Shaktipat: trasmissione di energia, secondo le filosofie orientali

Cosa accomuna la fisica quatistica, le filosofie orientali e la psicologia? Parliamo di una teoria interessante, che sostiene che la materia sia interconnessa in modo profondo, con il coinvolgimento del terreno psicologico.
Shaktipat: trasmissione di energia, secondo le filosofie orientali
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Ultimo aggiornamento: 11 maggio, 2023

Shaktipat è un concetto che deriva dalle filosofie orientali, in particolare indù. Ha la sua origine in sanscrito e significa letteralmente “tocco di energia”. Di per sé, consiste nella trasmissione di energia spirituale da una persona all’altra. Si ritiene che il termine si riferisca al trasferimento di energia (shakti) da un insegnante spirituale a uno studente, al fine di risvegliare la coscienza dello studente e accelerare il suo progresso interiore.

Prima di pensare che parleremo di fenomeni paranormali e credenze infondate, vi anticipiamo che, sebbene non esista una teoria scientifica conclusiva su Shaktipat, esistono invece una serie di indicazioni e studi che mettono in relazione questo fenomeno con un altro studiato dalla fisica, con il beneplacito di un buon numero di prove: “quantum entanglement“.

“Energia tattile” e entanglement quantistico condividono una premessa: può esserci comunicazione a distanza tra due oggetti, senza utilizzare nessuno dei canali conosciuti. In origine, Albert Einstein chiamò questo meccanismo “Azione spettrale a distanza”. La chiamò così con tono beffardo, perché non pensava fosse possibile. Tuttavia, oggi, il fenomeno è stato testato in laboratorio.

“La difficoltà per i neuroscienziati nell’accettare i risultati potrebbe essere analoga al tentativo di razionalizzare il modo in cui un mammifero volante visivamente compromesso (un pipistrello) evita le collisioni con oggetti nella completa oscurità, prima della comprensione degli ultrasuoni”.

– Ventura, Saroka e Persinger –

Entanglement quantistico

L’entanglement quantistico è un fenomeno spiegato in termini di meccanica quantistica, cioè sul piano subatomico. L’idea della fisica replicata in campo psicologico è che due particelle possono mantenere una connessione, anche se fisicamente separate.

Parlando dalla metafora, è come se avessi due mele collegate in luoghi molto diversi del pianeta; per esempio, uno accanto a te e un altro in Oriente. Quello in Oriente arrugginisce e, all’improvviso, anche quello che hai qui.

Sembra folle, ma non lo è. Gli scienziati Alain Aspect, John Clauser e Anton Zeilinger hanno vinto il Premio Nobel per la fisica nel 2022 per i loro progressi in questo campo e per l’applicazione di quest’ultimo al campo dell’informatica. Ciò significa che l’entanglement quantistico non è una teoria, ma è supportato da prove empiriche.

Ora, cosa c’entra questo con Shaktipat? Un’ipotesi mista afferma che questa correlazione non si verifichi solo nel mondo subatomico, ma anche in altre aree. Nello specifico, si ritiene che il cervello umano agisca come una di quelle particelle collegate ad un’altra particella, che sarebbe il cervello di un’altra persona. Ma è possibile?

Donna che medita e ottiene energia dall'interno per trasmetterla agli altri
L’effetto di Shaktipat produce il trasferimento di energia noto come kundalini.

Lo Shaktipat: un vero caso?

Per le filosofie orientali, almeno in teoria, è possibile che attraverso la meditazione si stabilisca a distanza questo contatto tra due esseri umani. Quando si verifica Shaktipat, ciò che accade è che una persona che medita trasferisca energia e questo porti un’altra persona a sperimentarla come “kundalini” .

Quest’ultimo è descritto come uno stato che “accende il fuoco interiore”. È come un’iniezione di energia grazie alla quale il ricevente sperimenta un improvviso stato di illuminazione. Si dice anche che questo tocco di energia sia curativo per la mente e il corpo. Sebbene ci siano diverse testimonianze pubblicate, una delle più interessanti è stata pubblicata nel 2016, intitolata Speculation on Shaktipat as «Spooky Action at a Distance».

In questo documento l’autore, che è un fisico, con estremo riserbo racconta un’esperienza vissuta nella propria carne. Si trovava ad Austin, in Texas (Stati Uniti) e un suo amico gli ha chiesto una fotografia, senza dirgli perché.

Un paio di settimane dopo, si è svegliato al mattino, ha iniziato a meditare e improvvisamente ha sentito che il suo cervello “era stato caricato come una batteria”. Poi dichiara di aver avuto l’impressione che la sua coscienza si espandesse “fino a raggiungere l’intero universo”. Si potrebbe dire che stava sperimentando la kundalini.

Cosa è successo nel processo Shaktipat?

Poco dopo questo evento, il fisico venne a sapere che la sua fotografia era stata consegnata allo yogi Gurumayi Chidvilasananda, che si trovava a New York, la notte prima della sua strana esperienza. Tutto indicava che si trattava di un “tocco di energia” e, immediatamente, l’uomo di scienza lo associò all'”azione spettrale a distanza” di Einstein e all’entanglement quantistico.

L’intera esperienza è durata quattro ore. Nei primi due, ha sperimentato la sensazione di pienezza, che ha descritto come un’energizzazione della sua mente. Nelle due ore successive, lo stato iniziò gradualmente a indebolirsi e alla fine il fisico cadde nell’incoscienza.

Finora l’autore non è riuscito a dare una spiegazione plausibile a questo episodio. Anni dopo, decise di scrivere di quanto accaduto e di associarlo ai concetti della fisica quantistica.

Lui stesso parla di “speculazioni” o ipotesi quando spiega il fenomeno, perché non ci sono prove in grado di supportare in modo affidabile questi resoconti. Tuttavia, il suo lavoro apre nuovi orizzonti, poiché cita innumerevoli esperimenti sull’entanglement quantistico, condotti in condizioni controllate. Vale la pena leggerlo, con mente aperta e critica allo stesso tempo.

Le mani dell'uomo tengono palla di particelle subatomiche
Non ci sono ancora prove solide che colleghino la meccanica quantistica all’energia spirituale, ma ci sono prove che le particelle subatomiche siano entangled.

La possibile base scientifica del “tocco energetico” è ancora in fase di esplorazione

Per ora non è dimostrato che la meccanica quantistica sia direttamente correlata alla coscienza o all’energia spirituale, quindi qualsiasi affermazione a riguardo rimarrebbe sul piano delle ipotesi.

Tuttavia, la meccanica quantistica mostra che le particelle subatomiche sono correlate (entangled), quindi il loro comportamento è strettamente interconnesso, indipendentemente dalla distanza tra esse.

Questo fenomeno porta alcuni teorici a esplorare l’idea che la coscienza e l’energia spirituale possano far parte della meccanica quantistica; oltre al fatto che la trasmissione di energia, attraverso tecniche come Shaktipat, potrebbe avere una base scientifica.

Potrebbe interessarti ...
La spiritualità va oltre la psicologia
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La spiritualità va oltre la psicologia

Sono molte le filosofie e le pratiche che definiscono la spiritualità come tutto quello che provoca all'uomo un senso di trascendenza per la vita.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.