Accettare le imperfezioni: l'anfora crepata

La storia dell'anfora crepata ci invita a riflettere sulle nostre imperfezioni. Saperle accettare ci aiuterà a rafforzare la nostra autostima e il nostro benessere personale.
Accettare le imperfezioni: l'anfora crepata

Ultimo aggiornamento: 06 febbraio, 2022

La storia dell’anfora crepata è un ottimo esempio letterario per riflettere su come accettare le imperfezioni. Pochi aspetti sono così importanti nel campo della crescita personale e, soprattutto, dell’autostima.

In una società caratterizzata dalla ricerca della perfezione, della solvibilità assoluta, del nuovo, del giovane e dell’ideale, è necessario apprezzare questa lezione di saggezza.

Già i filosofi greci come Platone studiarono questa dimensione. Lo stesso saggio di Atene e maestro di Aristotele insistette nel dare al suo popolo l’idea più perfetta, l’ideale più sublime. Non ci è riuscito, ma ci ha ispirato.

Perché la perfezione non esiste. A maggior ragione, i vantaggi psicologici dell’imperfezione (e della sua accettazione) sono immensi, ci rendono più liberi e favoriscono un benessere adeguato.

Poche dimensioni sono paralizzanti come la paura dell’imperfezione, quel timore di fallire, di non essere accettati per il proprio aspetto, di non ottenere qualcosa a causa di quelle caratteristiche che ci distinguono dal resto.

Ricordiamo che la ricerca della perfezione è la vera via della solitudine. Per capirlo, niente di meglio di questo racconto interessante.

Il racconto dell’anfora crepata

C’era una volta un vecchio contadino che ogni giorno percorreva lunghi chilometri per raccogliere l’acqua dalla sorgente più vicina e trasportarla ai suoi parenti. L’uomo camminava ogni giorno portando due anfore sulle spalle, sostenute da un bastone.

Le anfore, come lui, non erano immuni al passare degli anni, erano invecchiate e deteriorate. Una in particolare si era crepata in più punti il che faceva perdere all’uomo acqua lungo il tragitto. Un giorno, l’anfora crepata disse:

«Non so se hai notato che da un po’ ho diverse crepe e non assolvo a pieno il mio compito. Mentre l’altra anfora trasporta tutta l’acqua per diversi chilometri, io perdo più della metà dell’acqua ogni giorno lungo il percorso. Penso che la cosa migliore per te sarebbe che tu mi sostituissi con un’altra anfora che svolga il lavoro che meriti».

Anfora crepata.

Accettare le imperfezioni

L’uomo si alzò, posò delicatamente le anfore per terra e disse: «Hai notato cosa è successo da quando hai iniziato a creparti fino ad oggi? Hai notato il percorso che facciamo insieme ogni giorno?».

L’anfora pensò per un momento e, rassegnata, rispose: «No, so solo che sono inutile perché non sono in grado di svolgere l’unica funzione che DEVO avere. Penso davvero che dovresti scambiarmi con un’altra».

L’uomo la fissò e le disse: «Ascolta attentamente, vecchia amica. Ogni giorno, da quando si sono formate le prime crepe sul tuo lato destro, lungo il percorso che percorriamo insieme ho piantato dei semi che, come puoi vedere, non solo rallegrano il percorso con i colori e gli odori che le piante che sono cresciute, ma hanno anche dato frutti e permettono a me e ad altri di raccoglierli e portare cibo alle nostre famiglie.

E grazie a cosa? Sai cosa? Grazie all’acqua che tu stessa hai versato lungo la strada. Dovresti essere orgogliosa di quello che sei.

Donna che riflette.

Le cose devono essere mantenute il più a lungo possibile. È quello che ho fatto con te. Devi essere orgogliosa di quello che abbiamo ottenuto nonostante le avversità. Niente di più».

Quello che non è più come prima non va abbandonato e messo da parte solo perché non è più come ci si aspetta.

L’insegnamento del racconto dell’anfora crepata sul perché accettare le imperfezioni

Assolutamente tutti abbiamo difetti, ma anche molte virtù. Non dobbiamo paragonarci e lamentarci, bensì migliorare ciò che abbiamo o chi siamo e sfruttare le avversità.

Come rivelano diversi studi, proprio il mancato apprezzamento di sé è alla base della bassa autostima. Un buon livello di autostima aiuta ad affrontare le difficoltà e a non cadere nel disfattismo. È allora che possiamo dire di aver imparato dalla vita e di essere pronti ad affrontare le avversità.

E voi, come rafforzate la vostra autostima? Se avete una bassa autostima, è ora di mettervi al lavoro. Allo stesso modo, lo studio condotto da Brian L. Thompson, dell’Università di Manchester, consigliano di dedicarsi ogni giorno alla Mindfulness per imparare ad apprezzarsi. Vale la pena provarci.

Foto per gentile concessione di Ivan Galashchuk, rpphotos



  • Thompson, BL, y Waltz, JA (2008). Atención plena, autoestima y autoaceptación incondicional. Journal of Rational – Emotive and Cognitive – Behavior Therapy , 26 (2), 119–126. https://doi.org/10.1007/s10942-007-0059-0