Ritiro del silenzio: quali benefici?

· 14 novembre 2018
I benefici di un ritiro di 10 giorni in silenzio sono moltissimi. Impariamo a stare con noi stessi e a valorizzare le cose semplici della vita, oltre a preoccuparci molto di più per gli altri

Ci sono decine di articoli sui benefici di un ritiro di 10 giorni in silenzio. Potremmo passare ore e ore a parlare dei ritiri spirituali e dei loro benefici, la maggior parte dei quali sono personali e individuali, non tutti condivisibili. Si tratta di esperienze profonde e spesso ineffabili che in qualche modo sono difficili da trasmettere a livello orale o scritto, proprio perché appartengono alla dimensione privata.

Dopo un ritiro spirituale, in genere si ha voglia di raccontare la propria esperienza e di condividerla con gli altri. Tuttavia, non tutti sono pronti e preparati a coglierne il significato. Se qualcuno si interroga sui benefici di un ritiro di 10 giorni in silenzio, sicuramente il primo commento che farà è “10 giorni senza parlare con nessuno e senza usare il telefono? Potrei impazzire!”.

Che cos’è un ritiro?

Un ritiro è sostanzialmente un allontanamento dai consueti impegni della vita. Detto in questi termini, è riduttivo. Approfondiamo meglio il concetto.

Nella vita di tutti i giorni ci ritroviamo coinvolti in situazioni che scatenano la nostra ira, ci imbattiamo in persone che ci fanno arrabbiare o dobbiamo affrontare eventi che ci rattristano. In altre parole, siamo costantemente esposti a cose o fatti che ci creano malessere. Inoltre, siamo vittime dell’attaccamento che, a volerlo estremizzare, risulta essere una dipendenza.

Un ritiro, dunque, consiste nell’allontanarsi temporaneamente da ciò che provoca malessere per imparare a stare con se stessi, in questo caso attraverso l’aiuto di un maestro qualificato che stabilisce delle regole da seguire.

Lezione di meditazione

I primi giorni del ritiro

I primi momenti di un ritiro sono sempre diversi, soprattutto quando si vuole diventare un maestro di meditazione, il che comporta sicuramente un grande senso di responsabilità.

Quando si comincia un ritiro, pur essendoci altri partecipanti, ognuno è da solo con la sua mente. Non c’è telefono, non c’è computer, non c’è internet. Nessun contatto con il mondo esterno.

Nella vita di tutti i giorni cerchiamo di sfuggire ai nostri pensieri più fastidiosi. Non vogliamo pensare a quello che ci causa dolore e per questo usiamo il telefono o svolgiamo qualsiasi attività come fonti di distrazione. Durante un ritiro, invece, si è soli di fronte al pericolo, ognuno con la sua mente e i suoi pensieri.

Meditazione e pensieri durante un ritiro

Meditazione

Durante i ritiri previsti dai corsi per diventare istruttori di meditazione tibetana, si medita 5 o 6 volte al giorno, in aggiunta ai momenti di meditazione individuale. I corsi prevedono anche momenti di insegnamento, per cui le parole del maestro sono l’unico stimolo uditivo per qualche ora al giorno. Per il resto, solo silenzio.

Quando si medita, i pensieri iniziano a invadere la mente. Quelli che sembravano superati e quelli più recenti, attuali. Alcuni rimangono fissi nella mente come un pugnale sul fianco. Bisogna sedersi a gambe incrociate, respirare profondamente e lasciar passare il pensiero. Lo si osserva senza giudicarlo. Tuttavia, quando termina la meditazione, esso torna.

Pensieri

I pensieri che sembrano sotto controllo iniziano a emergere come la lava di un vulcano. In genere, quando emergono pensieri fastidiosi, li nascondiamo ricorrendo a internet o ad altre attività.

Durante un ritiro, i pensieri non si limitano a emergere superficialmente, a poco a poco ci rendiamo conto delle loro reali dimensioni: enormi! Sono come l’iceberg con cui si è scontrato il Titanic, mandando a fondo la nostra salute emotiva, la nostra anima, la nostra autostima. Ed ecco che cominciamo ad affrontare i nostri demoni.

In un ritiro ogni pensiero fastidioso sembra diventare un drago terrificante. Dobbiamo capire che è frutto della nostra mente e mantenere la calma.

Donna con gli occhi chiusi

Non illudiamoci che sia tutto idilliaco durante un ritiro: i partecipanti possono essere presi da attacchi di ansia, tremori, sudorazione, voglia di piangere, palpitazioni, iperventilazione, ecc. Non stiamo dicendo questo per spaventarvi, ma perché è importante sapere tutto quello che accade quando finalmente decidiamo di affrontare la nostra mente e ciò che teniamo nascosto a noi stessi. A quel punto, non sappiamo da dove cominciare.

In  un certo senso, l’ansia potrebbe spiegarsi come sindrome di astinenza dalla vita quotidiana. Siamo abituati a una determinata routine, a fare tante cose in momenti diversi, ma un centro di ritiro ha orari prestabiliti. Non si può accedere alla tecnologia, non ci si può alzare nel cuore della notte e mangiare qualcosa. Sono cambiamenti da accettare per adottare un orario e un comportamento diversi e questo può comportare un certo grado di malessere. Trattandosi di un ritiro in silenzio, non si può nemmeno parlare. È tutto diverso.

Quali sono i benefici di un ritiro di 10 giorni in silenzio?

In genere, i primi giorni di un ritiro hanno delle ripercussioni negative sullo stato d’animo della persona che lo sta affrontando, anche in base alla sua storia di vita, alle sue competenze e al suo grado di coinvolgimento nella pratica meditativa.

L’aspetto più curioso è che si iniziano a notare i benefici di un ritiro solo quando si riprende la vita di tutti i giorni. Si prova una sensazione di tranquillità, serenità. Anche dopo qualche giorno negativo dal punto di vista emotivo, tutto torna alla normalità. La mente è più rilassata, non c’è bisogno di parlare e non servono stimoli esterni per essere felici. Ognuno basta a se stesso.

Quando usciamo dal centro di ritiro, siamo invasi dai rumori dell’ambiente: macchine, persone che parlano o urlano, chiasso. Iniziamo ad acquisire consapevolezza dell’eccessivo rumore che ci avvolge e che ci provoca uno stato di stress quasi inconsapevole. Chi vive da solo non lo nota, ma chi abita con altre persone si rende conto del rumore che lo circonda: la televisione accesa, il rumore della tastiera del computer, il telefono che suona. Tutti osservano qualcosa, a volume eccessivo, che in realtà non apporta nulla.

Il nostro corpo e la nostra mente hanno la capacità di guarire e di prendersi cura di sé se permettiamo loro di riposare.

Thich Nhat Hanh

Quando cominciamo a relazionarci di nuovo con l’ambiente e le persone, ci accorgiamo che la maggior parte delle conversazioni sono puramente sociali, ovvero servono a riempire vuoti, non apportano nulla e non ci arricchiscono. Questo non significa che sia una cosa negativa, più che altro serve da spunto di riflessione. Parliamo un po’ del lavoro, degli amici e dello sport, ma siamo migliorati come persone? Dopo 10 giorni dedicati allo sviluppo interiore, ci rendiamo conto della quantità di informazioni superflue che usiamo tanto per parlare.

Impariamo ad apprezzare le cose semplici, quello che dà davvero valore alle nostre vite. Quando andiamo al centro commerciale, vediamo solo opulenza, consumismo e materialismo. Apriamo gli occhi e capiamo che fin da piccoli ci hanno spinto a cercare la felicità solo all’esterno, ma in realtà è dentro di noi, solo che non ci insegnano a coltivarla.

La caverna, la valle e il cimitero

Il ritorno alla vita quotidiana è importante, in quanto molti corrono il rischio di parlare solo del loro sviluppo interiore, ma l’ideale è trovare un equilibrio. Non bisogna mettere da parte la famiglia e gli amici, ma nemmeno la pratica meditativa.

Lama Rinchen Gyaltsen, maestro di meditazione, parlava di tre fasi del cammino spirituale: la fase della caverna, la fase della valle e la fase del cimitero.

La prima fase consiste nel ritirarsi da tutto quello che ha un’influenza negativa e crea dipendenza o attaccamento. È una sorta di allenamento mentale. Quando si cresce, si è pronti a scendere nella valle e ad affrontare la vita quotidiana per vedere a che punto è lo sviluppo interiore.

Infine, arriva la fase del cimitero. Anticamente nei cimiteri indiani era possibile osservare i corpi putrefatti. Se si era in grado di meditare in un cimitero, significava che il livello di evoluzione raggiunto era davvero alto.

Fortunatamente, non abbiamo bisogno di andare al cimitero per meditare o comunque nei cimiteri di oggi i corpi dei defunti non sono in bella vista. Possiamo limitarci ad affrontare la fase della caverna e la fase della valle.

Molte persone, quando terminano il ritiro, si illudono che tutto sia tranquillo come nella “caverna”, ma è molto difficile e sicuramente poco realista. Giorno dopo giorno veniamo bombardati da centinaia di stimoli e dobbiamo affrontare diverse situazioni e contrattempi. Non è salutare lasciarsi trasportare dalla voragine malsana ed estremamente materialista della fase della valle. L’ideale è imparare a interagire con l’ambiente mantenendo una certa calma, senza mettere da parte le pratiche personali.

Candela accesa

Consigli per fare un ritiro del silenzio

Conviene iniziare con un ritiro breve, di 2 o 3 giorni, e soprattutto guidato. In seguito è possibile prolungarlo, ma per cominciare ed evitare l’ansia vanno bene pochi giorni.

In secondo luogo, è importante informarsi sul centro nel quale ci si recherà per fare il ritiro, quindi cercare referenze, consultare il sito internet, conoscere i maestri e parlare con chi ha già affrontato un’esperienza simile. Queste informazioni sono una sorta di garanzia.

Un altro aspetto importante è sapere che non tutti i ritiri sono uguali. Molti si basano su pratiche meditative, ma non esigono il silenzio, anche se, forse in maniera inconsapevole, chi partecipa al ritiro tende a parlare meno. Durante i primi giorni di un ritiro del silenzio si può provare ansia e malessere. È una fase normale. Se non si riesce a sopportarlo, meglio consultare il maestro per avere indicazioni su come affrontare al meglio la situazione. Non bisogna avere paura e spaventarsi.

Alcune considerazioni sui benefici di un ritiro del silenzio

Molte persone sono convinte che non faranno mai un ritiro del silenzio, ma ci sentiamo di consigliare quest’esperienza, anche solo per un fine settimana. In genere spendiamo molti soldi in capricci e cose materiali, dedichiamo tanto tempo in attività vuote e inutili, perciò che c’è di male nell’investire denaro e tempo nel proprio sviluppo interiore?

Tigri, leoni, elefanti, orsi, serpenti, tutti i nemici, tutti i guardiani degli inferni, spiriti maligni e demoni si possono controllare controllando la mente. Se si sottomette la mente, si sottomette ogni cosa.

Shantideva