Trovare delle scuse: l’instancabile abitudine di molte persone

23 Aprile 2020
Ci sono persone che usano le scuse come meccanismo di difesa. Trovare di continuo delle scuse e cercare di giustificarsi per ogni errore o incompetenza è un modo per mascherare le insicurezze nel tentativo di proteggere il proprio ego.

Ci sono persone che sembrano avere una laurea in ricerca delle scuse. Trovano favolose giustificazioni per ogni disattenzione, incombenza, fallimento o per non avere mantenuto la parola data. Sembrano non avere difficoltà a trovare dei pretesti e delle giustificazioni. Oltre ad avere un comportamento infantile, mostrano una chiara irresponsabilità nei confronti della vita. In questo articolo vi parleremo dell’instancabile abitudine di molte persone di trovare delle scuse per tutto.

Il famoso scrittore francese Stendhal ha affermato che chi si scusa si accusa. È una grande verità, poiché questo atteggiamento evidenzia soprattutto un tipo di autoinganno con cui salvaguardare la propria autostima o delle realtà più profonde che non si vogliono accettare, come l’indecisione, l’insicurezza, l’immaturità o persino la paura.

Capire cosa si cela dietro una personalità del genere ci sarà di grande aiuto. Non solo per poter gestire queste persone, ma anche, per quanto possibile, per trovare delle strategie adeguate per renderle consapevoli degli effetti del loro comportamento.

“Una scusa è peggiore e più terribile di una bugia.”

Alexander Pope

Uomo che trova delle scuse alla compagna

Trovare delle scuse: l’arte di mentire, procrastinare e intrappolare il cervello

L’abitudine di trovare delle scuse inizia sin dall’infanzia. Già a scuola i ragazzi sono in grado di trovare delle scuse fantasiose per giustificare il motivo per cui non hanno fatto i compiti. E anche a casa sono abili e brillanti a inventare delle scuse per giustificare il fatto di aver trascurato i compiti, le responsabilità e per far ricadere sugli altri i loro difetti. Nessuno fa notare loro questo atteggiamento e, a poco a poco, trovare delle scuse diventa un modo per sopravvivere.

Quasi senza rendersene conto, diventano artigiani dell’autoinganno e delle bugie, grandi procrastinatori, che rimandano all’anno dopo quello che avrebbero dovuto fare ieri. Nel loro piccolo universo tutto ha una giustificazione e se gli altri non capiscono, si arrabbiano e li rimproverano con frasi come: “Non ti fidi di me”, “Non mi credi mai”, ecc.

È importante capire che chi è abituato a trovare delle scuse non è una persona felice. È lontana dallo stare bene con se stessa. Si usa una scusa quando ci si sente minacciati, quando vengono messa in discussione le proprie competenze, quando viene alla luce un errore, l’incuria o un comportamento sbagliato. La scusa è un meccanismo di difesa per mascherare le debolezze e le incoerenze.

Le scuse che feriscono e limitano

Le scuse confinano il cervello nella cantina della paura. Chiunque le usi in ogni circostanza sta limitando la propria crescita, le proprie responsabilità, la propria vita e il proprio potenziale umano. Chi si abitua a trovare delle scuse è come se fosse infettato da un virus che le fa ammalare impedendo loro di attuare un cambiamento e di occuparsi di sé in modo maturo.

“Non sono riuscito a finire la relazione perché il mio computer ha preso un Trojan”, “Non sono andato al colloquio di lavoro perché il treno aveva un guasto e non potevo muovermi”, “So di averti detto che avremmo fatto un viaggio, ma ora devo aiutare i miei genitori”. Dietro queste scuse si nasconde qualcosa che va oltre una semplice mancanza di onestà. È la paura di affrontare certe realtà che, invece, si dovrebbero affrontare per il proprio benessere, la propria dignità e la propria felicità.

Uomo che guarda un albero

Perché si tende a trovare delle scuse?

Trovare delle scuse è il modo più semplice per risolvere qualsiasi situazione. Per esempio, se abbiamo dimenticato un appuntamento importante, è più facile incolpare il destino e trovare la causa della nostra dimenticanza in qualcosa esterno a noi: un guasto alla macchina, una malattia improvvisa che ci costringe a rimanere a letto, ecc. Vediamo quali dimensioni psicologiche definiscono in concreto questo comportamento:

  • Meglio rimandare che affrontare (la procrastinazione come meccanismo di difesa). Se qualcosa richiede molto impegno da parte nostra, preferiamo rimandarla a domani. Per le persone che cercano continuamente delle scuse, prima di affrontare ciò che le rende insicure, la cosa migliore da fare è rimandare il più possibile.
  • La sicurezza e il comfort prima di ogni altra cosa (il fattore paura). La persona abituata a trovare delle scuse, vive sempre nella sua zona di comfort. Tutto quello che si trova al di fuori è secondario o, addirittura, minaccioso.

Come possiamo aiutare le persone a modificare l’abitudine di trovare delle scuse?

Come abbiamo potuto notare, le radici della cattiva arte di inventare delle scuse trovano spesso terreno fertile nella paura e nell’insicurezza di chi desidera salvaguardale il proprio ego e la propria zona di comfort. A volte una scusa non è altro che una bugia, una strategia meschina con cui nascondere certe realtà.

Qualunque sia il motivo, anche se a volte siamo noi stessi a ricorrere alle scuse per non affrontare un cambiamento, è opportuno tenere presenti alcuni aspetti. Riflettere su questi aspetti può essere molto utile.

Come interrompere il meccanismo delle scuse

  • Ogni volta che qualcuno usa una scusa è importante farglielo notare. Bisogna confrontarsi e invitare la persona a essere sincera, soprattutto con se stessa.
  • In modo rispettoso, bisogna far notare alla persona che una scusa è una bugia detta a se stessa. Per esempio, di fronte alla frase: “Non sono andato al colloquio di lavoro perché ho perso la metropolitana”, sarebbe opportuno che la persona dicesse “Non sono andato a quel colloquio di lavoro perché non saprei accettare un nuovo rifiuto”.
  • Se le scuse sono il vostro salvagente, lanciatevi in acqua e imparate a nuotare. Molte persone ricorrono alle giustificazioni più fantasiose per non affrontare ciò che temono e che continuano a rimandare. Se qualcuno vuole essere rispettato e, soprattutto, sentirsi bene con se stesso, deve mettere da parte le scuse e agire, confrontarsi, risolvere i problemi, provare a cambiare…
Uomo in mezzo alle nuvole

Tutti abbiamo usato delle scuse in più di un’occasione e sappiamo quanto è difficile liberarsene totalmente. Cerchiamo, quindi, di avere pazienza con chi ancora ricorre a esse e aspettiamo che smettano di utilizzarle. In fondo, stanno ancora cercando di liberarsi da una zavorra o da un carico pesante.