Attila tra storia e leggenda

Al di là della leggenda di un barbaro psicopatico, Attila fu un grande leader militare. Vi parliamo della sua storia, vera e inventata.
Attila tra storia e leggenda

Ultimo aggiornamento: 09 aprile, 2021

A metà del V secolo d.C., l’Impero Romano d’Occidente, già messo a ferro e fuoco dall’Impero Bizantino, è ormai agli sgoccioli. Nelle regioni europee occupate ci vorranno diversi secoli prima che si stabiliscano altri stati stabili. Tuttavia, anche se meno importanti agli occhi della storia, in questo periodo emergono potenze capaci di sfidare la Città Eterna. Una delle più note è la tribù degli Unni, guidata dal famoso Attila.

Il suo potere era tale che l’estensione dei suoi domini superava persino quella dell’Impero romano. L’immagine che abbiamo del signore della guerra unno è quella di un barbaro spietato. È stato il primo dei molti invasori orientali senza limiti, implacabili e inconoscibili che avrebbero devastato il mondo occidentale.

Un ruolo che sarebbe poi toccato a Tamerlano, Gengis Khan o più recentemente alla Cina comunista. Oltre alle fonti più consultate, altre offrono un’immagine più equilibrata.

Le saghe nordiche parlano di Attila come un nobile guerriero, le notizie dell’ambasciata del romano Prisco lo descrivono come un cortigiano galante.

Dipinto del guerriero Attila a cavallo.

Attila, re degli Unni

Nel 445 d.C. morì Bleda, il fratello di Attila. Qualcuno suggerisce il coinvolgimento di Attila nell’accaduto, ma non venne mai provato. In ogni caso, a seguito di ciò il nostro protagonista eredita il trono.

Il suo popolo, proveniente da qualche parte nelle steppe asiatiche e citato nelle fonti cinesi, regnava su diverse tribù barbare, come i Sassoni o gli Alani. I domini di Attila si estendevano dai Balcani allo Jutland, dal fiume Reno a oltre il fiume Don. Le eccelse abilità belliche permisero loro di sfidare Roma, ma anche di sostenerla come mercenari.

In un impero sempre più decadente, in cui i generali che salgono al trono godono di precario equilibrio politico, i barbari, un tempo disprezzati da Roma, guadagnano un nuovo status attraverso le armi.

Mentre Visigoti, Franchi e Svevi si stabiliscono nelle terre dell’Impero, gli Unni preferiscono il tributo in oro in cambio del loro aiuto nella soppressione delle rivolte che devastano l’Impero. Ma nelle alleanze politiche non mancano i tradimenti.

La furia di Attila

Teodosio II, imperatore dell’Impero Romano d’Oriente, ordisce un complotto con i membri della corte di Attila per assassinarlo. Pur fallendo nell’intento, il suo successore Marciano prolunga gli affronti rifiutando di pagare agli Unni il tributo concordato. Questi due eventi mettono alla prova la pazienza del signore della guerra, che si lancia in battaglia.

Da questo momento, Attila ottiene la reputazione di generale indomabile. Quest’aura non è casuale. Durante la sua carriera militare riesce ad assediare Costantinopoli, attaccare due volte i Balcani, invadere l’Italia e raggiungere le porte di Roma. Qui, Papa Leone X è l’unico in grado di persuaderlo a non saccheggiare la città. Pochi prima di lui possono vantare tali prodezze.

Non registrò, tuttavia, solo vittorie, di fatto all’inizio delle sue campagne subì una battuta d’arresto contro le truppe romane e visigote. Di fronte a Ezio, l’ultimo grande generale romano, e a Teodorico, il fondatore del regno visigoto di Tolosa, gli Unni caddero nei Campi Catalaunici.

“Dove passa Attila non cresce più l’erba.”

Il diritto di un figlio all’eredità di un padre

Oltre a tutti gli affronti romani, sembra che un altro fatto abbia motivato l’inimicizia di Attila con Roma. L’imperatore Valentiniano III decise di rimuovere la sorella Onoria dalla stirpe augusta. L’imperatore aveva solo una figlia, sposata con il figlio di Ezio.

Onoria, invece, aveva dei figli, legittimi eredi al trono secondo il diritto romano. Il suo ripudio impedì tale eredità.

Onoria decise di chiedere aiuto al re degli Unni, inviandogli l’anello con il sigillo che provava la sua identità. In un episodio degno della migliore delle tragedie, il barbaro decise di affrontare gli eserciti imperiali in difesa della principessa che, secondo la sua interpretazione, gli aveva proposto di sposarlo. Avrebbe difeso il diritto al trono dei suoi figli.

Dipinto dell'esercito unno.

Un barbaro molto educato

Tra tutti gli autori che hanno parlato di Attila, il più discordante è Prisco. Questo storico romano faceva parte di un’ambasciata alla corte degli Unni e conosceva il personaggio al di là del sentito dire.

Questi insiste nel dire che in ogni momento ricevettero ospitalità e generosità. Attila offriva a tutti i suoi ospiti un banchetto su stoviglie d’oro e d’argento, mentre lui consumava un pasto frugale su piatti in legno.

Dopo oltre 1500 anni, Attila è più leggenda che storia. I due elementi sono mescolati e non sono sempre facilmente distinguibili.

Potrebbe interessarti ...
Frasi di Terenzio, commediografo romano
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Frasi di Terenzio, commediografo romano

Le frasi di Terenzio giungono a noi dai tempi dell'antica Roma, nonostante ciò mantengono ancora vivo il loro messaggio universale.



  • Bussagli, Marco (1988) Atila, Alianza.