Benefici dell’attività fisica negli anziani

31 Dicembre 2018
Tra i benefici dell'attività fisica negli anziani ricordiamo anche il miglioramento della salute mentale.

È importante mantenersi in forma, ma non è necessario praticare uno sport in particolare o un esercizio fisico molto intenso. Oggi vi parleremo dei benefici dell’attività fisica negli anziani.

Come ben sapete, l’invecchiamento comporta una riduzione in termini di funzionalità dell’apparato cardiovascolare e respiratorio, oltre al deterioramento dei sistemi muscolare, scheletrico e nervoso. Praticare regolarmente attività fisica, anche nella terza età, è essenziale per ritardare il processo di invecchiamento fisiologico. Scoprite in questo articolo tutti i benefici dell’attività fisica negli anziani.

Gli esperti raccomandano di realizzare regolare attività fisica durante la terza età, dato che i benefici sono molteplici, tra cui vivere più a lungo. Secondo i ricercatori del National Institute on Aging, l’attività fisicasa fa bene a qualsiasi età e può alleviare i sintomi di molte malattie croniche. Contrariamente alle credenze popolari, la debolezza e lo scarso equilibrio sono associati più all’inattività che all’età.

4 benefici dell’attività fisica negli anziani

I benefici dell’attività fisica negli anziani sono numerosi. Per non dilungarci troppo, abbiamo selezionato i 4 più importanti. Scopriamoli insieme!

Anziani camminano al parco

1. Rafforza il cuore

I muscoli degli anziani che realizzano attività fisica hanno bisogno di più ossigeno per lavorare. Il cuore, quindi, deve fare uno sforzo in più. Tuttavia, i canali attraverso cui viaggia il sangue non sono liberi e funzionali come lo erano in giovane età e la forza per pompare e distribuire l’ossigeno non è sufficiente.

In questo senso, l’attività fisica consente di mantenere la capacità di rilassamento del cuore, ridurre il rischio di ipertensione e di malattie cardiovascolari, oltre alle difficoltà respiratorie.

L’allentamento cardiovascolare, inoltre, libera le vie respiratorie e aiuta a combattere malattie comuni, come un semplice raffreddore o l’influenza.

2. Riduce i livelli di grasso corporeo

L’invecchiamento è accompagnato da una riduzione graduale di massa muscolare, meglio conosciuta come sarcopenia. L’attività fisica è ottima per rallentare questa condizione e migliorare il tono muscolare.

Un’alta percentuale di grasso corporeo è associato a diverse malattie, tra cui patologie cardiovascolari e diabete. Il regolare esercizio fisico brucia il grasso corporeo, aumenta la massa muscolare e accelera il metabolismo, dunque è di grande beneficio per le persone anziane (e non solo!).

Non importa se vai avanti piano, l’importante è che non ti fermi.

Confucio

3. Riduce il rischio di sviluppare malattie

L’attività fisica riduce il rischio di sviluppare malattie gravi e, di fatto, minimizza l’impatto negativo di alcuni sintomi che si manifestano con l’insorgere di determinate condizioni.

Ad esempio, in caso di demenza o morbo di Parkinson, l’attività fisica contribuisce a mantenere l’equilibrio e la coordinazione, oltre ad ampliare l’indipendenza funzionale. Infine, l’esercizio fisico è grande fonte di benessere.

Anziani che ballano

4. Migliora la salute mentale

Tra i benefici dell’attività fisica negli anziani ricordiamo anche il miglioramento della salute mentale. Il movimento, infatti, migliora lo stato d’animo, in quanto il corpo rilascia endorfine che fanno sentire bene chi lo pratica.

Per questo motivo si consiglia alle persone anziane che lottano contro gli effetti psicologici dell’invecchiamento di praticare attività fisica, perché può essere la chiave per ritrovare l’energia necessaria. L’attività fisica, dunque, non ha solo benefici fisici per le persone anziane, ma migliora anche il benessere emotivo, l’autostima e la qualità di vita. Crea legami sociali e riduce il rischio di depressione.

Quale allenamento è adatto alle persone anziane?

Ora che avete scoperto i benefici dell’attività fisica negli anziani, è bene conoscere gli esercizi più indicati da fare:

1. Esercizi aerobici e di resistenza

I medici consigliano agli anziani di fare 30 minuti di esercizio di resistenza cardiorespiratoria tutti i giorni, in modo da aumentare la frequenza cardiaca e accelerare la respirazione. Camminare, andare in bicicletta o nuotare sono ottimi esempi di esercizi aerobici a basso impatto.

2. Allenamento di forza

L’allenamento di forza sviluppa i muscoli attraverso movimenti ripetitivi. Le persone anziane possono realizzare un allenamento di forza con pesi, elastici o macchinari. Ovviamente, i pesi vanno adattati alle particolari condizioni fisiche del singolo.

3. Esercizi di stretching

Lo stretching è forse il modo migliore per terminare una sessione di attività fisica. Gli esercizi di questo tipo stimolano il rilassamento muscolare, perciò sono ottimi prima e dopo l’allenamento. Potremmo dire che se questi esercizi vengono realizzati correttamente, migliorano e mantengono la flessibilità, evitano lesioni e riducono il dolore muscolare e la rigidità negli anziani.

Anziani che fanno pilates

L’attività fisica riduce gli effetti dell’invecchiamento sulla muscolatura e sulla funzione cardiorespiratoria, migliorando la qualità di vita e prolungandone l’aspettativa in termini di buona salute e autonomia. Ricordiamo che è bene svolgerla con attenzione, sotto la supervisione di un esperto, evitando di stancarsi troppo così da non scatenare effetti contrari a quelli desiderati.