Cibo ed emozioni: un binomio fantastico!

· 17 giugno 2015

Avete mai sentito la frase “l’uomo è quello che mangia”? Non c’è niente di più vero e sottovalutato. Sicuramente avrete letto in mille articoli diversi che dovete nutrirvi in modo sano, che il cibo da fast food fa male, che non dovete esagerare con gli zuccheri, e via dicendo. Ogni giorno vi vengono offerti centinaia di prodotti perché possiate raggiungere la cosiddetta alimentazione ideale.

Tuttavia, poche volte siamo consapevoli di quel che mangiamo e del perché lo mangiamo. Prestiamo attenzione a queste cose solo quando vogliamo ridurre il nostro peso o quando siamo malati: per la maggior parte delle persone, l’alimentazione è molto più una questione di gusti che un’accurata analisi. Così facendo, non pensiamo che probabilmente il modo in cui ci sentiamo è influenzato da ciò che mangiamo.

Quello che mangiamo ci parla delle nostre emozioni

Siamo più inclini a mangiare determinati alimenti e ne rifiutiamo degli altri, ma non siamo consapevoli del perché lo facciamo. Spesso cambiamo anche le abitudini: ci sono momenti in cui uccideremmo per un gelato e altri in cui il sapore del dolce ci disgusta. Quali sono i meccanismi in funzione in questi casi?

Gli studiosi sostengono che esiste una relazione diretta tra la quantità di energia che reputiamo necessaria per il nostro corpo e la tendenza a consumare determinati prodotti. Il gusto per il caffè, il tè nero, il tè verde o la carne, è associato a una percezione interna del fatto che siamo carenti di energia. La passione per il dolce e per gli alcolici, invece, rappresenta la sensazione di avere energia in eccesso e di aver quindi bisogno di compensare l’ansia che si è generata in noi.

Il consumo di questi alimenti, che apparentemente ci aiutano a regolare l’energia, provoca un’alterazione del PH nel sangue, ovvero quest’ultimo diventa più acido. È a questo punto che, dal punto di vista fisico, compaiono i problemi di digestione e, dal punto di vista emotivo, aumentano l’irritabilità, la depressione, l’ansia e le paure.

Gli esperti hanno inoltre dimostrato che gli esseri umani sono alla ricerca di sapori dolci quando sperimentano delle sensazioni di abbandono o di mancanza di affetto: non è raro che si cerchi di alleviare i periodi di crisi esistenziale attraverso il consumo di cioccolato.

Sono stati realizzati diversi studi a proposito del cosiddetto “cibo-spazzatura”, caratterizzato da sapori molto forti, ma anche dal bassissimo apporto di nutrienti. I risultati indicano che coloro che protendono verso questo tipo di alimentazione sono alla ricerca (inconsapevole) di uno stato di indifferenza: non vogliono pensare né sentire, preferiscono mantenersi alla larga da tutto, evitando di osservare l’ambiente circostante. Si tratta di una sorta di barriera protettiva per eludere dei sentimenti interni che non li fanno stare bene.

Mangiare per essere emotivamente equilibrati

L’alimentazione rappresenta un grande aiuto per raggiungere il famoso equilibrio tra mente e corpo, di cui tanto parlavano gli antichi greci. Secondo gli esperti, il gruppo di alimenti che più di tutti contribuisce alla stabilità delle emozioni è quello dei cereali. Essi sono ricchi di vitamina B, la quale agisce direttamente sul sistema nervoso. È dimostrato che il consumo frequente di cereali incide sulla riduzione dell’ansia e su un’attitudine positiva di fronte alla vita.

Certi alimenti, consumati in maniera esagerata, aumentano la produzione di adrenalina, la deconcentrazione e la tendenza a voler fuggire. Di questo gruppo fanno parte gli stimolanti (caffè e tè), l’alcol, gli zuccheri raffinati, le farine bianche, il latte intero e certi frutti dal sapore deciso come l’ananas, la banana, l’avocado, il mango, la papaya e il cocco.

Altri cibi, ingeriti in grandi quantità, provocano un effetto di passività, voglia di isolamento e difficoltà di azione. Si tratta dei grassi saturi, dei formaggi salati e secchi, delle uova, degli insaccati e del sale.

Degli alimenti che possono essere consumati regolarmente per equilibrare le emozioni e mantenere in salute il corpo sono i frutti secchi, le verdure fresche, le proteine vegetali, i cereali, la pasta integrale, il pesce e i frutti di mare.

Vi consigliamo inoltre di mangiare con calma e possibilmente in buona compagnia: questo aumenterà il potere nutritivo di qualsiasi alimento.

Immagine per gentile concessione di Juan Ramón Rodríguez Sosa