Andare in pensione: quando diventa un momento critico

Si parla molto dell'adolescenza, ma poco dei cambiamenti che derivano dal pensionamento. Nell'ideologia collettiva sopravvive l'immagine della pensione d'oro, quando, in molte occasioni, questa transizione segna sfide che mettono davvero a dura prova la nostra salute mentale.
Andare in pensione: quando diventa un momento critico
Sergio De Dios González

Revisionato e approvato da lo psicologo Sergio De Dios González.

Scritto da Edith Sánchez

Ultimo aggiornamento: 15 dicembre, 2022

Andare in pensione è una di quelle situazioni di vita che si tende a romanzare e, in generale, viene affrontata in modo molto superficiale. Parlando dell’argomento, la prima cosa che viene in mente è un lungo riposo su una spiaggia paradisiaca: finalmente! La realtà spesso contraddice quella visione idealizzata di un fenomeno complesso.

Molte persone arrivano a questo stadio con una buona salute emotiva e mentale, realizzando ciò che sognavano: un giusto riposo, dopo una vita di lavoro. Riposo che non implica passività, ma una capacità molto maggiore di programmare ciò che facciamo del nostro tempo. Per loro, la pensione è fantastica.

Tuttavia, ci sono più persone che trovano difficile fare quel passo dalla vita lavorativa attiva alla pensione. Una buona parte di loro riesce ad aggirare la situazione, non senza alti e bassi, e alla fine trova stabilità. Per altri, invece, la mancanza di competenze o risorse per superare la crisi può finire per essere la radice di un’entità clinica significativa, come la depressione.

L’età è solo un numero, una cifra. Una persona non può ritirare la propria esperienza. Devi usarlo ”.

-Bernard Baruch-

Donna anziana che pensa alla pensione
La pensione è un cambiamento e come tale può portare a una crisi per alcune persone.

Pensionamento: un cambiamento significativo

I più giovani possono pensare che sia assurdo rendere problematico il momento del pensionamento. Dopotutto, si tratta di ricevere un reddito per il resto della tua vita, senza dover lavorare. Questo è un ideale di molti, ma la realtà di solito non è così rosea come l’idea.

Il pensionamento segna grandi cambiamenti di vita che trasformano la percezione di sé, lo stile di vita e il ruolo sociale, il che può essere davvero travolgente.

Il pensionamento non è un fatto singolare, ma un processo in cui si attraversano diverse fasi fino a raggiungere una nuova struttura di vita soddisfacente. Il percorso più frequente è scandito dalle seguenti tappe:

  • Luna di miele. Corrisponde ai primi mesi dopo il pensionamento. C’è la sensazione di aver fatto il proprio dovere, liberazione e soddisfazione per il risultato raggiunto. La vita viene presa con più calma e vengono svolte attività che prima erano limitate dal lavoro.
  • Disillusione Si svolge pochi mesi o pochi anni dopo il pensionamento. Ciò che è stato sognato per così tanto tempo è stato raggiunto, e ora? Una certa angoscia comincia a prendere piede in questa situazione.
  • Sintomatologia. Dopo la delusione, di solito compaiono sintomi di ansia e depressione. La passività si alterna all’iperattività. Insorgono smarrimento e confusione.
  • Riorientamento. La fase precedente porta ad un riaggiustamento dei piani e delle aspettative, con una visione più realistica della nuova situazione. Iniziano a essere formulati nuovi progetti di vita.
  • Stabilizzazione. Avviene il vero adattamento alla pensione e si costruisce un nuovo progetto di vita che sia soddisfacente, senza essere una panacea.

Andare in pensione: momento dicrisi

Le fasi del pensionamento non si verificano allo stesso modo in tutte le persone, né nello stesso ordine. Tuttavia, il processo è simile e ha a che fare con il ripristino delle aspettative e la costruzione di un nuovo progetto di vita. In alcuni casi non è possibile risolverlo presto ed è allora che questa fase diventa critica.

Le persone che rischiano maggiormente di entrare in una fase critica sono le seguenti:

  • Coloro che mancano di progetti personali.
  • Coloro che hanno fatto del lavoro la loro attività quasi esclusiva nella vita.
  • Quando il pensionamento è stato forzato o anticipato.
  • Non avere un compagno
  • Avere una scarsa rete di supporto sociale.
  • Basso livello di istruzione.
  • Problemi di salute.
  • Carenza economica.
Uomo anziano triste seduto
In pensione è necessario un riadattamento delle aspettative e un nuovo progetto

Andare in pensione: cosa fare?

La cosa migliore da fare è che la pensione sia preparata con sufficiente anticipo. Non si dovrebbe solo tenere conto del fatto che si tratta di un processo amministrativo, ma anche emotivo e personale. È una buona idea tenere a mente queste variabili quando si pianifica la transizione.

Aiuta fare in modo, prima di andare in pensione, da includere nella nostra routine alcune delle attività che vorremmo fare in seguito. In questo modo, ci assicureremo di avere diverse fonti di benessere quando arriverà il momento e perderemo quelle che possono derivare dalla vita lavorativa.

Può essere lo studio di un nuovo mestiere o professione, la pratica di un hobby o la ferma intenzione di prodigarsi in spazi dove trovare nuovi compagni di viaggio. In questo senso è importante anche consolidare una rete di sostegno sociale.

Se questo non è stato fatto prima del pensionamento, può ancora essere fatto dopo. Tuttavia, è consigliabile farlo prima; un piano aiuta sempre più di un vuoto, anche se poi ciò che proponiamo finisce per accadere ed è il corso della vita stesso, con variabili che non controlliamo, che finisce per avere.

Potrebbe interessarti ...
La pensione si avvicina. Che ne sarà della mia vita?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
La pensione si avvicina. Che ne sarà della mia vita?

La pensione rappresenta uno di quei momenti paradossali in cui si convive allo stesso tempo con una grande conquista e una grande perdita



  • Almeyda Avalos, C. A. (2018). El trabajo decente: descanso y sobre carga laboral.
  • Potocnik, K., Tordera, N., & Peiró, J. M. (2008). Ajuste al retiro laboral en función del tipo de retiro y su voluntariedad desde una perspectiva de género. Revista de Psicología del Trabajo y de las Organizaciones, 24(3), 347-364.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.