CBD per migliorare il sonno?

Il CBD può migliorare la qualità del sonno, il che si traduce in un maggiore senso di benessere durante tutta la giornata.
CBD per migliorare il sonno?

Ultimo aggiornamento: 13 novembre, 2021

Il CBD è una delle sostanze alla moda, un neurotrasmettitore estratto dall’olio di cannabis. Possiede proprietà terapeutiche per la salute, soprattutto per curare l’insonnia e l’ansia. È un prodotto naturale con un profilo di sicurezza molto elevato.

Il primo aspetto da chiarire è che, nonostante la sua origine peculiare, non si hanno prove che il CBD sia dannoso per la salute. Nella pianta di cannabis è presente il THC, un elemento che causa di psicotropi e che può aumentare il rischio di sviluppare l’epilessia.

I prodotti a base di CBD, tuttavia, sono privi di THC o ne contengono una dose minima motivo per cui non risultano pericolosi per la salute.

CBD e qualità del sonno

La qualità del sonno è condizionata anche dalla produzione di melatonina. Negli ultimi anni è stata promossa l’integrazione a base di questa sostanza per ottenere un riposo più rigenerante.

Il CBD potrebbe rivelarsi altrettanto utile, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Immunology .

Oltre a favorire il sonno, presenta effetti antiossidanti e neutroprotettivi, inoltre aiuta a recuperare le forzo dopo un intenso sforzo fisico. Quest’ultimo aspetto è attualmente oggetto di ricerca.

Il CBD, di fatto, è considerato un ansiolitico naturale, poiché alcune evjdenze scientifiche suggeriscono che potrebbe essere usato per prevenire episodi di depressione o ansia.

Donna addormentata.

Olio di CBD

Il CBD può essere trovato sul mercato sotto diverse presentazioni, ma la più comune è sotto forma di olio. Sebbene l’etichetta ne indichi un uso topico, molte persone lo ingeriscono per ottenere maggiori risultati.

L’assunzione, di fatto, ne amplifica gli effetti, ma non è legale non in tutti i paesi. Sul mercato esistono diversi oli di CBD, tra questi il più efficiente è quello a spettro completo. Quest’ultimo contiene i cannabinoidi presenti nella pianta, anche se in quantità variabile.

In questo caso è presente anche la THC, sebbene rappresenti meno dello 0,01% del totale, concentrazione insufficiente per arrecare danni all’organismo.

Va precisato che è possibile acquistare un prodotto a base di CBD privo di THC, ma in questo caso l’effetto si ridurrebbe drasticamente. È necessario che l’olio contenga tutti i neurotrasmettitori al fine di ottenere il cosiddetto effetto entourage, motivo per cui i risultati vengono potenziati.

Quali aspetti considerare nella scelta dell’olio di CBD?

Questo prodotto può migliorare la qualità del riposo e lo stato di salute mentale. Tuttavia, bisogna sceglierne uno provvisto dell’apposita certificazione in merito alle modalità di produzione. Allo stesso modo, è importante che sia biologico, dunque privo di additivi.

È altrettanto importante prestare attenzione alle diverse concentrazioni di CBD presenti negli oli. È meglio iniziare con uno al 5% o 10%, per poi aumentare il dosaggio che garantisce il benessere ottimale.

Donna con olio di CBD.

Un composto rivoluzionario

Il CBD presenta le proprietà benefiche della pianta di cannabis senza i danni che derivano dal suo consumo classico. Oltre che sotto forma di olio, è possibile reperire il composto sotto altre forme. Attualmente è commercializzato in combinazione con la melatonina in pastiglie.

A ogni modo, va ricordato che per riposare bene bisogna correggere determinate abitudini di vita. È importante fare attività fisica regolare, andare a letto presto ed evitare di utilizzare i dispositivi mobili subito prima di andare a letto.

A seguito di ciò, la sintesi endogena della melatonina, ormone cruciale nella regolazione dei cicli di sonno e veglia, non sarà compromessa.

Potrebbe interessarti ...
Tecniche di respirazione per dormire meglio
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Tecniche di respirazione per dormire meglio

Vi proponiamo alcune tecniche di respirazione per dormire meglio, che sono state sviluppate nel tempo. Volete provarle? Leggete l'articolo!



  • Crippa, J. A., Guimarães, F. S., Campos, A. C., & Zuardi, A. W. (2018). Translational Investigation of the Therapeutic Potential of Cannabidiol (CBD): Toward a New Age. Frontiers in immunology9, 2009. https://doi.org/10.3389/fimmu.2018.02009
  • Shannon, S., Lewis, N., Lee, H., & Hughes, S. (2019). Cannabidiol in Anxiety and Sleep: A Large Case Series. The Permanente journal23, 18–041. https://doi.org/10.7812/TPP/18-041