre persone ne tengono conto, consciamente o inconsciamente, quando decidono di diventare tuoi amici. Non vogliono spendere il loro prezioso capitale sociale per qualcuno che difficilmente lo restituirà.

Non c’è bisogno di mostrare quanto valete dal punto di vista sociale

Forse siete stati educati a credere che avere molti amici fosse un indicatore del tipo di persona che eravate. L’idea prevalente era che un buon gruppo di amici fosse un segno che le persone sono cresciute ben adattate e “normali”, mentre coloro che hanno lottato per costruire connessioni erano strani o inetti in qualche modo.

Quindi spero che abbiate abbandonato quel modo di pensare, se non altro per il puro e semplice fatto che avere meno amici è meglio per voi. Inoltre, avere più o meno amici e conoscenti è circostanziale.

Può darsi che abbiate avuto parecchi amici a scuola e pochi al liceo; poi un piccolo gruppo, ma unito all’università e che vi siate sentiti solo studiando o lavorando all’estero. Avere più o meno amici dipende da quanta “fame” avete, da quanto siete già felici con la vostra cerchia ristretta, se il vostro lavoro vi consente nuove interazioni, se state attraversando un momento psicologicamente difficile, ecc.

Siete una persona, non un influencer. Non dovreste dimostrare il vostro valore sociale. Se sentite quella pressione, da dove può provenire? Tutto questo è interessante da scoprire in terapia.

Relazionarsi con poche persone perché la qualità è più importante

Nel 2015, uno studio sulla rivista Psychology and Aging ha indicato che con l’avanzare dell’età, le nostre cerchie sociali tendono a ridursi. Ciò può essere spiegato dal cambiamento degli stili di vita e dai dati demografici. Ma, anche dal fatto che la qualità supera la quantità.

La felicità di mezza età può essere prevista da due cose: il numero di amici nei vostri 20 anni e la qualità delle amicizie nei 30. In un certo senso, il vostro sé cinquantenne trarrà altrettanto beneficio da infiniti giri di feste con amici dell’università e lunghe conversazioni con amici intimi un decennio dopo.

Con un aumento dell’ansia e della depressione tra i giovani adulti,  descritti come “epidemie”, una piccola cerchia di amici intimi è molto più utile di una grande cerchia di conoscenti.

Anziani che giocano a giochi da tavolo
Con il passare degli anni, le nostre cerchie sociali tendono a ridursi.

Relazionarsi con poche persone è segno di indipendenza

Una piccola cerchia sociale può anche essere un indicatore del fatto che avete preso provvedimenti per eliminare le persone che non vi trattano bene. E vuol dire anche che avete abbastanza forza e capacità di indipendenza per farlo.

Gli amici a cui “non piacete” possono danneggiare la tua salute mentale, cambiare il modo in cui vi vedete e impedirvi di realizzare il vostro potenziale.

Potreste perdere le persone che una volta erano una parte centrale del vostro gruppo di amici, ma la lotta per la salute mentale è troppo reale per trattenere persone che sono diventate cattivi amicizie per voi.

Potreste essere più introversi e avere un altro modo di relazionarvi

Voler frequentare poche persone non significa necessariamente essere introversi. Alcuni amici introversi sono persone che frequentano circoli sociali piuttosto ampi.

Ora, se avete un piccolo gruppo di amici, provate disagio durante i grandi incontri sociali e tendete a stare vicino a casa per riorganizzarvi, allora è probabile (e va bene) che siate introversi.

È normale relazionarsi con poche persone?

In breve, sì. È normale avere una piccola cerchia. Non vi è alcun vantaggio intrinseco nell’avere 100 conoscenti e nessun amico intimo.

Ci sono amici con cui siamo cresciuti e persone che dimostrano di non valere il vostro tempo e il vostro impegno. Avere un piccolo gruppo di amici è probabilmente più normale dell’alternativa.

Potrebbe interessarti ...
Difficoltà a socializzare, a cosa si deve?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Difficoltà a socializzare, a cosa si deve?

La difficoltà a socializzare, fare amicizia, trovare un partner o essere assertivo in ogni contesto è un problema piuttosto comune.



  • Carmichael, Cheryl. With a Little Help From My Friends: Long-term Self-perceived Health, Neuroendocrine, and Well-being Correlates of Early Adult Social Activity. Psychology and Aging
  • Kao Si, Xianchi Dai y Robert Wyer. “La paradoja del número amigo”. 30 de abril de 2020. Journal of Personality and Social Psychology.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.