Alzarsi presto ogni mattina è un errore?

· 9 dicembre 2016

Quante volte vi siete sentiti dire che “il mattino ha l’oro in bocca”? Un detto popolare che i nostri genitori usavano spesso per svegliarci la mattina quando dovevamo andare a scuola e che aveva l’obiettivo di dimostrarci che alzarci presto era la scelta migliore. Persino il grande scrittore spagnolo Miguel de Cervantes affermò che “chi non si alza insieme al sole non si gode la giornata.”

Anni di sofferenza per colpa della sveglia che suona troppo presto o dei  sensi di colpa quando decidiamo di rimanere a letto più a lungo. Eppure, dopo tutto questo tempo, la scienza sembra aver scoperto che alzarsi presto non è davvero positivo come sostiene il detto.

Negli ultimi decenni, la maggior parte delle società europee ha scelto di sfruttare al massimo la luce diurna per organizzare la giornata e gli impegni lavorativi. Eppure, proprio nel nostro continente è stato condotto uno studio che ha dimostrato che alzarsi presto la mattina può anche avere ripercussioni negative per il nostro corpo e la nostra mente.

Perché non fa bene alzarsi presto?

I ricercatori della University of Westmister, in Inghilterra, hanno condotto uno studio sulle abitudini del sonno. La ricerca puntava a dimostrare che alzarsi troppo presto non è per niente positivo, al contrario può persino accorciare la nostra speranza di vita. Lo studio, realizzato grazie alla partecipazione di 42 volontari, è stato diretto dalla dottoressa Angela Clow ed è durato diverse settimane.

Sono stati analizzati campioni di saliva dei partecipanti, prelevati di prima mattina e altre sette volte durante la giornata. In questo modo, è stato dimostrato che le persone che si svegliano troppo presto hanno una tendenza maggiore a soffrire di mal di testa e di problemi muscolari e presentano più spesso uno stato d’animo negativo.

Per questo motivo, l’orario perfetto stabilito dallo studio per alzarsi la mattina sono le 7:21 del mattino. Le persone che hanno l’abitudine di alzarsi prima di quell’ora mostrano livelli più alti di cortisolo. Questa sostanza è l’ormone responsabile dello stress e, quindi, ne favorisce la comparsa.

orologio-in-spiaggia

Altri dati dello studio

Alcune persone, però, potrebbero pensare che l’importante sia dormire 8 ore, a prescindere dall’ora in cui ci alziamo. In verità non è così, perché lo studio ha dimostrato che, a parità di ore di sonno, le persone che si alzano prima sono più propense allo stress e persino alla rabbia.

Chi, al contrario, si alza poco dopo l’orario indicato, sembra godere di relazioni sociali di qualità migliore. Inoltre, si trova più a suo agio quando è in una situazione di intimità con altre persone.

Tuttavia, esiste anche un dato positivo legato a chi ha l’abitudine di alzarsi prima. Secondo lo studio della dottoressa Clow, le persone che si alzano presto hanno dimostrato una maggiore capacità di concentrazione.

“Il bello di morire è non doversi alzare presto.”

-José Luis Coll-

Come ridurre lo stress

Se, quindi, rientrate nella categoria di persone obbligate ad alzarsi molto presto per motivi lavorativi o familiari, dovete trovare il modo di ridurre i vostri livelli di stress.

È bene ricordare, infatti, che lo stress è una delle maggiori epidemie delle società industrializzate. E non si tratta solo di un problema mentale: può infatti essere somatizzato e provocare seri problemi fisici. Per questo motivo, è necessario adottare sane abitudini che lo riducano.

  • Gestire il tempo in modo efficace è fondamentale: la fretta e lasciare tutto per l’ultimo minuto non portano mai da nessuna parte.
  • Non è necessario essere troppo perfezionisti, è molto meglio rilassarsi un po’ da questo punto di vista.
  • Praticare sport a bassa intensità ci permette di prenderci una pausa dalle attività più stressanti ed è sempre un’ottima idea. L’attività fisica è perfetta per tenere sotto controllo l’ansia.
  • Fare uso del pensiero positivo è un’altra ottima strategia per ridurre lo stress. Se vediamo sempre tutto nero, la negatività si impossesserà di ogni angolo del nostro pensiero e finiremo col creare noi stessi fantasmi anche negli ambiti in cui non ci sono reali minacce. Inoltre, sopravvaluteremo i pericoli e le minacce che esistono davvero.
ragazza-nel-prato

  • Seguire una dieta bilanciata e sana è un buon modo per gestire le situazioni più stressanti. Evitate i prodotti troppo processati, l’eccesso di grassi e le bibite alcoliche.
  • Come vi abbiamo appena detto, le ore di sonno sono fondamentali. Se non potete alzarvi più tardi, cercate almeno di riposare 8 ore al giorno. Se riuscite a dormire senza interruzioni, tanto meglio.
  • Realizzare attività che vi divertano, praticare la meditazione, andare ad un concerto, vedere un film o andare a teatro possono essere eventi da inserire nella vostra agenda quotidiana che vi rilassino e vi facciano staccare dalla routine.

Ricordate, alzarsi presto non sempre è una buona idea. L’importante è conoscere il vostro corpo e trovare, per quanto possibile a seconda dei vostri impegni, l’orario migliore che vi faccia stare bene. Gli eccessi, anche nel sonno, sono sempre negativi. Sia in questo caso come negli altri, il buon senso, la disciplina, concedersi piccoli piaceri e informarsi sono le nostre principali armi per vivere al meglio.