Communitas e gioia collettiva

Communitas è l'emozione che nasce dalla gioia nel condividere il tempo con un gruppo significativo di persone. È un sentimento di appartenenza in cui l'identità di ciascuno è rispettata e non vi è sottomissione.
Communitas e gioia collettiva
Valeria Sabater

Scritto e verificato da la psicologa Valeria Sabater.

Ultimo aggiornamento: 22 dicembre, 2022

Communitas è un’emozione intensa, effervescente e gioiosa che proviamo in compagnia di altre persone. È la gioia collettiva che deriva dall’unione, dall’adesione a un gruppo di figure significative con cui si ha una relazione. Poche sensazioni sono così gratificanti per l’essere umano rispetto al senso di appartenenza.

È interessante sapere che questo concetto non è solo l’opposto della solitudine, è anche lontano dal dominio o dalla sottomissione.

Una dimensione in cui l’identità di ogni membro è rispettata, perché nulla è appagante come contribuire a un gruppo con idee, valori, prospettive e approcci. La diversità del gruppo ne costituisce la forza.

La fusione di identità e sottomissione a lungo termine porta al dominio e alla debolezza. Communitas è sinonimo di felicità, dinamismo, divertimento e complicità.

È un’unione spontanea di esseri che si apprezzano e si rispettano, di figure che gioiscono dei momenti di collettività in cui un gruppo è molto più delle parti che lo compongono.

Communitas è un’emozione che arricchisce l’essere umano. Siamo esseri sociali che hanno bisogno di legami sicuri, significativi e rispettosi.

Amici che programmano un viaggio.

Che cos’è la communitas?

Communitas è l’emozione che favorisce la calma e l’armonia in un mondo immerso nel caos. Dona armonia, fiducia e gioia nel senso più pieno. Pochi stati sono catartici e socialmente benefici alla pari della gioia.

Il lavoro di ricerca condotto presso la Eastern Washington University evidenzia che quando ci sentiamo gioiosi, la gratitudine e il benessere sociale aumentano. Communitas è un’emozione distintiva e commovente e se ci soffermiamo ad analizzarla, scopriremo che quasi sempre la proviamo quando siamo in compagnia.

La vita assume un aspetto diverso quando siamo con persone che apprezziamo. È stata l’antropologa Edith Turner a coniare e studiare il concetto di communitas e a definirlo come quello stato provato da un gruppo di persone la cui vita insieme acquista pieno significato.

È una percezione spontanea e confortante che nasce quando ci rendiamo conto che chi ci sta accanto dà un senso alla nostra esistenza.

Saper condividere il tempo di qualità, il segreto delle buone alleanze

L’emozione di communitas emerge quando si svolgono insieme alcune attività. Essere compagni di classe, viaggiare, mangiare insieme, festeggiare, sostenersi a vicenda nei momenti di difficoltà, essere rifugio gli uni per gli altri, accudirsi a vicenda… Tutto questo plasma una lega luminosa che dona benessere.

Il senso di appartenenza si costruisce condividendo alleanze e tempo di qualità. Ma anche scoprendo di essere circondati da persone di cui possiamo fidarci. È come quella brezza calda che conforta, che fa sentire a casa e che placa ogni paura.

Communitas, l’emozione che non spegne l’individualità

Lo abbiamoanticipato: communitas è l’emozione che proviamo quando ci sentiamo parte di un gruppo in cui viene rispettata l’individualità del singolo.

È la gioia che accelera i cuori quando percepiamo che la nostra unicità è rispettata e apprezzata. I tratti distintivi di ciascuno rendono il gruppo più forte, più ricco e più diversificato.

Come sottolinea l’antropologa Edith Turner, quando sperimentiamo il senso di communitas c’è un disprezzo per lo status. Nessuno è superiore né inferiamo, si è tutti uguali.

Perché la totale assenza di ego definisce questa emozione; l’orgoglio svanisce per lasciare il posto all’apprezzamento e alla gioia genuini.

In questa emozione vi è un genuino apprezzamento dell’altro: la sua individualità è apprezzata perché sappiamo che ciò che ci rende unici arricchisce gli altri.

Persone che risuonano l’una con l’altra per investire in felicità e fiducia

Communitas è un’emozione inscritta nel nostro potenziale umano. Siamo esseri sociali, formare comunità e fare parte di un gruppo è una necessità per noi.

Essere cooperativi, aiutarsi a vicenda, godersi la compagnia della famiglia e degli amici è una penna che ci aiuta a scrivere la nostra storia in modo positivo.

Siamo tutti migliori quando sfruttiamo al meglio il nostro tempo e lo condividiamo con le persone a cui teniamo. Anche quando ci lasciamo accudire e ci permettiamo di vivere la gioia della compagnia di chi ci rende felici con la sua presenza, con i suoi gesti e le sue parole.

Quando troviamo persone che risuonano con noi, si accende quella sinergia grazie alla quale ci si muove nella stessa direzione: investire nella felicità.

Amici che mangiano in un ristorante godendosi la communitas.

Gioia collettiva contro la solitudine

Viviamo in società sempre più individualistiche in cui la solitudine cresce come le erbacce che crescono a dismisura. E questo ci fa ammalare.

In queste circostanze, solo il senso di communitas può venire in nostro soccorso. Solo la gioia collettiva (vissuta con altre persone) è in grado di salvarci dai nostri universi di tristezza e solitudine.

Il bisogno di appartenenza e collettività è il segreto della nostra sopravvivenza sin dall’inizio dei tempi. La compagnia di altre persone con cui condividere vita, progetti, paure e desideri traccia quel legame che ci permette di uscire dal profondo delle nostre depressioni e del nostro isolamento.

Godiamoci questa emozione, promuoviamo questo stato, perché communitas è quel piacere collettivo di cui tutti abbiamo bisogno.

Potrebbe interessarti ...
Percezione sociale: come percepiamo gli altri
La Mente è Meravigliosa
Leggi in La Mente è Meravigliosa
Percezione sociale: come percepiamo gli altri

La percezione sociale definisce una dimensione che non stiamo ancora sfruttando molto bene. È un utile strumento sociale.



  • Gabel, P. (2018). The desire for mutual recognition. NY: Routledge.
  • Narvaez, D. (in press). Connected cooperative companionship grounds children’s dance into morality. In J. Delafield-Butt & V. Reddy (Eds.), Intersubjective minds: Rhythm, sympathy, and human being: Celebrating the rhythms, sympathies, and many beings of Colwyn Trevarthen. Oxford University Press.
  • Turner, E. (2012). Communitas: The anthropology of collective joy. Palgrave Macmillan
  • Watkins, Philip & Emmons, Robert & Greaves, Madeline & Bell, Joshua. (2017). Joy is a distinct positive emotion: Assessment of joy and relationship to gratitude and well-being. The Journal of Positive Psychology. 13. 1-18. 10.1080/17439760.2017.1414298.

I contenuti di La mente è Meravigliosa hanno uno scopo puramente informativo ed educativo. Non sostituiscono la diagnosi, la consulenza o il trattamento professionale. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.