10 passi per dare priorità a voi stessi

· 10 ottobre 2015

Viviamo una vita molto concitata, nella quale risulta difficile dare la priorità a se stessi: tutto sembra disegnato per dare priorità agli altri. Il lavoro, la famiglia, le amicizie, il volontariato, la coscienza di solidarietà e impegno che regna nella società e tutti gli obblighi imposti ed auto-imposti ci fanno dimenticare noi stessi.

Spesso, ci sentiamo addirittura colpevoli per voler dedicare del tempo a noi; è come se sentissimo che non ne abbiamo il diritto. Invece è tutto l’opposto: dedicare del tempo a voi stessi vi fa guadagnare energie, ottenere chiarezza e dare più senso a ciò che state facendo, perché lo farete con allegria.

Ritagliare del tempo per voi stessi vi aiuterà a sentirvi meglio, cosa indispensabile per poter dare il meglio agli altri.

Come dare priorità a voi stessi

Non sentitevi in colpa, iniziate a pensare a voi. Ora vi diremo alcuni modi per dare priorità a voi stessi. Metterli in pratica non significa trascurare gli altri; si tratta, piuttosto, di un atteggiamento che vi trasformerà nella versione migliore di voi e, così, potrete fare di più anche per gli altri.

priorità 2

1- Cercate del tempo per ricordare che le vostre necessità sono importanti. Se i vostri bisogni non sono una priorità per voi, non lo saranno per nessun altro. Dovete comprendere quali sono queste necessità e cercare attivamente una maniera per soddisfarle.

2- Capite quali aspetti della vita vi stanno provocando stress e considerate il valore che questi hanno per voi. Chiedetevi se si tratta di qualcosa di realmente importante, se vale la pena soffrire così. Capite, inoltre,se questo stress è creato dal vostro atteggiamento e, in tal caso, cercate il modo per cambiare le cose. Trovate la maniera di controllare lo stress, affinché questo non influisca negativamente sulle vostre azioni e su quelle degli altri.

3- Assicuratevi di avere un po’ di tempo per voi ogni giorno, per stare tranquilli, in solitudine, facendo qualcosa che vi piaccia. È facile dimenticarsi delle proprie necessità quando si è immersi nel trambusto quotidiano, quando la vostra presenza è continuamente richiesta. Avete bisogno di respirare un po’ senza tutta questa pressione.

4- Non sentitevi in colpa per prendervi cura di voi. Non dovete giustificarvi, né dare spiegazioni. Se qualcuno non lo capisce, non è un vostro problema, a meno che non gli diate corda tentando di difendervi senza ragione.

5- Comprendete che vi meritate del tempo, che avete diritto a pensare a voi, nonostante siate imprescindibili per gli altri. Vedrete che, una volta capito questo, sarete anche più utili a loro.

6- Ritagliatevi del tempo per fare le cose che vi fanno sentire meglio con voi stessi, che vi fanno sentire più sicuri e più forti, che vi ricordano quanto siete importanti. Fate esercizio fisico, prendetevi cura del vostro corpo, dedicate del tempo alla lettura, dormite a sufficienza.

7- Abbracciate le vostre emozioni e non negatevi la possibilità di soffrire. Non reprimete il dolore come se così scomparissero i problemi; in questo modo, non farete altro che ridurre la vostra felicità. Dovete accettare e comprendere tutte le vostre emozioni e i vostri sentimenti.

8- Riconoscete ed apprezzate le persone positive e costruttive nella vita, e dimostrate loro il vostro impegno. Vi aiuteranno a trovare voi stessi e vi appoggeranno nel processo di crescita personale.

9- Comprendete la differenza tra le cose che potete cambiare e quelle che invece no, e imparate a lasciar andare queste ultime. Ogni giorno, troverete nuove attività che vi piacciono e, se cambierete in meglio, vi sentirete anche meglio con voi stessi.

10- Non dimenticate che ci sono solo tre cose nella vita che potete controllare: ciò che pensate, ciò che dite e ciò che fate. Agite di conseguenza, non lasciatevi manovrare come una marionetta e siate coscienti di ciò che fate e del perché lo fate.