Spiritualità e personalità: come si relazionano

05 febbraio, 2020
Nel corso della storia, la spiritualità e la religione hanno avuto un ruolo fondamentale nelle nostre vite. La psicologia ha voluto determinare quale relazione ha con i tratti della personalità e come si influenzano a vicenda. In questo articolo riportiamo i risultati più importanti.

La psicologia della personalità è una delle grandi aree di studio. Questa branca della psicologia osserva la personalità, come si forma, come influenza il nostro comportamento e come condiziona il nostro modo di vedere il mondo. In particolare, il rapporto tra personalità e spiritualità è uno degli aspetti che ha suscitato l’interesse dei ricercatori.

Sebbene lo studio della spiritualità e della fede non sia nuovo, negli ultimi vent’anni si è iniziato a parlare di una nuova branca della psicologia, chiamata psicologia della religiosità e della spiritualità.

Tra i suoi obiettivi ci sarebbe quello di chiarire la relazione tra i tratti della personalità e le credenze spirituali. Come si evolvono durante il ciclo di vita e l’importanza adattativa che ha per alcune personalità. Tuttavia, il principale svantaggio che esiste è quello di raggiungere un consenso sulla definizione di spiritualità e fede.

Una delle definizioni più utilizzate si riferisce alla spiritualità come la motivazione innata che orienta e guida il comportamento verso la costruzione di un significato personale più ampio. In altre parole, la convinzione che esiste un ordine nell’universo che va oltre il nostro pensiero. In questo senso, alcuni autori propongono che potrebbe essere considerato, di per sé, un tratto della personalità.

D’altra parte, la religiosità è l’insieme di credenze, valori e pratiche esplicitamente governate da una tradizione sociale o istituzionale, e ciò dipende dall’istruzione e dalla cultura. La religiosità, dunque, modula – ed è influenzata da – la spiritualità della persona.

Mani verso il cielo e colombe

Personalità

Sebbene esistano diversi modelli che classificano le varie personalità, la maggior parte degli studi si basa in genere sul Modello dei 5 fattori. In base a ciò, la personalità può essere definita in base al grado che presenta in ciascuna delle seguenti dimensioni:

  • Nevrosi: correlato all’instabilità emotiva e alla tendenza a provare emozioni negative.
  • Estroversione: tendenza a comunicare e interagire con gli altri.
  • Apertura mentale o esperienza: tendenza a mostrare curiosità intellettuale, immaginazione e sensibilità estetica.
  • Gentilezza: correlata all’instaurazione di legami sociali, atteggiamento altruistico e interesse per gli altri.
  • Responsabilità: tendenza ad avere scopi e obiettivi chiari, capacità di controllare gli impulsi e svolgere i compiti in modo organizzato.

Spiritualità e personalità

Come indicato sopra, la spiritualità consiste in una motivazione innata e nella convinzione che esiste un ordine universale che determina il nostro comportamento. In alcune ricerche, la spiritualità è stata correlata ai 5 fattori della personalità, come estroversione, apertura e gentilezza.

Tuttavia, ci sono autori che sostengono che la spiritualità di per sé prevede delle sfumature che non includono altri (semplicità, distacco o solitudine). Ritengono pertanto che la spiritualità dovrebbe costituire un sesto fattore di personalità.

A seconda del grado di spiritualità dimostrato, la persona mostrerebbe certe tendenze comportamentali e modi di percepire il mondo che la circonda.

Religiosità e personalità

La religiosità contestualizza il grado di spiritualità di una persona. Poiché la spiritualità è considerata più un fattore di personalità, la maggior parte degli studi hanno associato tratti della personalità diversi alla religiosità.

In questo senso, sebbene circa il 60% non trovi alcuna relazione, vi sono indicazioni che una maggiore spiritualità religiosa sia correlata a una minore presenza di nevrosi.

D’altra parte, il 40% degli studi indica che le persone più religiose mostrano maggiori caratteristiche di responsabilità. Cioè, una maggiore presenza di obiettivi e capacità di raggiungerli in modo pianificato e organizzato.

L’87% delle ricerche ha osservato che le persone con un più alto grado di religiosità sono più amichevoli. In termini di apertura mentale o maggiore immaginazione o curiosità, il 42% degli studi trova una relazione positiva.

Tuttavia, alcuni autori ritengono che se l’effetto della spiritualità fosse eliminato, ovvero se tutti mostrassero un identico grado di questo tratto della personalità, allora una maggiore religiosità sarebbe associata a una minore apertura mentale.

Profilo uomo spiritualità e personalità

Rapporto tra spiritualità e personalità

Uno studio dell’Università del Mississippi ha analizzato il rapporto tra spiritualità, religiosità e personalità. Gli autori hanno scoperto che tutti i fattori della personalità, tranne l’apertura, sono correlati al grado di spiritualità. Il risultato è particolarmente evidente per quanto riguarda la gentilezza e la responsabilità. Invece, la religiosità era associata esclusivamente a questi ultimi due fattori.

Più specificamente, hanno visto che quando l’approccio alla religione deriva dalla ricerca di risposte a domande esistenziali, ma il sentimento di fede e il significato spirituale erano bassi, la religione era correlata a un’alta nevrosi e apertura. Al tempo stesso era associato a bassa estroversione, gentilezza e consapevolezza.

Un altro aspetto evidenziato da questa ricerca rivela che quando le persone si avvicinano a una religione in un modo più strumentale, perché offre loro sicurezza o perché la ritengono una fonte di socializzazione, ma la ricerca intellettuale e la fede sono basse, la religiosità è più spesso associata a valori più bassi di nevrosi, gentilezza e apertura.

  • Simkin, H, & Azzollini, S. (2015). Personalidad, autoestima, espiritualidad y religiosidad desde el modelo y la teoría de los cinco factores. PSIENCIA. Revista Latinoamericana de Ciencia Psicológica, 7, 339-361.