Amici dei nostri figli, perché non è possibile?

Essere genitori non significa essere amici. Al di là del legame biologico, si tratta di due relazioni totalmente diverse che quando confuse lasciamo un vuoto che i nostri figli hanno bisogno di colmare.
Amici dei nostri figli, perché non è possibile?

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio, 2021

Perché non possiamo essere amici dei nostri figli? Molti genitori si sorprendono ancora quando viene detto loro che non è opportuno o consigliabile essere i migliori amici dei loro bambini o adolescenti. Aspirare a diventare loro pari limita la nostra autorità e ci mette in una posizione contraddittoria, scomoda e controproducente per loro e per noi.

Tuttavia, molti si sforzano di farlo. Le madri vogliono diventare le migliori amiche delle figlie nella speranza di diventare loro confidenti. Anche i padri vogliono essere figure a tutto tondo capaci di essere ottimi compagni di giochi, amici con cui parlare di tutto e cui scherzare su qualsiasi cosa. Tutto questo, naturalmente, è positivo e appagante. Ciò nonostante, ci sono limiti che non possono essere superati.

I genitori non possono essere allo stesso livello dei loro figli perché ciò potrebbe nuocere alla loro autorità. Nel momento in cui il loro status si indebolisce, le regole non hanno più potere e non ci sono più limiti, i figli possono pensare che sia tutto lecito. In un mondo dove tutti sono amici, non c’è motivo di seguire le regole.

Genitori che parlano con i figli.

Perché non possiamo essere amici dei nostri figli

Nel libro L’epidemia di narcisismo, gli autori Jean Twenge e W. Keith Campbell riflettono su questo argomento. Per loro, una delle ragioni dell’aumento dei profili narcisisti nella nostra società riguarda la maggiore simmetria tra genitori e figli. Se ci chiediamo perché non dovremmo essere amici dei nostri figli, questa è una parte importante della risposta.

È facile perdere autorità in questo tentativo di avvicinarsi a loro come faremmo con un amico. Un’autorità che occorrerà poi imporre per fissare quei limiti che serviranno da riferimento per la loro crescita. In questo senso, è necessario ricorrere alla paternità o alla maternità confidenziale e affettuosa, ma anche saper mantenere l’autorità genitoriale, in quanto necessaria per lo sviluppo dei più piccoli. Vediamo il perché.

Definizione di amicizia, definizione di genitorialità

Prima di cercare di rispondere al motivo per cui non possiamo essere amici dei nostri figli, vale la pena di considerare un aspetto: le definizioni. Essere amici di qualcuno significa mantenere un legame emotivo disinteressato tra due o più persone. Questo rapporto si basa anche su un senso di assoluta uguaglianza in cui nessuno esercita il controllo sull’altro.

Ora, essere genitori significa amare, educare, proteggere, guidare e accudire un figlio. Tutto questo viene esercitato da una posizione autorevole. Per essere valida e gratificante, tale cura richiede l’applicazione di una serie di regole. Queste regole offrono certezze al bambino perché gli ricordano in ogni momento ciò che ci si aspetta da lui. Così, la persona che cerca solo di essere la migliore amica dei suoi figli risulterà altamente negligente.

Il disagio psicologico e i genitori che agiscono come amici

Uno studio condotto presso l’Università dell’Illinois dalla dottoressa Susan Silverberg offre dati interessanti in merito. Alcune donne divorziate vedono le loro figlie adolescenti come il principale sostegno al punto da voler essere le loro migliori amiche. Questo le spinge a rivolgere verso le figlie le loro preoccupazioni o apprensioni.

Lo studio rivela che molte madri parlavano normalmente dei loro problemi finanziari, degli alti e bassi lavorativi o dei problemi emotivi con i nuovi partner con le loro figlie adolescenti o preadolescenti. Quello che non sapevano, però, è che questa confidenza generava un forte disagio psicologico nelle ragazze.

Quel tipo di intimità in cui i figli diventano “amici fittizi” su cui proiettare preoccupazioni e timori è altamente controproducente. Il nostro compito è quello di sottrarre l’angoscia ai nostri figli, non di intensificarla.

Confidenza con i figli, sì, ma non “va bene tutto

Quando si tratta di stabilire un legame di confidenza con i nostri figli, non tutto è permesso – in questo caso, nemmeno il fine giustifica i mezzi. Esistono strategie intelligenti che ci permettono di mantenere aperta la comunicazione e uno stretto rapporto senza compromettere la nostra autorità.

  • È consigliabile stabilire un legame basato su tenerezza, fiducia, affetto assoluto e compagnia, ma senza smettere di porre dei limiti.
  • Questa fiducia instaurata con i nostri figli dovrebbe essere orientata a promuovere in loro la responsabilità, la conoscenza di sé e la maturità emotiva. Un figlio non è un nostro pari, è una persona che è sotto la nostra tutela e che dobbiamo aiutare a diventare maturo e indipendente.

Tenendo presente questi punti, è sempre consigliabile tenere certi argomenti per noi. Un bambino non deve sopportare l’ansia, le paure o le preoccupazioni emotive dei suoi genitori.

 

Padre e figlio che piantano.

Perché non possiamo essere amici dei nostri figli? Perché così facendo costruiamo un attaccamento insicuro

Se ci chiediamo perché non possiamo essere amici dei nostri figli, c’è un’altra ragione convincente. Un buon legame tra genitori e figli è più facile quando entrambe le parti sviluppano un attaccamento sicuro. Quello in cui i bambini vedono in noi un riferimento in grado di soddisfare i loro bisogni, qualcuno che li guidi, che sia sempre accessibile e che cerchi il meglio per loro.

Se basiamo il rapporto sull’amicizia, molto di tutto ciò si riduce. Il bambino o l’adolescente ci vede come un pari, qualcuno che si trova nella sua stessa posizione, che può avere le sue stesse insicurezze e i suoi stessi bisogni.

Ciò favorisce un attaccamento insicuro, costante contraddizione e una prigione senza sbarre che non consente di muoversi liberamente nel mondo. La formazione e l’educazione di un bambino richiedono, lo si voglia o meno, la capacità di agire in modo da essere il loro sostegno principale.

Potrebbe interessarti ...
Genitori e figli: le conseguenze dell’abbandono di un genitore
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Genitori e figli: le conseguenze dell’abbandono di un genitore

L’abbandono di un genitore provoca un enorme vuoto emotivo in un figlio. Questo buco gigantesco finisce per isolare e deprimere.



  • Bednar DE and Fisher TD. 2003. Peer referencing in adolescent decision making as a function of perceived parenting style. Adolescence 38(152):607-21.
  • Borawski EA, Ievers-Landis CE, Lovegreen LD, and Trapl ES. 2003. Parental monitoring, negotiated unsupervised time, and parental trust: the role of perceived parenting practices in adolescent health risk behaviors. J Adolesc Health 33(2):60-70.
  • Barbeta Viñas, M. (2019). La educación y la autoridad paternas: una exploración cualitativa. Política y Sociedad56(3), 713–736. https://doi.org/10.5209/poso.57358
  • Miller JM, DiIorio C, Dudley W. 2002. Parenting style and adolescent’s reaction to conflict: is there a relationship? J Adolesc Health. 31(6):463-8.
  • Navarrete Acuña, L., & Ossa C., C. (2013). Estilos parentales y calidad de vida familiar en adolescentes con conductas disruptivas. Estilos Parentales y Calidad de Vida Familiar En Adolescentes Con Conductas Disruptivas7(1), 47–56. https://doi.org/10.22235/cp.v7i1.1177
  • Koerner SS, Wallace S, Lehman SJ, and Raymond M. 2002. Mother-to-Daughter Disclosure After Divorce: Are There Costs and Benefits? Journal of Child and Family Studies 11(4): 1062-1024 .