Samuel Little, il più grande serial killer d'America

Era stato condannato nel 2014 a tre ergastoli senza condizionale in quanto autore confessato di almeno 60 omicidi. Ma nel 2018 Samuel Little ha iniziato a svelare i suoi segreti... Volete sapere cosa nascondeva? Continua a leggere!
Samuel Little, il più grande serial killer d'America

Scritto da Vanessa Viqueira

Ultimo aggiornamento: 04 novembre, 2022

Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di serial killer, soprattutto nel corso del XX secolo. Samuel Little è stato uno di loro, ma non uno qualsiasi.

È passato alla storia come il più grande serial killer, superando Gary Ridgway. Nel 2018 ha confessato oltre novanta omicidi e a oggi la Federal Bureau of Investigation (FBI) ha confermato il suo coinvolgimento in almeno una sessantina.

Un serial killer nomade

Samuel Little ha sempre condotto uno stile di vita nomade, cosa che gli ha reso facile trovare vittime in diverse parti degli Stati Uniti. Non prediligeva un’etnia, ma molte vittime erano giovani, con labbra carnose e occhi grandi, come avrebbe poi rivelato.

La mancanza di un preciso profilo ha complicato il lavoro degli inquirenti, che non riuscivano a collegare i diversi reati allo stesso serial killer. Oltre a ciò, i primi omicidi risalgono a prima che il DNA fosse adottato come prova.

Scena del crimine.

Nel 2012 è stato arrestato nel Kentucky, in un centro di accoglienza per senzatetto. A quel tempo, era indagato solo per reati di droga. Non appena sono stati prelevati campioni biologici, è stato collegato all’omicidio di tre donne tra il 1987 e il 1989.

Le vittime erano state uccise per strangolamento e i loro corpi erano stati successivamente scaricati in luoghi fuori dai sentieri battuti, ovvero un vicolo, una discarica e un garage.

Per questi tre omicidi è stato condannato a tre ergastoli. Non si sapeva altro di Samuel Little fino a quando nel 2018 ha iniziato a confessare i suoi oscuri segreti.

I segreti di Samuel Little

Nel 2018 ha confessato qualcosa che gli inquirenti temevano: c’erano molte più vittime. Quello che non si aspettavano è che l’elenco delle sue confessioni fosse così ampio, dal momento che confessò fino a novantatré omicidi commessi tra il 1970 e il 2005.

Dopo diverse ore di interrogatori, la memoria di Samuel Little rivelò tutti i segreti che aveva nascosto. Parlò con entusiasmo degli omicidi commessi, offrendo dettagli molto rilevanti. Seguire le indagini che permisero di collegarlo a oltre cinquanta reati.

Samuel Little era alto 1,90 metri e si ritiene abbia messo fuori combattimento le sue vittime a pugni (era un ex pugile) prima di strangolarle, senza lasciare evidenti segni che potessero insospettire.

A ciò si aggiungeva il contesto sociale delle vittime, molte delle quali in condizioni di povertà o con problemi di dipendenza. Come conseguenza di ciò, il decesso era spesso stato attribuito a overdose, incidenti o persino cause naturali.

I ritratti delle sue vittime

Samuel Little aveva un’ottima memoria fotografica; amava uccidere, ma era anche appassionato di disegno e ne sono prova i ritratti delle sue vittime. Questi includono dettagli, come il colore degli occhi e la caratteristica acconciatura delle vittime.

Disegni delle vittime di Samuel Little.

Il detective Holland, che ottenne la sua confessione, dichiarò che lo colpì soprattutto la sua memoria e il ricordo dei dettagli.

“Little ricordava alcuni strani archi vicino a dove ha ucciso una donna fuori Miami. Quando i detective di Miami hanno perlustrato l’area, hanno trovato quegli stessi archi “. Dettagli del genere permettono di dare un nome alla vittima: Miriam Chapman, uccisa nel 1976.

Nonostante i dati forniti abbiano permesso di risolvere oltre trenta casi, la memoria di Samuel Little non è riuscita a ricordare le date e la cronologia degli omicidi. Per questo motivo l’FBI ha deciso di rendere pubblici i ritratti delle vittime, nella speranza che qualcuno potesse identificarle.

Secondo Holland, “Niente di quello che ha detto si è rivelato falso. Abbiamo potuto verificare quasi tutto quello che ha raccontato”. Le donne che Samuel Little ha disegnato esistevano e alcune di loro sono da qualche parte, perché il loro assassino le ricorda.

La fine di Samuel Little

In nessun momento Samuel Little ha mostrato rimorso. Come ha dichiarato: “Se Dio mi ha fatto così, perché dovrei chiedere scusa?“.

Quando Samuel Little è morto all’età di 80 anni, in un ospedale della California, stava scontando tre ergastoli senza condizionale dopo essere stato condannato nel 2014. Attualmente le indagini sono ancora aperte per chiarire gli omicidi a oggi irrisolti.

Potrebbe interessarti ...
La mente di un assassino
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La mente di un assassino

Cosa si nasconde nella mente di un assassino? Cosa lo spinge a compiere atti violenti e sanguinari? Ecco un viaggio all'interno della psicologia de...



  • S. (2020, 31 diciembre). Muere Samuel Little, considerado el peor asesino en serie de EE.UU. CNN.

  • Samuel Little Confession: Covington, Kentucky, 1984. (2019, 6 octubre). [Vídeo]. YouTube. 

  • Samuel Little Confession: Miami, Florida, 1972, «Marianne». (2019, 6 octubre). [Vídeo]. YouTube. 

  • Samuel Little Confession: North Little Rock, Arkansas, 1992/1993. (2019, 6 octubre). [Vídeo]. YouTube. 

  • Sandoval, P. X. (2019, 13 octubre). Una vida contada cadáver a cadáver. EL PAÍS.