Chat GPT, l'intelligenza artificiale che vuole aiutarci in tutto

Vi piacerebbe che qualcuno scrivesse per conto vostro un progetto universitario? Vi serve inviare una lettera di lamentela o risolvere un problema matematico? Oggi possiamo ottenere questo e molto altro, grazie all'intelligenza artificiale...
Chat GPT, l'intelligenza artificiale che vuole aiutarci in tutto
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio, 2023

Ogni anno la scienza fa progredire la tecnologia e la tecnologia fa progredire la scienza. L’intelligenza artificiale (IA) è il più grande progresso fino ad oggi: un universo di programmazione in grado di automatizzare compiti e risolvere sfide in tutte le aree. I nostri dispositivi saranno dominati da algoritmi sempre più complessi in grado di semplificarci (apparentemente) la vita. Negli ultimi mesi abbiamo avuto un altro sofisticato “giocattolo” noto come chat GPT.

Come indica la parola stessa, si tratta di un chatbot specializzato nel dialogo e nell’interazione con gli esseri umani. Questo risponde a domande complesse ed è in grado di svolgere qualsiasi cosa, dalla scrittura di testi alle richieste di programmazione. I suoi utilizzi sono infiniti e hanno lasciato senza parole mezzo mondo.

Questa risorsa ha già migliaia e migliaia di utenti e, ovviamente, gli investimenti milionari delle grandi aziende tecnologiche non fanno altro che aumentare. Ma è così affascinante come sembra? In che modo questo tipo di ingegneria volta a risolvere compiti che, fino ad ora, abbiamo svolto noi stessi, cambierà le nostre vite?

La chat GPT è un’intelligenza artificiale addestrata a intrattenere conversazioni, ma non tutto ciò che ci dice è affidabile, secondo gli esperti.

Uomo che utilizza la chat GPT
La chat GPT è in grado di svolgere compiti di metacognizione.

Chat GPT: cos’è e come può aiutarci

La chat GPT è stata creata dal laboratorio di intelligenza artificiale OpenAI, specializzato in dinamiche di dialogo e interazione conversazionale. È stato lanciato nel novembre 2022 e finora il suo successo è assoluto.

È uno strumento che è stato addestrato con milioni di testi e che ti rende facile avere una conversazione tanto realistica quanto efficace. Il suo scopo è quello di fornirci tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno. Inoltre, è in grado di spiegarci dettagliatamente qualsiasi dato. Qualcosa del genere potrebbe mettere Google in una posizione delicata, che sarebbe in grave svantaggio.

Questa tecnologia, di cui Elon Musk fa parte, promette di semplificarci la vita. Potreste risolvere problemi matematici, programmare, sviluppare codici, scrivere testi di qualsiasi tipo per noi ed essere leader in qualsiasi ambito o disciplina. È un tipo di innovazione ad alto impatto che ha suscitato aspettative e anche paura. Pensate al numero di posti di lavoro che potrebbe sostituire…

I predecessori della chat GPT erano algoritmi carichi di pregiudizi che spesso fornivano risposte offensive e persino fuorvianti. Tutto questo è quasi un ricordo con questa nuova versione.

Aspetti positivi di cui possiamo approfittare

L’intelligenza artificiale di questa nuova risorsa tecnologica è ben sintonizzata e con essa si possono tenere conversazioni ottimali. Le risposte che offre a ciascuno dei nostri dubbi e alle nostre domande sono accurate, ricche di dettagli, oltre che rispettose.

Alcuni anni fa, questi tipi di chatbot apprendevano da ciò che elaboravano su Internet, quindi era comune trovare risposte razziste e offensive.

In questa nuova versione, la chat GPT è in grado di rifiutare anche domande non etiche. Inoltre, un aspetto molto interessante che la definisce è la capacità di ammettere i propri errori. Cioè, presenta una metacognizione sofisticata.

Un altro aspetto degno di nota è che monitora e analizza le domande che facciamo. In questo modo, se le domande che poniamo sono correlate tra loro, sapranno sintetizzare e velocizzare le risposte per non ripetere informazioni che ci hanno già offerto. È una tecnologia analitica con eccellenti capacità di autoriflessione e meta-analisi.

Possiamo chiedere alla chat GPT di scriverci degli script o di rivolgerci a noi in modo più informale o con un accento tipico della nostra regione linguistica.

Possiamo fidarci di questa nuova intelligenza artificiale (AI)?

Coloro che hanno utilizzato questa nuova tecnologia sottolineano che si tratta di un’innovazione prodigiosa, tuttavia è ancora agli inizi. Un aspetto che conoscono anche i suoi stessi sviluppatori. Nessuno nega che possa eseguire anche il meta-ragionamento, ma attenzione, ci sono dei limiti che dobbiamo considerare.

1. Quando non conosce le informazioni, le inventa

Quando emergono questi tipi di tecnologie, è normale che vengano messe alla prova in tutti i modi possibili. Analisti e sviluppatori sanno come testare questi tipi di algoritmi. Quindi, una cosa che hanno notato nella chat GPT è che quando non riesce a risolvere una domanda, inventa la soluzione.

È vero che, a volte, può ammettere un errore. Tuttavia è programmata per offrire qualche risposta, ma quando ciò non è possibile dato il bivio in cui lo poniamo, sceglie di inventare. Un’usanza molto umana.

2. Chat GPT non può offrire informazioni prima del 2021

Questa intelligenza artificiale è stata addestrata negli anni precedenti al 2021. Pertanto, dopo tale data non sarà possibile fornire informazioni su eventi o celebrità.

3. Presenta un pregiudizio algoritmico

Ce ne ha già parlato l’Università di Oxford in uno studio sulla prevalenza dei bias algoritmici nell’intelligenza artificiale, così come ci ha parlato anche della sua necessità di correggerli. Si tratta di errori sistematici che un sistema informatico offre quando ci fornisce informazioni che privilegiano un gruppo sociale, come i gruppi bianchi o la popolazione maschile.

Pertanto, se chiediamo, ad esempio, “chi ha vinto i Mondiali 2018?”, si presume che stiamo parlando di calcio e squadre maschili.

4. Al momento, la matrice di Google è più efficace

Bisogna dare tempo al tempo, ma oggi la matrice di Google è più affidabile ed efficace. È ancora il motore di ricerca più efficace e anche il più utilizzato. Tuttavia, insistiamo, la chat GPT è ancora con noi da poco più di due mesi.

Donna che legge sul computer
Possiamo scoprire la chat GPT sulla pagina: https://openai.com/blog/chatgpt/.

Chat GPT: dove stiamo andando?

È evidente che siamo all’alba di quella grande coscienza che sta per risvegliarsi, che è l’intelligenza artificiale. Queste tecnologie, che vengono addestrate per anni fornendo loro enormi quantità di informazioni, finiscono per diventare grandi cervelli orientati a darci risposte, a completare compiti per noi e fornirci, ovviamente, l’aiuto di cui abbiamo bisogno.

Tuttavia, sebbene faccia già parte della nostra vita, presto potrebbe automatizzersi in più operazioni, al punto da prendere decisioni per noi. Ci sono ancora questioni etiche che devono essere risolte. Vale anche la pena riflettere se sia lecito che una tecnologia sostituisca compiti e processi che, fino ad ora, erano dominio esclusivo dell’uomo…

Potrebbe interessarti ...
Tecnostress: l’abuso delle nuove tecnologie
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Tecnostress: l’abuso delle nuove tecnologie

Una cattiva gestione delle tecnologie e una eccessiva quantità di tempo passato connessi alla rete, può causare diversi tipi di problemi come il te...



  • Garcia, Megan (2016). “Racist in the Machine”. World Policy Journal. 33 (4): 111–117. doi:10.1215/07402775-3813015
  • Ziewitz, Malte (2016). “Governing Algorithms: Myth, Mess, and Methods”. Science, Technology, & Human Values. 41 (1): 3–16. doi:10.1177/0162243915608948
  • Sharma, Ax (December 6, 2022). “OpenAI’s new ChatGPT bot: 10 dangerous things it’s capable of”, Bleeping Computer
  • Schulman, John; Wolski, Filip; Dhariwal, Prafulla; Radford, Alec; Klimov, Oleg (2017). “Proximal Policy Optimization Algorithms”. arXiv:1707.0634

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.