Siamo noi i responsabili del nostro piacere sessuale

30 aprile 2016 in Psicologia 202 Condivisi

Il piacere sessuale è un fenomeno interno al nostro corpo e il modo in cui lo proviamo dipende soltanto da noi. Esso non scaturisce da atteggiamenti passivi, va piuttosto ricercato attivamente per poterlo provare e goderne nel modo che preferiamo.

Ciascuno vive la propria sessualità in modo differente: il desiderio, l’eccitazione, la soddisfazione, il piacere… Tutte queste piacevoli sensazioni sono riconducibili a svariati tipi di sessualità. Non esiste un concetto di “normalità” che definisca come vadano provate determinate sensazioni, per questo la risposta sessuale di ciascun individuo è unica ed esclusiva.  

La sessualità non è come pensavamo, non è come ce l’hanno descritta. Non ne esiste solo una, ma molte sessualità.”
Condividere

-Albert Rams-

Quando si indirizza il proprio piacere verso ciò che ci è stato fatto credere essere la normalità, si perde la propria identità sessuale oltre alla propria naturale tendenza ad esplorare nuove sensazioni. Con facilità si arriva a rinunciare al piacere stesso per adattarsi ad un ideale instaurato nella mente.

Imparate ad abbandonarvi alle sensazioni

Il piacere sessuale è fortemente legato alla capacità di abbandonarsi di fronte all’apparire delle sensazioni. La mente razionale dell’uomo tende a limitare la sua esperienza di piacere. Ciò spiega come mai siamo così spesso disconnessi dal nostro corpo, non riuscendo ad estrapolarne tutto il suo potenziale per trarne piacere. Le risorse che abbiamo a disposizione per vivere il piacere sessuale sono molte:

  • Il nostro corpo è potenzialmente preparato ed abilitato per provare piacere.
  • La pelle è l’organo sessuale più esteso del corpo, essa è dotata di recettori sensibili che portano al piacere.
  • La nostra natura si basa sull’elusione del dolore e la ricerca del piacere.
  • È possibile mettere la mente a disposizione delle proprie sensazioni, intensificandole attraverso il rilassamento, la creatività e l’immaginazione.
  • Un contatto fisico che sia dolce e piacevole può portare ad una concentrazione tale da favorire le sensazioni di piacere.
  • La respirazione consapevole ci aiuta ad entrare in contatto con l’insieme dei nostri sensi ai fini dell’ottenimento di un’esperienza completa.

mani-intrecciate

Il nostro piacere sessuale non dipende da un’altra persona

Cosa fate per il vostro piacere? Se voi stessi non agirete per stimolarlo, non aspettatevi che qualcun altro lo faccia al posto. Ciascun individuo è il principale responsabile di questa meravigliosa esperienza che va vissuta senza colpa, vergogna, pressioni o paure.

Quanto maggiore sia la conoscenza della nostra struttura corporea, più saremo sicuri e liberi nel comunicare ciò che ci piace e ci causa piacere. Siamo i protagonisti di quello che sentiamo, e per questo siamo noi a decidere quando e come condividere la nostra intimità.

Il nostro piacere non dipende da nessun altro se non da noi stessi. È un errore credere che l’appagamento delle nostre necessità dipenda dall’abilità di un’altra persona di scoprire cosa ci piace.
Condividere

Quando permettiamo che la soddisfazione dei nostri bisogni e delle nostre esperienze di piacere dipendano da un’altra persona, stiamo apertamente dichiarando la perdita della nostra identità e della conoscenza di noi stessi. Stiamo conferendo all’altro un potere su di noi ed una passione tali che potrebbero, a loro volta, limitare il suo piacere.

godere-di-se-stessi

La magia del piacere sta nel piacersi e godere di sé

Sono moltissimi gli elementi coinvolti nello sviluppo di una sessualità che sia completa e sana: una buona autostima, un’ottima conoscenza di sé, disporre della libertà di chiedere senza paura, la fiducia di abbandonarsi alle sensazioni…

L’insieme di questi fattori contribuisce alla propria capacità di mantenere relazioni piacevoli, sia con se stessi che con le persone con cui si decide di condividerle. Conoscere se stessi e imparare a godere del proprio corpo è fondamentale per poter condividere con un’altra persona le proprie sensazioni appaganti.

Uno stato d’animo positivo aumenterà il valore dell’esperienza erotica. Sensazioni e sentimenti come l’amore, l’affetto, il coinvolgimento e la fantasia incrementano in modo straordinario l’intensità di esperienze piacevoli che, attraverso i cinque sensi, percorrono tutto il nostro corpo.

Nessuno ha colpe né meriti per il piacere che proviamo. Siamo capaci di generarlo e trasmetterlo per condividerlo con altri.
Condividere

Guarda anche