3 esercizi di grounding per ridurre l'ansia

Il grande vantaggio del grounding è il fatto di essere una tecnica semplice, che può essere praticata sempre e ovunque. Ed è uno strumento utile per uscire rapidamente dagli stati di ansia.
3 esercizi di grounding per ridurre l'ansia

Ultimo aggiornamento: 20 agosto, 2020

Gli esercizi di grounding sono una tecnica per il rilassamento molto semplice e particolarmente adatta a chi sta attraversando un periodo di grande stress e ansia. La parola grounding significa connettersi al suolo. Gli esercizi hanno proprio a che fare con questo, in senso letterale e figurato.

Questo metodo serve a ridurre gli stati di forte nervosismo, ma è anche adatto in quei momenti in cui proviamo confusione, paura o tristezza senza una causa precisa – minaccia/perdita – o che giustifichi queste emozioni.

Uno studio condotto presso l’Università della California conferma i benefici del grounding. Dal punto di vista fisico, ridurrebbe i processi infiammatori, rafforzerebbe la risposta immunitaria, generando una sensazione di maggiore vitalità. Vediamo di cosa si tratta.

Gran parte del nostro stress e dell’ansia provengono dalla disconnessione dal nostro corpo. Più ci radichiamo nel corpo, meno stress e ansia proveremo.

– Scott Jeffrey –

Donna ansiosa si preme le mani sulla bocca.

Esercizio di grounding, versione classica

Va detto che esistono diverse versioni degli esercizi di grounding e che quella classica prevede il contatto diretto con la natura. Se vi sentite più sereni mentre camminate sulla spiaggia o nel bosco, state semplicemente facendo un grounding istintivo. Si tratta proprio di questo: immergersi in un ambiente naturale.

Per eseguire questa semplice tecnica di contatto con la terra, iniziate con il togliere le scarpe e le calze. Quindi camminate sull’erba, sulla sabbia o sulle pietre. Ovviamente assicuratevi che il suolo sia libero da oggetti che possano ferire i piedi.

Camminate senza fermarvi per dieci minuti. Concentratevi sulla sensazione che ricevono le piante dei piedi. Provate a respirare lentamente. L’ideale sarebbe eseguire questo esercizio all’aperto: i vantaggi sono maggiori.

Quali sono i benefici? È stato dimostrato che il contatto diretto della pelle con la terra è rilassante. Allo stesso tempo, muoversi su una superficie non uniforme, offre un massaggio naturale. Si ritiene che questo esercizio aiuti a ricentrarsi.

Seconda versione

Esiste una seconda versione dell’esercizio di grounding, che corrisponde a una specie di “mindfulness“. In questo caso, sedetevi su una sedia che vi permetta di appoggiare bene i piedi sul pavimento. Iniziate a respirare normalmente, cercando in maniera graduale di inspirare ed espirare sempre più profondamente.

Anche questo esercizio va eseguito senza scarpe. Dopo aver trascorso alcuni minuti in questa posizione e sentite che il respiro è diventato profondo e regolare, rivolgete tutta la vostra attenzione alla pianta dei piedi. Cercate di ricevere con molta cura ogni sensazione: la natura del pavimento, la temperatura della pelle…

Bastano tre minuti al giorno. Concentratevi sulla pianta dei piedi e lasciate che la terra vi riporti al presente. Equivale a prendere una tregua dall’ansia, a liberarsene per qualche istante. Vi sentirete certamente molto più calmi.

Piedi nudi sul pavimento di legno.

Esercizi di grounding: terza variante

Esiste una terza variante degli esercizi di grounding, anch’essa correlata alla consapevolezza. È noto come esercizio dei “tre tre“. Si tratta di una tecnica breve, ideale per quei momenti specifici in cui ci si sente sovreccitati o senza controllo.

Cominciate a chiudere gli occhi e a prestare ascolto ai rumori dell’ambiente circostante. Individuate i tre rumori che riuscite a distinguere più chiaramente.

Aprite gli occhi e dite ad alta voce quali sono i tre colori che captate intorno a voi. Infine date un nome alle tre sensazioni che sta sperimentando la vostra pelle in quel preciso momento. Il gioco è fatto.

Questo mini esercizio è magnifico per ancorarci al presente e riportarci nel qui e ora. L’ansia, infatti, è strettamente legata alla tendenza della nostra mente a proiettarsi in un futuro percepito come minaccioso. Questa pratica del ritorno al momento presente vi aiuterà a dissipare l’inquietudine o l’agitazione.

Come avete visto, le tre versioni dell’esercizio di grounding sono estremamente semplici; il vantaggio è che potete metterle in pratica ovunque. Nessun esercizio vi ruberà troppo tempo, ma può fare una grande differenza nel vostro stato d’animo. Provatela voi stessi!

Potrebbe interessarti ...
Semplice tecnica per ridurre lo stress: il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Semplice tecnica per ridurre lo stress: il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson

Tra tutte le strategie per ridurre l’impatto fisico dello stress, la tecnica di rilassamento muscolare progressivo di Jacobson è una delle più effi...



  • Figueras, T. (2013). Grounding: concepto y usos en danza movimiento terapia (DMT)