Cause dell'aggressività nell'essere umano

L'aggressività è uno strumento per relazionarsi profondamente radicato nella nostra società. Tuttavia, la sua comparsa può essere mediata da aspetti indipendenti dallo stimolo che la provoca. In questo articolo parliamo della relazione tra aggressività e temperatura, sovraffollamento e rumore.
Cause dell'aggressività nell'essere umano

Ultimo aggiornamento: 23 agosto, 2021

La violenza è un’interazione sociale basata su un modo specifico di relazionarsi: l’aggressività. Nonostante le sue sfumature negative, la verità è che è profondamente radicata nella nostra società, ed è ed è stata un ingranaggio chiave per lo sviluppo della nostra civiltà. Sono queste le cause dell’aggressività?

L’aggressività e la violenza si riscontrano in misura maggiore o minore praticamente in tutti gli esseri umani. Ad esempio, questo si nota di più in quella parte della popolazione a cui piacciono i film con tematiche violente. Questo ampio riscontro fa sì che ci sia un catalogo piuttosto variegato.

Inoltre, tutti i popoli, compresi quelli civili, hanno bisogno della polizia e dell’esercito. Ciò potrebbe essere dovuto all’impulso di molti esseri umani a risolvere i problemi attraverso soluzioni violente.

Tipi di aggressività: affettiva e strumentale

Alcuni definiscono l’aggressività come un comportamento che ferisce un altro essere vivente. Altri autori, come Berkowitz, aggiungono intenzionalità a questa definizione considerando l’aggressività come una condotta la cui intenzione è quella di nuocere.

Cercare di attaccare un’altra persona può essere fine a se stesso, cioè, l’obiettivo è che la persona soffra, oppure per ottenere qualcosa attraverso quell’aggressione. Quest’ultima di solito è la più comune. Sulla base di questo, possiamo distinguere tra due tipi di aggressione:

  • Aggressione affettiva: la persona attacca sulla base dell’affetto. L’obiettivo principale è danneggiare qualcun altro. Di solito l’aggressione si basa sull’impulso e non è premeditata.
  • Aggressione strumentale: la persona attacca per altri scopi, che possono essere molto vari: evitare di non essere danneggiati, ovvero come autodifesa; benefici materiali (derubare qualcuno); infine benefici simbolici, ad esempio essere considerati forti nella cerchia sociale.

Possibili cause dell’aggressività

Essendo il risultato di frustrazione, istinto o un’inevitabile scarica di energia (Miller, 1939), in certe situazioni le persone hanno maggiori probabilità di attaccare.

Queste situazioni non hanno a che fare con le persone con cui ci confrontiamo o con quello che ci hanno fatto: hanno a che fare con i fattori ambientali.

Elementi come la temperatura o il sovraffollamento causeranno comportamenti più aggressivi. Descriviamo le quattro cause dell’aggressività.

Trasferimento di emozioni

Nella sua teoria del transfert dell’eccitazione, Zillmann sostiene che l’attivazione emotiva prima del momento che causa l’aggressività è un fattore determinante per quella persona nello scegliere di attaccare o meno.

Secondo Zillmann, una persona non attacca solo a causa dell’attivazione non specifica e dei processi cognitivi che si generano nella situazione emotiva che si sta vivendo, ma può anche essere una conseguenza di una situazione passata. La sua teoria è che parte dell’attivazione dell’emozione precedente viene trasferita alla nuova situazione.

Questo sembra intuitivo. Tuttavia, pare che quando una persona lascia una situazione che l’ha attivata emotivamente, quell’attivazione diminuisce fino a scomparire.

Sebbene la persona abbia smesso di sentire quell’attivazione, la verità è che è più probabile che attacchi rispetto a una persona che non è stata attivata prima; cioè, è come una sorta di eco, che può tornare allo stesso stato più rapidamente.

Ciò significa che in presenza di qualcosa ci fa arrabbiare, l’attivazione emotiva che deriva da quella rabbia si aggiungerà all’attivazione precedente, intensificando la risposta che diamo.

È importante dire che la precedente attivazione emotiva non deve essere necessariamente negativa. Se prima si è sentita una felicità molto intensa, allo stesso modo quell’attivazione si trasferirà alla successiva reazione di rabbia, esacerbandosi.

Nelle ricerche sull’aggressività, di fatto, le persone si attivavano attraverso l’esercizio fisico e i risultati erano gli stessi.

Temperatura: il caldo tra le cause dell’aggressività

Con espressioni come “avere un’accesa discussione” si osserva come il rapporto tra aggressività e temperatura sia qualcosa di profondamente radicato socialmente.

Anderson sosteneva che il caldo è una fonte di sensazioni avverse che aumentano le probabilità di una risposta aggressiva. Allo stesso modo, ciò può essere applicato anche alle basse temperature.

Il modello del volo affettivo negativo di Baron e Richardson (1977) propone che sia il disagio a generare calore; il che spiegherebbe perché in molti casi le persone attaccano quando fa troppo caldo.

Secondo questa teoria, se l’affetto negativo percepito è moderato, la persona attaccherà. Se l’affetto negativo è eccessivamente alto, si verificherà un comportamento di fuga, riducendo la probabilità di aggressione.

Infine, il modello cognitivo neoassociazionista sostiene che con le alte temperature prevalgono i pensieri negativi e anche l’aggressività. Ciò avviene indipendentemente dalla presenza o meno delle cause a cui è attribuita l’aggressione.

Il rumore causa stress e aggressività

Un altro fattore determinante per cui le persone attaccano è il rumore. Il rumore eccessivo è stato associato a disturbi fisici e mentali, stress e problemi di prestazione.

Si attivano anche con altri processi molto interessanti come la diminuzione dei comportamenti di aiuto, e ciò che ci riguarda, l’aumento dei comportamenti aggressivi.

Autori come Geen e McCown (1984) hanno effettuato vari esperimenti. Hanno mostrato che le persone sottoposte ad alti livelli di rumore hanno attaccato di più rispetto a quelle persone che in precedenza si erano trovate in contesti di silenzio.

Baron e Richardson (1977) includono una variabile interessante: il controllo. Sebbene sia vero che il rumore aumenta anche i comportamenti aggressivi, quando la persona credeva di poter controllare il rumore avverso, il suo comportamento aggressivo era inferiore a quello di coloro che si sentivano impotenti.

Uomo che urla.

Possibili cause dell’aggressività: sovraffollamento e misure di controllo

La relazione tra sovraffollamento e aggressione non è del tutto chiara. Ruback e Patnaik (1989) hanno studiato l’aggressività in contesti affollati.

Sono giunti alla conclusione che le condotte aggressiva non erano interamente motivate ​​dall’avversione al sovraffollamento, ma dalla mancanza di controllo che l’individuo percepiva nella situazione. Gli individui che si trovavano nei affollati hanno cercato di ottenere il controllo attraverso atti di vandalismo.

Sebbene l’affollamento sia correlato a processi psicologici come le prestazioni o la salute mentale, la relazione con l’aggressività non è del tutto chiara.

Autori come Bagley (1970) sostengono che non è il fatto di trovarsi in un posto affollato a incoraggiare i comportamenti aggressivi, ma altri elementi relativi al contesto.

Conclusioni

A quanto pare diversi aspetti possono spingere le persone ad attaccare o, al contrario, a smettere di farlo. Il fatto che questi quattro elementi si trovino nella situazione non determina che l’aggressione avrà luogo; piuttosto potremmo dire che la favorisce.

L’aggressività, pertanto, non è giustificata quando ci sono quaranta gradi, anche se la temperatura è un fattore di rischio.

Altri fattori, come la condotta degli individui con cui interagiamo, determinanti valori culturali, come l’onore, i livelli di gestione emotiva o i meccanismi di socializzazione della violenza nel luogo in cui viviamo sono ulteriori cause dell’aggressività.

Potrebbe interessarti ...
Norme di gruppo: come vengono definite?
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Norme di gruppo: come vengono definite?

Le domande che sorgono spontanee sono: come si generano queste norme di gruppo? Che funzione svolgono all’interno dello stesso?



  • Enright, R. D., Freedman, S., y Rique, J., “The psychology of interpersonal forgiveness”, en Enright, R. D. y North, J. (eds.), Exploring forgivenessMadison, Wisconsin, University of Wisconsin Press, 1998, págs. 46-62.
  • McCullough, M. E. y Witvliet, C. V., “The psychology of forgiveness” en Snyder C. R. y Lopez S. J. (eds.), Handbook of positive psychologyLondon, Oxford University Press, 2002, págs. 446-458.