Sostegno emotivo o attenuamento del dolore

· 28 Aprile 2019
Vagliamo in questo articolo i diversi tipi di sostegno emotivo esistenti e il modo in cui apportano beneficio.

Il sostegno emotivo è una forma di contenimento. Ci aiuta ad adottare una prospettiva diversa, e anche quando non esista, a sentirci meglio.

A volte, abbiamo bisogno di sentirci riparati, protetti, che nulla possa accaderci. Magari basterebbero un abbraccio, un sorriso, un pensiero o poche parole.

Perché in fondo abbiamo bisogno di qualcosa che funga da sostegno emotivo. Vale a dire, un meccanismo di sicurezza che ci protegga quando le circostanze ci minacciano o non sono come le desideriamo.

Può succedere che tale sostegno sorga dentro di noi, ma anche che provenga da una persona cara. A volte, contare su qualcuno è già sufficiente per liberarci dall’angoscia o dal peso che portiamo sulle spalle.

Vagliamo in questo articolo i diversi tipi di sostegno emotivo esistenti e il modo in cui apportano beneficio.

“Nella vita abbiamo bisogno di qualcuno che ci supporti. Sentire di poter contare su un rifugio ci aiuta a percorrere la nostra strada con più tranquillità e armonia”.

Cos’è il sostegno emotivo?

Un sostegno emotivo ci aiuta a sentirci meglio, perché abbiamo paura o quando ci sentiamo tormentati. Come fosse un’impalcatura di cui abbiamo bisogno per superare una situazione difficile.

Lo riceviamo dalle persone che ci incoraggiano, ci accompagnano e ci amano; quelle che non esitano a porgerci la mano quando il grigio minaccia di invadere le nostre vite.

Ebbene, non si tratta di un sistema per fuggire o scaricare le responsabilità, ma di un modo per affrontare i problemi con amore. Vale a dire, attraverso questo sostegno, possiamo risorgere, imparare dalla situazione attuale e ritrovare noi stessi.

Quando siamo piccoli, i genitori, i familiari o i referenti ci offrono sostegno emotivo. A mano a mano che cresciamo, impariamo a trovarlo in altre persone o anche in certe attività o nella natura.

Abbraccio tra amiche

Perché il sostegno emotivo è così importante?

Il sostegno emotivo è essenziale, perché se mancasse potremmo smettere di cercare un senso nella vita, allacciare relazioni tossiche o sentirci vuoti.

Per esempio, se a un bambino non vengono assicurate le attenzioni di cui ha bisogno, svilupperà problemi in diversi campi, sia a breve che a lungo termine, a livello fisico ed emotivo.

Si tratta dunque del fattore principale durante la prima infanzia. Ci aiuta a difenderci e a crescere sani, soprattutto a livello emotivo. Tanto le attenzioni quanto il supporto emotivo contribuiscono allo sviluppo di una personalità più sicura, responsabile e seria.

Anche il sostegno sociale può essere cruciale per lo sviluppo fisico. Lo dimostrano Pacora, Capcha, Esquivel, Ayala, Ingar e Huiza, nell’articolo La privación social y afectiva de la madre se asocia a alteraciones anatómicas y funcionales en el feto y recién nacido (Le privazioni sociali e affettive della madre sono associate ad alterazioni anatomiche e funzionali del feto e del neonato).

Secondo tale studio, la mancanza di sostegno affettivo o sociale si ripercuote in maniera negativa sulla salute della madre e del bambino. Il sostegno emotivo di cui ha goduto nostra madre potrebbe quindi incidere sulla nostra qualità della vita.

Come trovare sostegno emotivo?

Anche se il primo sostegno emotivo viene offerto dai genitori e da chi si occupa di noi, non significa che sia l’unico. Ne esistono, di fatto, altre forme:

  • Relazionarsi con gli altri. Se costruiamo relazioni sane, potremo contare su altre persone quando ne abbiamo bisogno. E costruire così legami di sostegno emotivo.
  • Connettersi con se stessi. Conoscersi rappresenta il ponte verso una buona gestione emotiva.
  • Esercizio fisico. Quando facciamo sport, rilasciamo endorfine, ormoni che ci aiutano a sentirci più felici.
  • Cercare un aiuto professionale. Gli psicologi e gli psichiatri sono molto utili al momento di attenuare il dolore. In qualità di esperti del mondo emotivo, comportamentale e cognitivo, possono orientarci nella gestione emotiva.

Anche altre attività possono fungere da sostegno emotivo. Per esempio, leggere un libro, ma anche l’arte può essere un veicolo per aiutarci a trasformare le nostre angosce.

Tavolozza per dipingere

Benefici del meraviglioso attenuamento del dolore

Quando ci sentiamo stremati, le forze vacillano e non siamo in grado di ravvisare nemmeno un accenno di luce intorno a noi, è quando più abbiamo bisogno di sostegno emotivo.

Grazie a esso, possiamo:

  • Aumentare la nostra fiducia.
  • Diminuire i rischi del dolore.
  • Migliorare i legami con noi stessi, con gli altri e con la natura.
  • Favorire i processi di organizzazione delle esperienze.
  • Alleggerire la tensione.
  • Accrescere la motivazione.
  • Godere di una maggiore sensazione di sicurezza.

Anche se all’inizio il sostegno emotivo non è responsabilità nostra, man mano che cresciamo possiamo cercarlo. L’aspetto incredibile è avere tanti modi per trovarlo e conoscere tutti i vantaggi che offre.

Grazie a esso, possiamo contare su un posto o una persona per trovare sollievo, per alleggerirci da tutto quello che ci pesa. Un’opportunità per accettare ciò che ci succede, cambiare prospettiva e iniziare a trasformarci.

Álvarez, M.A.C (2011). El apego como principal factor protector de la primera infancia. Margen: revista de trabajo social y ciencias sociales, 61, 9-5.

Pacora, P., Capcha, E., Esquivel, L., Ayala, M., Ingar, W. & Huiza, L. (2005). La privación social y afectiva de la madre se asocia a alteraciones anatómicas y funcionales en el feto y recién nacido. Anales de la Facultad de Medicina, 66 (4) , 282-289.