Essere triste pur non avendo problemi

Avere tutto per essere felice: famiglia, amici, lavoro... Eppure, provare una tristezza costante, un'apatia che non ha alcun senso. Perché ci deprimiamo se non ci sono carenze significative nella nostra vita?
Essere triste pur non avendo problemi
Valeria Sabater

Scritto e verificato da lo psicologo Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre, 2021

Un buon lavoro, sicurezza finanziaria, persone care, una famiglia meravigliosa e amici sempre presenti. Ciò nonostante, qualcosa non va, stravolge tutto e fa sentire triste.

Non essere felici sebbene tutto quanto intorno sia favorevole è un’esperienza comune. Una tremenda contraddizione esistenziale spesso mediata da una depressione latente. Tuttavia, vogliamo dare un senso a tutto, cerchiamo una spiegazione obiettiva a tutto.

Dobbiamo accettare, però, che i disturbi mentali non hanno sempre un’origine chiara. Nel caso specifico della depressione, è comune andare alla deriva in quell’abisso senza sapere cosa abbia spinto ad arrivarci. E quando ciò accade, ci arrabbiamo con noi stessi perché non siamo felici quando dovremmo esserlo.

Un’anima triste può ucciderti più in fretta, molto più in fretta che un germe

-John Steinbeck-

Ragazzo triste.

Motivi per cui si è triste pur avendo tutto (in apparenza)

Perché sono triste se la mia vita va a gonfie vele? Facendo una ricerca su internet, scopriremo che si tratta di una domanda che compare spesso nei forum o nei social network.

Molte persone fanno domande come: “Perché mi è stata diagnosticata la depressione se non ho motivi per essere triste?”, “Perché non riesco ad apprezzare quello che ho?”.

Non capiamo ancora l’anatomia dei disturbi dell’umore. Continuiamo a pensare che la depressione sia una forma di tristezza, soprattutto riponiamo su di noi l’unica responsabilità.

“Hai l’ansia, perché sei troppo intenso e non sai prendere la vita in un altro modo”, “Soffri di depressione perché sei debole, pigro e non sai apprezzare il bene che ti circonda”.

Tale ragionamento è pericoloso e alimenta ulteriormente il senso di colpa. La depressione è una condizione in cui convergono più fattori e non tutti sono sotto il nostro controllo.

Avere tutto non è sempre sinonimo di felicità e benessere

Possiamo avere il miglior lavoro del mondo e un partner meraviglioso, ma non essere felici. Può succede, ma bisogna individuare l’elemento che provoca il caos.

A volte diamo per scontato che determinate dimensioni ci renderanno felici perché è “socialmente previsto”. Quando in realtà il benessere autentico può derivare da altri aspetti meno “normativi”.

Se capita di chiedersi perché si è tristi da molto tempo senza motivi apparenti, se con frequenza si riflette sulla propria vita, conviene fermarsi un attimo.

Alcuni fattori come lo stress indicano che pur avendo una famiglia e amici preziosi non è possibile godere di essi. Anche la mancanza di uno scopo e di obiettivi a lungo termine tendono a offuscare il nostro benessere.

Essere triste è una condizione medica, non una scelta

Nessuno sceglie la propria depressione. Nessuna persona cade volontariamente in un disturbo dell’umore. Le depressioni sono condizioni di origine multifattoriale e non tutte sono sotto il nostro controllo. Possono influire i seguenti fattori:

  • Aspetti neurologici. Il lavoro di ricerca svolto presso il Dipartimento di Psichiatria della Mount Sinai School of Medicine di New York indica l’impatto delle variabili neurobiologiche sulla depressione. I geni, dunque, sono tra gli aspetti da considerare.
  • Avversità psicosociali durante l’infanzia. La persone che si sente sempre triste anche se la loro vita va buona, bisogna guardare indietro e ricordare la propria infanzia. A volte, anche con un presente felice, il peso del trauma passato aumenta il rischio di depressione.
  • Stress mantenuto nel tempo. Potremmo avere tutto, una bella casa, stabilità finanziaria, un partner che amiamo… Pur così, sostenere situazioni stressanti per diversi mesi è un fattore di rischio per la depressione.

La persona che si sente depressa “senza motivo” quando tutto va bene nella sua vita può essere più riluttante a chiedere aiuto.

Ragazza a letto triste.

Distogliere lo sguardo su quello che si possiede e concentrarlo sulle proprie emozioni

Quando ci si sente triste senza una causa evidente, mostra una doppia sofferenza. Ci si sente in colpa, persino ingrati. Perché non sono felice se il mio partner mi ama e ho una famiglia? Questa delusione prolunga la richiesta di un aiuto professionale, navigando tra vergogna, frustrazione e stranezza.

Si spera che quel vuoto passi da solo, che sarà solo un brutto momento. Tuttavia, l’apatia, la disperazione e i pensieri negativi non scompaiono, si intensificano.

È importante chiedere aiuto quando i pensieri negativi e il disagio emotivo diventano una costante. Al di là di quello che si ha, come ci sentiamo è la dimensione più rilevante.

This might interest you...
La tristezza dura più delle altre emozioni
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La tristezza dura più delle altre emozioni

Perché la tristezza dura più a lungo delle altre emozioni? Molti di noi avranno avuto questa sensazione. Scoprite di più in questo articolo.



  • Aan Het Rot M, Mathew SJ, Charney DS. Neurobiological mechanisms in major depressive disorder. CMAJ. 2009;180(3):305-313. doi:10.1503/cmaj.080697
  • Cuijpers P, Sijbrandij M, Koole SL, Andersson G, Beekman AT, Reynolds CF 3rd. Adding psychotherapy to antidepressant medication in depression and anxiety disorders: a meta-analysis. World Psychiatry. 2014;13(1):56-67. doi:10.1002/wps.20089
  • Zimmermann JJ, Tiellet Nunes ML, Fleck MP. How do depressed patients evaluate their quality of life? A qualitative study. J Patient Rep Outcomes. 2018;2(1):52. doi:10.1186/s41687-018-0076-z