Ana Julia Torres, sorella degli animali

Ana Julia Torres ha dedicato la sua vita agli animali abbandonati, maltrattati o malati. Ha costruito per loro un rifugio e da loro ha ricevuto affetto incondizionato.
Ana Julia Torres, sorella degli animali

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 04 novembre, 2022

Ana Julia Torres è dotata di una particolare sensibilità verso gli animali, soprattutto verso quelli che vengono sfruttati in diversi modi dagli uomini.

Questa complicità con gli altri esseri viventi l’ha portata a intraprendere un compito che molti trovano donchisciottesco: salvare gli esemplari vittime di una qualche forma di abuso.

Per accogliere gli animali e fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno, Ana Julia Torres ha creato uno spazio chiamato Rifugio Lorena, in un’area povera della città di Cali, in Colombia. Da oltre vent’anni, accoglie diverse specie.

Ana Julia Torres è diventata famosa non tanto per la sua opera, che è meravigliosa, ma per il particolare rapporto che diversi animali hanno instaurato con lei.

Le immagini di lei che abbraccia un enorme leone sono diventate famose. L’animale non ha nascosto il suo attaccamento alla donna e lo ha espresso non solo attraverso quegli abbracci unici, ma anche con i “baci”.

Fino a quando non avrai amato un animaleuna parte della tua anima rimarrà sempre senza luce.

-Anatole Francia-

Ana Julia Torres bacia una tigre.

L’encomiabile lavoro di Ana Julia Torres

Ana Julia Torres è un’insegnante e si è preoccupata di infondere ai suoi studenti un grande amore per la natura. Circa 22 anni fa, racconta, chiese agli studenti di portare a scuola i loro animali domestici e di presentarli ai compagni. In quell’occasione, e per la prima volta, si accorse che molte persone avevano in casa fauna esotica.

Pochi mesi dopo, un suo amico le regalò un gufo che aveva comprato in un mercato illegale. L’uomo l’aveva comprato perché pensava che fosse curioso, ma presto si era stancato del suo acquisto.

Sapendo che Ana Julia amava gli animali, glielo diede e ciò suscitò in lei il desiderio di salvare tutti quegli esemplari che si trovavano in una simile situazione. Fu così che, a poco a poco, iniziò ad acquisire lotti in una zona povera di Cali, in cui vi era molta terra a poco prezzo.

Il suo scopo era salvare tutti gli animali che erano stati respinti dai loro proprietari o che erano vittime di sfruttamento. Alla fine è riuscita a costruire il rifugio su un terreno di 25 ettari e oggi conta oltre 900 animali.

Le storie dei soccorsi

Ana Julia Torres ha indirizzato la sua ricerca principalmente verso un luogo in cui in genere si trovano animali in cattive condizioni: il circo.

Ha anche pubblicizzato il suo progetto in modo che chiunque fosse a conoscenza di abusi di qualsiasi tipo potesse denunciarli. In tutti questi anni è riuscita a collezionare numerose storie d’amore e di dolore.

Ricorda con particolare tenerezza Yeyo, una scimmia ragno che viveva con un alcolizzato. I vicini dell’uomo le avevano riferito che l’animale gridava quasi ogni giorno.

Lei stessa aveva denunciato il caso alla polizia e gli agenti avevano verificato che l’uomo prendeva spesso a calci la scimmia. Tracce di sangue e ferite erano state trovate in tutto il corpo dell’animale.

Si riferisce anche con particolare emozione a un elefante salvato da un circo. L’animale era cieco da un occhio, aveva ferite alle zampe, gli avevano tagliato la coda e reciso un orecchio.

Ana Julia Torres protestò con un gruppo di amiche tutti i giorni davanti al circo finché non le consegnarono l’esemplare. Dopo averlo salvato, l’elefante la abbracciò con la proboscide.

Anna Julia Torres.

Il caso di Giove

L’ospite più famoso di Ana Julia Torres è stato un leone di nome Giove, salvato da un circo quando aveva solo tre mesi. Gli avevano già strappato le unghie e mostrava segni di abuso. Lo ha adottato, nutrito ed è diventata la sua migliore amica.

Accanto ad Ana Julia, Giove sembrava un animale domestico. È cresciuto come un animale affettuoso, socievole e molto irrequieto.

Aveva già 16 anni quando l’autorità ambientale ha visitato il rifugio Lorena e ha stabilito che non era un posto adatto a ospitare un leone come Giove. Hanno dunque deciso che doveva essere trasferito in un centro di accoglienza statale in un’altra città.

Un paio d’anni dopo, Ana Julia decise di far visita al suo vecchio amico. Con sua sorpresa, lo trovò gravemente malato e distante. Alla consegna, l’animale pesava 240 chili; ora il suo peso non superava i 90 chili. Non era contento di vederla e non si era nemmeno alzato perché non aveva abbastanza forze.

Ana Julia ha cercato il supporto dei media ed è riuscita a ottenerlo di nuovo. Lo ha portato al rifugio e dopo una settimana il leone ha ripreso a mangiare e a essere di nuovo amichevole con lei.

Nonostante ciò, due settimane dopo è morto. Il caso è oggi sotto inchiesta. Ana Julia, la Donchisciotte, ha pianto copiosamente quando ha perso questa battaglia, ma sa che la sua lotta deve continuare.

Potrebbe interessarti ...
Gli animali fanno bene alla salute
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Gli animali fanno bene alla salute

Diversi studi scientifici indicano che gli animali domestici fanno bene alla salute: migliorano la vita e il benessere psicologico.



  • Seguel, P. A. V. (2009). El discurso de los y las jóvenes ambientalistas, veganos, vegetarianos y animalistas; y la construcción de la identidad juvenil (Doctoral dissertation, Universidad de Chile).