La depressione e quel sintomo di cui nessuno parla

Cosa succede quando non c'è niente che possa distrarci? Cosa succede quando sentiamo che non c'è niente di importante da fare? Quello che succede è che smettiamo di sentirci utili e questo è molto pericoloso. Scoprite qual è il sintomo della depressione di cui non nessuno parla mai.
La depressione e quel sintomo di cui nessuno parla

Scritto da Valeria Sabater

Ultimo aggiornamento: 22 ottobre, 2022

Lo scrittore CS Lewis affermava che il dolore mentale è meno drammatico del dolore fisico, ma la verità è che è più comune e anche più difficile da sopportare. Tra le sofferenze più silenziose dell’essere umano c’è senza dubbio la depressione. Questo disturbo dell’umore è come un puzzle molto complesso composto da molti pezzi, variabili e circostanze personali.

Non è facile definirlo e nemmeno prevenirlo. Si possono avere buoni strumenti di base e un atteggiamento altamente resiliente, ma a volte certe esperienze, e persino il contesto sociale, possono spezzarci.

Secondo i dati dell’OMS, quasi il 3,8 della popolazione mondiale soffre di questa condizione mentale. Tuttavia, i numeri potrebbero essere più alti, poiché non tutti cercano aiuto e ricevono una diagnosi.

A questa realtà si aggiunge un’altra più problematica: la depressione è ancora un tema incompreso nella società. Alcuni lo collegano a una mancanza di proattività, debolezza e al fallimento.

Allo stesso modo, di solito abbiamo una visione incompleta di questo disturbo, associandolo solo alla tristezza e alla mancanza di energia.

Tuttavia, ci sono fattori che compongono la depressione che spesso trascuriamo. In questa sede, ne approfondiremo uno. Si tratta di una variabile che può sorprendere: la noia.

Se state vivendo un momento in cui nulla vi interessa, niente attira la vostra attenzione e ciò che prima vi appassionava ora vi sfinisce, non esitate a chiedere l’aiuto di un esperto.

Uomo stanco che pensa al sintomo della depressione di cui nessuno parla
Sebbene per la maggior parte delle persone la noia sia una sensazione fugace e banale, c’è chi vive intrappolato in questo ciclo.

Noia cronica e depressione: quando nulla intrattiene o interessa

Il sintomo della depressione che spesso trascuriamo è la noia cronica. È vero che nulla è così comune come annoiarsi di tanto in tanto. È anche vero che questo tipo di emozione è utile per spingerci al cambiamento e che, nel caso dei bambini, è addirittura necessario. Il bambino che si annoia finisce per promuovere il pensiero critico e l’autosufficienza.

Ora, questo stato ha un rovescio altamente problematico e persino patologico. Le persone che soffrono di noia cronica hanno un rischio maggiore di soffrire di depressione. Anche di soffrire di ansia e anche un rischio maggiore di portare a dipendenze da sostanze (alcool, droghe) o dipendenze comportamentali, come il gioco d’azzardo.

La ricerca della Alliant International University in California evidenzia questo collegamento. La noia è ancora una sensazione avversa di stanchezza, irrequietezza e frustrazione che può essere molto dannosa quando diventa cronica. Pensiamo che la persona noiosa smetta di avere incentivi nel suo quotidiano, con i quali, a poco a poco, si sentirà più disconnesso dalla sua realtà. La deriva che prende questo stato può essere problematica.

La depressione va oltre un volto offuscato dalla tristezza, dalla disperazione o dal bisogno di isolamento. Ci sono fattori che compongono questo disturbo psicologico e che spesso trascuriamo.

Quando la disperazione incontra la noia persistente

Cosa succede quando abbiamo  davanti a noi qualcuno che non si diverte più dedicandosi ai suoi hobby? Cosa succede quando, inoltre, sentite di non avere nulla di importante da fare? Immaginate quel disoccupato che, frustrato dal non ricevere offerte, non gode più di nulla e non si interessa a nulla. È facile riconoscere che questo tipo di situazione aumenta il rischio di soffrire di un disturbo depressivo.

Pertanto, è fondamentale chiarire un dettaglio. La noia di per sé non ci farà soffrire di un disturbo psicologico. Molteplici fattori convergono in una depressione, come angoscia, disperazione, negatività, senso di colpa, insonnia, disturbi alimentari, ecc.

Apatia, anedonia e abulia sono quei tre elementi in cui è presente la noia cronica. Cioè, ciò che viene sperimentato è l’assenza di piacere, la perdita di interesse e motivazione e l’impotenza a svolgere qualsiasi compito. È una sensazione diffusa e opprimente in cui la persona sente che la sua vita è completamente stagnante.

La noia esistenziale, quando dubitiamo della nostra importanza nel mondo

“Cosa ci faccio qui, qual è il mio ruolo, cosa dovrei fare adesso?” La persona che ha a che fare con il peso di un problema di salute mentale si pone domande continue. Queste domande sono piene di veleno, perché mangiano e smorzano ancora di più l’umore. Inoltre, addensano ancora di più la disperazione.

Pertanto, quel sintomo di depressione che dovremmo tenere a mente è la noia cronica o esistenziale. Lo scrittore ed ex direttore delle cure primarie dell’Università di Chicago, Alex Lickerman, ha coniato questo termine, definendolo come l’incapacità di trovare qualcosa di interessante nella vita.

Quando una persona non ama nessun hobby e non trova nulla di interessante da fare, finisce per dubitare del proprio posto nel mondo. Della sua importanza in esso. Questa visione è una linea rossa che non dobbiamo mai oltrepassare, poiché quello è il momento in cui siamo assaliti dall’idea pericolosa che questa vita non ha senso.

La nostra società ultra-stimolante può farci sentire sopraffatti e annoiati. Questa è una realtà che vivono molti giovani.

Paziente in terapia che lavora sul sintomo della depressione
La terapia psicologica è molto efficace nel trattamento di tutti i sintomi associati alla depressione, come la noia e la disperazione.

Come affrontare il sintomo della depressione di cui non si parla quasi mai?

Il sintomo della depressione di cui non parliamo troppo è più importante di quanto pensiamo. “Annoiarsi è baciare la morte”, diceva lo scrittore Ramón Gómez de la Serna. E i giovani, ad esempio, sono sempre più annoiati. Le nuove tecnologie e i social network le sottopongono ad uno stato di sovraccarico di stimoli in cui è molto facile sentirsi sopraffatti e anche apatici.

A poco a poco, le loro realtà smettono di avere nuovi stimoli e se a questo aggiungiamo un futuro incerto, è comune che a un certo punto sviluppino un disturbo d’ansia o depressione. Cosa fare in questo scenario? Come comportarsi?

Diamo un’occhiata ad alcune strategie:

  • Cercate supporto nel vostro contesto, parlate con i vostri amici, partner o familiari di come vi sentite. Esprimete loro i vostri sentimenti di vuoto e noia. Chiarite che non è un singolo episodio, ma che questa sensazione è costante e che vi sentite sempre peggio.
  • Richiedete un supporto psicologico. Come abbiamo ben visto, la noia cronica si combina con più variabili che potrebbero tracciare la strada una depressione. Avere una diagnosi e gli strumenti per gestire ciò che ci accade è decisivo.
  • Iniziate a dedicarvi a nuove attività e riformulate i vostri obiettivi. Dovete cercare nuovi incentivi. È vero che può costare fatica, che quando l’apatia ci rende prigionieri è difficile trovare nuove motivazioni. Tuttavia, niente è più importante che attivarsi, muoversi e iniziare nuove attività. Ecco che cambierà la vostra concentrazione emotiva.

Per concludere, se rimanete fermi e permettete a quei sentimenti di indolenza, delusione e costante noia di inghiottirvi, non andrete avanti. C’è luce in fondo al tunnel, parlatene con qualcuno e fatevi aiutare. Quell’abisso di frustrazione che vi ha intrappolato alla fine andrà via.

Potrebbe interessarti ...
I sintomi della depressione, quali sono
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
I sintomi della depressione, quali sono

In alcuni casi i sintomi della depressione sono molto chiari da individuare, in altri invece passano quasi inosservati. Vediamo quali sono.



  • Lee, Felicia K S & Zelman, Diane. (2019). Boredom Proneness as a Predictor of Depression, Anxiety and Stress: The Moderating Effect of Dispositional Mindfulness. Personality and Individual Differences. 146. 68-75. 10.1016/j.paid.2019.04.001.
  • Lovibond PF, Lovibond SH. The structure of negative emotional states: comparison of the Depression Anxiety Stress Scales (DASS) with the Beck Depression and Anxiety Inventories. Behav Res Ther. 1995 Mar;33(3):335-43. doi: 10.1016/0005-7967(94)00075-u. PMID: 7726811.
  • van Hooft EAJ, van Hooff MLM. The state of boredom: Frustrating or depressing? Motiv Emot. 2018;42(6):931-946. doi: 10.1007/s11031-018-9710-6. Epub 2018 Jul 6. PMID: 30416228; PMCID: PMC6208645.
  • Sommers J, Vodanovich SJ. Boredom proneness: its relationship to psychological- and physical-health symptoms. J Clin Psychol. 2000 Jan;56(1):149-55. doi: 10.1002/(sici)1097-4679(200001)56:1<149::aid-jclp14>3.0.co;2-y. PMID: 10661377.