Casa, albero, persona: il test della personalità HTP

17 luglio 2016 in Psicologia 4 Condivisi

Attraverso il test della personalità HTP (House-Tree-Person, in inglese casa-albero-persona) è possibile analizzare alcuni tratti della nostra personalità, quali sono le aree che generano conflitto dentro di noi, i sentimenti che temiamo e la proiezione di noi stessi, vale a dire cosa consideriamo come nostro e cosa invece, in un modo o nell’altro, consideriamo esterno a noi stessi.

Si tratta di un test della personalità che può sembrare un gioco per bambini, ma in realtà può aiutare anche gli adulti. Viene svolto si a in alcuni centri specializzati sia in ambulatori di psicologi o nei laboratori psicopedagogici delle scuole.

Che cos’è il test della personalità HTP?

Per realizzare questa prova, ai partecipanti è richiesto di disegnare su un foglio bianco una casa, un albero e una persona. Per questo motivo, la sigla inglese è HTP: house (casa), tree (albero) e person (persona). Questo test ha la finalità di evidenziare i conflitti più comuni e allo stesso tempo più nascosti dentro di noi.

Grazie ai disegni di questi semplici oggetti quotidiani, inoltre, chi analizza il test può dedurre alcune caratteristiche della personalità del soggetto in questione. Anche se non ce ne rendiamo conto, quando disegniamo una casa, un albero e una persona, portiamo a galla alcuni elementi che, per diversi motivi, sono nascosti nel nostro inconscio.

Non è necessario essere Raffaello né Michelangelo per passare il test, l’importante è trovare le chiavi di lettura nel disegno. Ma che cosa possiamo comunicare attraverso questo test? Nello specifico, è un metodo che ci permette di esprimere la nostra concezione dell’io in relazione ad un ambiente familiare (come una casa o un albero) e alle persone che abbiamo accanto.

test htp2

Le due fasi del test HTP

Lo studio, però, va al di là del semplice disegno di una casetta con un albero e una persona accanto. Proprio per questo, non va preso alla leggera. In un primo momento (quello “non verbale” o creativo), si chiede al soggetto analizzato di fare il disegno di questi tre elementi. È probabile che l’esperto vi proponga di disegnare nel modo più naturale possibile, dimenticandovi del contesto in cui vi trovate e del fatto che il vostro disegno verrà poi analizzato.

Mentre la persona sta disegnando, lo psicologo ne approfitta per prestare attenzione al suo atteggiamento, alle parole che pronuncia e a tutto ciò che esprime. Possono essere segni di frustrazione, rabbia, allegria, ecc. Una volta terminato il compito, è il momento della seconda fase, quella in cui dovrete raccontare una storia inserendo i tre tempi verbali principali (passato, presente e futuro).

Un’altra opzione impiegata molto spesso durante il testo HTP è quella di farvi rispondere a una serie di domane che lo specialista ha già stabilito in precedenza. Questo serve per motivare le persone che fanno più fatica a esprimersi o per i bambini che non hanno ancora la capacità di elaborare una storia o un racconto.

Come, quando e dove si svolge il test HTP?

Questa prova è pensata per persone a partire dagli 8 anni di età, e non c’è un’età massima per realizzarla. Questo significa che chiunque può decidere di far analizzare il suo disegno di una casa, un albero e una persona. Forse per un adulto può essere un po’ strano che lo psicologo gli chieda di mettersi a disegnare, ma i risultati che si ottengono sono senz’altro interessanti.

Perché i risultati del test siano ottimali, è necessario essere in un posto tranquillo, senza distrazioni, in cui il paziente si senta a proprio agio. Lo studio dello psicologo è l’ideale, perché garantisce anche riservatezza ed intimità. Inoltre, dev’esserci a disposizione tutto il materiale necessario: fogli, matite e gomma.

Cancellare è concesso, ma bisogna sempre analizzare attentamente l’atteggiamento con cui viene svolta quest’azione: se il paziente decide di cancellare tutto il disegno dopo averlo finito, il significato è diverso rispetto a chi cancella solo un tratto perché vuole migliorarlo.

Il test HTP dura generalmente da mezz’ora a un’ora, a seconda del tempo impiegato dal paziente per disegnare e raccontare la storia. Ovviamente dipende anche dalla sua predisposizione al fatto che lo psicologo decida o meno di fargli delle domande alla fine.

test htp3

A che cosa serve il test HTP?

Il suo scopo è semplice. Il test si basa sulla teoria secondo cui, grazie ai disegni, le persone esprimono molti sentimenti, passati e presenti, così come desideri futuri. Ogni immagine ha un significato diverso: la casa proietta la situazione familiare del presente, l’albero è la concezione più profonda o interiore di noi stessi, mentre la persona è una specie di autoritratto o auto-immagine che include la nostra coscienza e i nostri meccanismi di difesa.

Viene presa in considerazione anche la posizione di ogni oggetto nel foglio. Per esempio, se si disegna in prossimità del bordo superiore, il disegno viene relazionato con i sogni e l’immaginazione, mentre il bordo inferiore corrisponde al mondo materiale. Ciò che viene collocato a destra è legato al futuro, al centro al presente, e a sinistra al passato.

Si analizzano anche le dimensioni di ogni elemento, il tratto (che può indicare sicurezza o debolezza) e la chiarezza. È molto interessante anche sapere che ogni parte della casa, dell’albero e della persona ha un significato preciso.

Non vi diremo qual è questo significato, per non influenzarvi nel caso in cui voleste fare il test, ma per darvi un’idea di una possibile interpretazione, il tetto della casa è legato all’ambito spirituale e intellettivo, il tronco dell’albero è il sostegno della vita, e le mani della persona sono legate al piano affettivo.

In questo test, come in tutti i test proiettivi, la qualità dell’informazione che riceviamo dipenderà sia  dall’attitudine con cui affrontiamo il compito di disegnare o raccontare una storia che dall’abilità dello psicologo nel distinguere gli elementi rilevanti da quelli che non lo sono.

Guarda anche