Storia sulla serenità, "Il sogno di Bizan"

Questa storia sulla serenità ci parla delle lotte nella vita quotidiana che a volte ci sorprendono. Essere deboli o forti è una questione di prospettiva.
Storia sulla serenità, "Il sogno di Bizan"

Ultimo aggiornamento: 12 aprile, 2021

Il sogno di Bizan è una storia sulla serenità che inizia in un paese lontano, dove c’era un viaggiatore. Aveva percorso molti chilometri e ne restavano ancora per raggiungere la sua destinazione. Ma era stanco e voleva trovare un posto per riposare e recuperare le forze.

Si ricordò che nelle vicinanze si trovavano le belle sorgenti calde di Bizan. Vi si recò, ma il posto era ormai molto trascurato. Una volta c’erano delle baite, ma ora era affollato solo da bambini curiosi e una donna che vendeva torte.

“La virtù sta nell’essere calmi e forti; tutto brucia con il fuoco interiore.”

-Rubén Darío-

Il viaggiatore era deluso, ma notò che c’era comunque una bella atmosfera in quel luogo. Si avvicinò alla venditrice di torte e le chiese se poteva aiutarlo. Voleva trascorrere la notte lì e forse lei conosceva un luogo in cui si sarebbe potuto fermare.

Il sogno di Bizan narra che la signora gli disse che aveva solo una semplice stuoia. Aggiunse che doveva approfittarne per fare il bagno nelle sorgenti calde prima di andare a dormire. Gli disse anche che la sera sarebbe arrivato un vecchio maestro samurai, con il quale avrebbe potuto fare conversazione.

Un viaggiatore attraversa un ponte su un fiume.

Un incontro interessante

Il viaggiatore fece il bagno nelle sorgenti calde e poi si recò all’umile dimora della signora. Stavano consumando un pasto frugale quando giunse il maestro samurai. Era un anziano calmo e tranquillo, che sembrava molto saggio.

Il maestro si sedette a tavola con loro e il viaggiatore chiese rispettosamente il suo nome. Il vecchio rispose: Furuneko Mushinsai. Il viaggiatore rimase sorpreso. Era un nome molto strano, perché furuneko significa “qualcuno che ha rinunciato al mondo” e mushinsai “vecchio gatto”.

Il viaggiatore disse che trovava il nome molto strano e gli chiese il significato. Cosa aveva a che fare la rinuncia con un gatto? Il vecchio sorrise dolcemente e disse che c’era una ragione per tutto. Se lo desiderava, gli avrebbe raccontato la storia. Il viaggiatore accettò volentieri.

Il sogno di Bizan e il vecchio gatto

L’anziano samurai raccontò che molti anni prima anche lui era partito per un viaggio, e aveva dovuto chiedere ospitalità a un buon uomo lungo la strada. Arrivò nella sua umile casa e fu ben accolto. Tuttavia, proprio quando stava per addormentarsi, un enorme ratto apparve e lo sfidò con lo sguardo.

La storia della serenità racconta che il vecchio disse: “Chiesi aiuto al proprietario della casa e lui portò un gatto giovane, molto agile. Tuttavia, il ratto lo affrontò e lo ferì. Poi portò un altro gatto, ma accadde la stessa cosa”.

Alla fine, il vecchio samurai decise di sfidare il ratto. Estrasse la sciabola e lo affrontò, ma il ratto gli si scagliò contro con una velocità impressionante e lo morse. All’improvviso apparve un vecchio gatto, senza quasi più denti. Si avvicinò in silenzio al ratto, che rimase immobile. Il vecchio gatto lo divorò.

Foto di un gatto di profilo.

Una storia sulla serenità

Il vecchio samurai de Il sogno di Bizan disse che quel giorno quasi non riuscì a riprendersi dalla sorpresa. Andò a dormire, ma nel sonno sentì che i gatti erano in assemblea. Tutti volevano imparare dal vecchio gatto che aveva sconfitto il temuto ratto, senza sapere come.

Parlarono i primi due gatti che avevano affrontato il ratto. Il primo disse di aver esercitato e sviluppato tutte le sue abilità per anni. Si considerava il felino più agile della Contea e come fosse riuscito il ratto a sconfiggerlo. Il secondo gatto disse che era un esperto di potere mentale; neanche lui capiva perché non avesse avuto la meglio.

Il vecchio gatto fece una serie di ragionamenti interessanti e alla fine giunse a una conclusione. Disse che il primo gatto non aveva battuto il ratto perché era concentrato sulla sua abilità fisica, ma non era sufficiente. Il secondo gatto, invece, si sentiva superiore e si era trovato in difficoltà nell’affrontare qualcuno migliore di lui.

Poi sottolineò che il segreto per essere vincitori in tutte le circostanze è scegliere la serenità come filosofia di essere e di vivere. Chi è calmo lascia fluire la realtà.

La sua missione era andare dal topo, e questo è quello che aveva fatto. Il topo non poteva reagire perché non capiva la sua calma. Vedendo la sua grande saggezza, il maestro samurai adottò il suo nome.

 



  • Chen-Chi, C., & Canto, P. (1971). La práctica del Zen. La Plèyade.