Tipologie di consumatori: voi quale siete?

· 17 giugno 2018

Esistono diverse tipologie di consumatori, gli esperti di marketing lo sanno bene. E anche chi lavora nel settore commerciale. Le strategie di vendita tengono conto di queste differenze. Ecco perché i prodotti e le campagne sono orientati ad attivare determinati meccanismi di acquisto in base alla personalità dei clienti.

Questo fatto è particolarmente evidente su internet. In questo ambito ci sono molti meccanismi per rilevare e classificare il comportamento delle diverse tipologie di consumatori. In questo modo, l’offerta viene perfezionata a mano a mano che le informazioni vengono raccolte. L’obiettivo è solo uno: far comprare sempre di più e a prezzi sempre più alti.

Comprare e sentirsi bene per averlo fatto non è una brutta cosa. Ciò che può essere problematico è che ci inducano a farlo più spesso di quanto sia ragionevole o che sia un comportamento con cui coprire altre carenze che non hanno a che fare con il prodotto che acquistiamo, ad esempio quelle emotive. O che ci spingano in qualche modo a comprare cose inutili, avvalendosi dell’analisi del nostro comportamento. Ecco perché vale la pena di prendere consapevolezza su come effettuiamo gli acquisti. A seguire vi presentiamo le tipologie di consumatori più comuni.

“Compra solo ciò che è necessario, perché ciò che non è necessario anche se costa solo un centesimo, è molto caro.”

-Seneca-

7 tipologie di consumatori

1. Quello che compra solo il meglio

Secondo uno studio condotto dalla società Euromonitor, in questo gruppi di consumatori non esistono differenze di genere relativamente ai  membri che lo compongono. Circa la metà del gruppo è costituito da uomini e l’altra metà da donne.

L’età media è di 35 anni e corrisponde al 17% del numero totale di consumatori. Sono persone sicure, ben informate e all’avanguardia con la tecnologia. Comprano solo ciò che risulta loro vantaggioso in quanto allo status sociale. Comprano cose belle e costose, anche se devono accontentarsi di meno prodotti.

Persone che fanno shopping

2. L’impulsivo 

Il sogno di ogni venditore. Si stima che questo segmento sia composto per il 52% da donne e per il 48% da uomini. L’età media è di 34 anni e la loro caratteristica principale è che amano lo shopping.

Sono persone socievoli, spontanee e, naturalmente, impulsive. La parola magica per loro è “Offerta”. Quasi la metà dei loro acquisti avviene su internet, in particolare attraverso gli smartphone. Non passano più di un mese senza comprare qualcosa.

3. L’ottimista equilibrato

Corrisponde al 20% del campione studiato da Euromonitor. Il 51% sono donne e il 49% uomini. Hanno un’età media di 39 anni e la loro caratteristica principale è che analizzano bene i loro acquisti e non si lasciano trasportare dalla prima impressione o dalla pubblicitàFanno domande e cercano di andare a fondo.

Questo tipo di consumatore è pratico e sicuro. Valuta il rapporto qualità/prezzo e acquista qualcosa solo quando vi trova un reale beneficio. È disciplinato nei suoi debiti e preferisce non averne.

4. L’aspirante lottatore

La caratteristica principale di questi consumatori è che sono angosciati. Vogliono che la loro vita sia migliore e associano tale miglioramento agli acquisti. Compongono il 7% degli acquirenti. Il 53% di questo gruppo è formato da donne e il resto sono uomini.

Le loro abitudini di acquisto sono altamente emotive. A volte non comprano assolutamente nulla, anche in caso si tratti di un vero affare. Altre volte, invece, potrebbero comprare tutto, anche se si tratta di prodotti costosi e che non gli servono. Dipende tutto dal loro stato d’animo.

Donna preoccupata per il troppo shopping

5. Il conservatore domestico

Questo gruppo è il più “femminile” di tutti: il 58% di questo segmento è composto da donne. Corrispondono al 20% degli acquirenti e hanno un’età media di 44 anni. La loro caratteristica principale è che pensano in termini di famiglia.

Tra le tipologie di consumatori, questo è il più preciso. Chi ne fa parte guarda tutto, non importa se non sono al passo con le tendenze o se non possiedono l’ultimo dispositivo elettronico. Comprano solo ciò di cui hanno veramente bisogno, quando ne hanno bisogno. Sono i meno manipolabili.

6. Lo scettico indipendente

Il gruppo più “maschile”: il 55% sono uomini. Hanno un’età media di 35 anni, sono molto indipendenti e sostengono di vivere la vita “a modo loro”. Diffidano del commercio in generale.

Corrispondono al 10% dei consumatori e c’è una cosa che li caratterizza fortemente: odiano fare shopping. Comprano un prodotto solo quando è assolutamente essenziale. Di fatto preferiscono delegare gli acquisti ad altri. Inoltre internet non svolge un ruolo importante nelle loro vite in termini di acquisti.

7. Il tradizionalista sicuro

Costituiscono il 22% dei consumatori ed è un altro gruppo “maschile”, dal momento che il 58% di coloro che ne fanno parte sono uomini. Come il segmento precedente, odiano lo shoppingUna vera sfida per qualsiasi venditore.

A differenza degli scettici, i membri di questo gruppo si sentono completamente sicuri. Sentono che la loro vita si svolge all’insegna del benessere. Questo è il motivo per cui non vivono in funzione dello shopping. Si sentono bene con quello che hanno.

Uomo che fa acquisti online

Tutte queste tipologie di consumatori vengono accuratamente studiate nei dipartimenti di marketing, in modo che in molti casi per ogni tipo venga pensata un’offerta differenziata. In fin dei conti, “il cliente ha sempre ragione” e nello specifico ciò che i guru del marketing cercano sono buone strategie per ottenere le informazioni che cerchiamo in base al nostro profilo di consumatore… e alla fine compriamo.