Cognizione incarnata: cosa si intende?

Sapete cosa si intende per cognizione incarnata? Ci riferiamo a un'ipotesi ampia e dinamica della cognizione volta a rispondere a molte domande sulle abilità cognitive dell'essere umano.
Cognizione incarnata: cosa si intende?

Ultimo aggiornamento: 15 aprile, 2022

La cognizione incarnata è un approccio che enfatizza il ruolo che l’ambiente gioca nello sviluppo dei processi cognitivi. Questo ramo della ricerca scientifica sostiene che i processi cognitivi si sviluppano quando esiste un sistema strettamente connesso all’ambiente.

Questa unione tra organismo e ambiente influenza le facoltà cognitive in via di sviluppo. La ricerca sulla cognizione incarnata è stata condotta da vari sottocampi delle scienze cognitive. Tra questi psicologia dello sviluppo, robotica, linguistica o filosofia della mente.

Le diverse tesi sulla cognizione incarnata condividono un obiettivo comune: dare spiegazioni cognitive su come mente, corpo e mondo interagiscono e si influenzano a vicenda per promuovere il successo adattativo di un organismo.

Profilo personale che rappresenta l'inconscio.

La cognizione incarnata come alternativa alla visione cognitiva classica

Sebbene l’idea di cognizione incarnata possa essere ricondotta alle opere di Heidegger, Piaget, Vygotsky, Merleau-Ponty e Dewey, la tesi attuale può essere vista come una risposta diretta e un’alternativa alla visione cognitivista e classicista della mente.

La visione cognitivista concettualizza le funzioni cognitive in termini di metafora informatica. Il programma di ricerca cognitivista può essere definito come un modello cognitivo di elaborazione delle informazioni basato su regole che:

  • Caratterizzano la risoluzione dei problemi in termini di input e output.
  • Presuppongono l’esistenza di rappresentazioni simboliche codificate che consentono al sistema di trovare una soluzione attraverso il calcolo.
  • Sostengono che la cognizione può essere compresa concentrandosi sui processi cognitivi interni di un organismo, ovvero quelli che coinvolgono il calcolo e la rappresentazione.

Sebbene questo approccio sia ancora prevalente, sono stati sollevati numerosi dubbi su aspetti quali struttura, buon senso e il problema descritto dalla regola/esperienza (Dreyfus 1992).

I teorici della cognizione incarnata vedono la corrente cognitivista come problematica per molte ragioni, ma soprattutto per la posizione isolazionista. In altre parole, i sostenitori di questo approccio tentano di comprendere la cognizione concentrandosi quasi esclusivamente sui processi cognitivi interni di un organismo.

Se un presupposto isolazionista è al centro del programma di ricerca cognitivista, le spiegazioni che ne derivano sono imprecise. I risultati minimizzano o trascurano i fattori ambientali che risultano invece essenziali per fornire una spiegazione accurata dello sviluppo cognitivo.

Cognizione incarnata: ricerca di un maggiore potere esplicativo

Il risultato di questa ipotesi isolazionista è una diminuzione del potere esplicativo, poiché trascura due fattori cruciali necessari per comprendere lo sviluppo cognitivo: il modo esatto in cui gli organismi sono correlati e il modo in cui questa relazione avviene all’interno dell’ambiente.

I teorici della cognizione incarnata favoriscono un’analisi relazionale che vede l’organismo, le azioni che esegue e l’ambiente in cui si muove come un legame indissolubile.

Un esempio di ciò può essere trovato in studi come quello di Thelen e Smith (1994) in cui è stato esaminato la capacità del bambino di raggiungere gli oggetti. La ricerca ha coinvolto quattro bambini di età compresa tra 3 settimane e 1 anno.

Thelen e Smith sono giunti alla conclusione che ogni bambino deve affrontare problemi unici che impara a risolvere in base ai livelli di energia individuale, alla massa corporea e agli iniziali tentativi.

Sulla base di ciò, ogni bambino ha dovuto imparare un diverso insieme di strategie per controllare le braccia. Così facendo, alla fine sono stati in grado di superare gli ostacoli dello sviluppo e a raggiungere i giocattoli; i modi specifici in cui hanno appreso questo comportamento variavano a seconda del problema in cui si imbattevano.

Principali concetti della cognizione incarnata

Le caratteristiche che definiscono la cognizione incarnata variano in modo significativo a seconda della discipline che la studia, ma si possono trovare alcuni presupposti teorici comuni:

  • Le azioni dirette all’obiettivo che si verificano in tempo reale.
  • L’azione realizzata determina il tipo di cognizione.
  • La cognizione è costruttiva.

L’idea centrale della cognizione incarnata è che le capacità sensomotorie, il corpo e l’ambiente di un organismo non solo svolgono un ruolo importante nella cognizione.

Il modo in cui questi elementi interagiscono consente lo sviluppo di particolari facoltà cognitive e ne determina la natura esatta.

Cognizione incarnata vs cognitivismo

Conoscendo i presupposti teorici della cognizione incarnata e del cognitivismo, è possibile confrontare i presupposti della ricerca della cognizione incarnata con quelli della ricerca cognitivista.

Punto di vista cognitivo

Idee principali:

  • Metafora del computer mentale; basato su regole, guidato dalla logica.
  • Analisi isolazionista: la cognizione può essere compresa concentrandosi sui processi interni di un organismo.
  • Primato informatico.
  • La cognizione come recupero passivo.
  • Rappresentazioni simboliche codificate.

Punto di vista della cognizione incarnata

Idee principali:

  • L’interazione tra ambiente e azione modifica i processi cognitivi.
  • Analisi relazionale: l’interazione tra mente, corpo e ambiente deve essere studiata per comprendere la cognizione.
  • Primato dell’azione diretta all’obiettivo che si svolge in tempo reale.
  • La cognizione come costruzione attiva basata sulle azioni incarnate e dirette di un organismo.
  • Rappresentazioni sensomotorie.
Mente di una persona con pezzi di tetris.

Conclusioni

Secondo i teorici della cognizione incarnata, sarà possibile rispondere a domande finora prive di risposta sullo sviluppo cognitivo.

L’ipotesi è che se gli scienziati cognitivi debbano riformulare il loro approccio riconoscendo i legami cruciali tra mente, corpo e mondo di un organismo; ciò consentirebbe di ottenere ulteriori informazioni sul comportamento umano integrando la ricerca attuale.

Tuttavia, un simile scenario solleva la domanda: cosa significa tutto ciò per i ricercatori? Non c’è consenso in merito tra i teorici della cognizione incarnata, forse arriverà in futuro?

This might interest you...
Come influisce la musica sulla cognizione?
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Come influisce la musica sulla cognizione?

In questo articolo vedremo come influisce la musica sulla cognizione. Come agisce sul nostro cervello e sulla capacità di interiorizzare i messaggi...