Alle persone che mi piacciono

· 6 luglio 2015

Mi piace la gente che vibra, che non ha bisogno di essere spinta, a cui non devi dire di fare le cose, ma che al contrario sa quello che c’è da fare e lo fa, la gente che coltiva i suoi sogni fino a quando tali sogni si impadroniscono della realtà stessa.

Mi piace la gente che ha il senso della giustizia, che lotta contro le avversità, la gente sincera e franca, capace di opporsi con argomenti ragionevoli alle decisioni degli altri, mi piace la gente capace di criticarmi costruttivamente e di fronte, senza ferirmi.

Mi piace la gente capace di assumersi le conseguenze delle proprie azioni, la gente che rischia il certo per l’incerto pur di andare dietro a un sogno, la gente che si permette di fuggire i consigli sensati lasciando la soluzione in mano a Dio Padre.

Mi piace la gente che conosce l’importanza dell’allegria e la diffonde, la gente che attraverso le barzellette ci insegna a prendere la vita con buon umore, mi piace la gente che non perde mai il suo lato bambino.

Mi piace la gente che non sparisce quando si tratta di raggiungere obiettivi e idee, la gente che non si vergogna di riconoscere di essersi sbagliata o di non sapere qualcosa, mi piace la gente che, nell’accettare i propri errori, si sforza di non commetterli più.

Mi piace la gente che cerca soluzioni, la gente fedele e persistente, la gente che ha personalità e dà il meglio di sé, mi piace la gente che aiuta generosamente senza sperare niente in cambio. La sensibilità, il coraggio, la solidarietà, la bontà, il rispetto, la tranquillità, l’allegria, l’umiltà, la fede, la felicità, il tatto, la fiducia, la speranza, la riconoscenza, la sapienza, i sogni, il pentimento e l’amore verso gli altri e verso se stessi, sono cose fondamentali per chiamarsi “gente”.

Con gente come questa mi impegno per qualsiasi cosa per il resto della mia vita, dal momento che, per il semplice fatto di tenerla al mio fianco, mi sento ben retribuito”.

Mario Benedetti

Sono questo tipo di persone che ci strappano un sorriso, che sono pura energia. Perché tutti abbiamo pregi e difetti e per saperlo bisogna essere onesti con se stessi.

Persone

Ci piacciono le persone e, anche se è abbastanza semplice spesso ci complichiamo la vita cercando intenzioni ed elaborando illusioni. Siamo veri creatori di illusioni.

Spesso diamo per scontato che le persone approfittano di noi, ci feriscono e ci ingannano. Ma è sufficiente un semplice gesto o uno sguardo perché nella nostra testa si generi una serie di idee terribili che probabilmente non coincidono con la realtà.

Tuttavia, generalmente le persone sono buone, e ognuna di queste è diversa dall’altra. Non è necessario essere degli esperti per capirlo, ma è sufficiente tenere gli occhi aperti e saper valutare le nostre relazioni senza renderle terribili. Commettiamo tutti degli errori e siamo pieni di difetti, ma non sono questi che ci plasmano, bensì la nostra percezione delle cose.

Lo ha detto anche Benedetti, sono molte le persone delle quali è bene circondarsi, sono le persone che ci capiscano, quelle che non ci affogano e che non sono tossiche. Ci piacciono le persone tanto come ci piace ridere, perché non c’è niente di male a compromettersi con la felicità, la cosa più grande e più bella che esiste.

Ci piacciono le persone che dicono quello che pensano e ci piacciono ancora di più quelle che fanno quello che dicono. Diamo valore alle cose autentiche, perché l’unione dei verbi dire e fare è la più meravigliosa delle casualità.

Immagine per gentile concessione di nuvolanevicata