Conflitti più comuni e caratteristiche

Tutti i conflitti sono accomunati da tensione tra le posizioni divergenti. Sebbene possa essere positivo, poiché stimola il cambiamento, può anche essere l'inizio di un disastro se non è gestito nel modo corretto.
Conflitti più comuni e caratteristiche

Ultimo aggiornamento: 15 agosto, 2021

I conflitti più comuni nascono da diverse forme di disaccordo. Questo perché a volte gli interessi o gli obiettivi di due o più individui o gruppi sono divergenti. A volte le differenze sono tali che l’accordo è impossibile.

Ciò che caratterizza tutti i conflitti è la presenza di posizioni che si escludono a vicenda, parzialmente o totalmente. In linea di principio, la coesistenza di queste due posizioni non è possibile. Quindi, o si impone uno dei due o si raggiunge un’alternativa che soddisfa le parti coinvolte.

Conoscere i diversi tipi di conflitti è importante perché permette di delimitare meglio la natura del disaccordo, facilitando i percorsi verso una soluzione. In generale, possiamo parlare di tre tipi di conflitti, come vedremo più avanti.

Nell’armonia anche le piccole cose crescono, nel contrasto anche le più grandi svaniscono.

-Sallustio-

Conflitti più comuni tra le persone.

I conflitti più comuni

1. In base al contenuto

Quando parliamo di tipi di conflitto in base al contenuto, ci riferiamo alle motivazioni esplicite o agli scopi che segnano lo scontro. Da questo punto di vista, il conflitto può ruotare intorno a:

  • Potere. Si verifica quando il dominio o la legittimità di un potere è sfidato da un altro. Non è negativo di per sé, poiché favorisce i controlli e gli equilibri nelle democrazie.
  • Interessi. Si verifica quando gli obiettivi di una persona o di un gruppo sono in qualche modo in conflitto con gli obiettivi di un’altra persona o gruppo. Ciò che giova ad alcuni può in qualche misura danneggiare altri.
  • Valori. In questo caso è la gerarchia dei valori o i valori stessi a essere in opposizione tra loro. Ci sono due o più sistemi etici in competizione e le parti percepiscono che convalidare l’altro significa sacrificare la propria visione del mondo.
  • Personalità. Corrisponde alle divergenze che nascono da modi di essere e di agire incompatibili. Per esempio, quando qualcuno è molto rumoroso e l’altra persona è infastidita dalla sua presenza.
  • Comunicazione. In questo caso, potrebbe non esserci un vero conflitto, ma piuttosto una cattiva gestione della comunicazione. Ciò porta ad approfondire o evidenziare differenze che potrebbero non essere così rilevanti.

2. Secondo l’interazione

I conflitti possono essere classificati anche in base agli agenti coinvolti. Questa categorizzazione è utile per definire chi sono i soggetti attivi in un disaccordo, il che aiuta anche a delimitare le possibili risoluzioni. Sulla base del suddetto criterio, i conflitti più comuni sono di tipo:

  • Intergruppo. Tra due o più gruppi. In questo caso, il conflitto coinvolge collettività concorrenti. L’esempio più ovvio è una guerra.
  • Intragruppo. Si verifica quando all’interno di un gruppo si formano delle fazioni che si confrontano o generano tensioni tra di loro. Può verificarsi in qualsiasi tipo di gruppo, compresa la famiglia, per esempio.
  • Interpersonale. Il conflitto riguarda due individui specifici. Non coinvolge direttamente nessun collettivo. Esempi sono i conflitti tra due colleghi di lavoro o in una coppia.
  • Intrapersonale. In questo caso non sussiste una divergenza con gli altri, ma il campo di battaglia è se stessi. Ci sono forze, motivazioni o interessi contrastanti all’interno della persona stessa.
Donne che litigano.

3. Conflitti più comuni secondo il grado di realtà

Potrebbe sorprendere, ma questi conflitti sono molto comuni. In questo caso, il fattore definitivo è la percezione e l’intenzione.

Ciò si riferisce al fatto che non tutti i conflitti sono ugualmente reali, né hanno le stesse implicazioni pratiche. All’interno di questo gruppo troviamo i seguenti tipi di conflitti:

  • Reale. Il conflitto esiste oggettivamente. Ci sono, infatti, obiettivi, interessi o atteggiamenti che si scontrano tra loro.
  • Immaginario. Corrisponde ai casi in cui non c’è un conflitto oggettivo, ma piuttosto una percezione errata. Una persona crede che ci siano delle divergenze con un’altra persona, quando in realtà non è così. Lui o lei lo percepisce come tale, ma non è vero.
  • Inventato. Questo è un conflitto immaginario, ma in questo caso è generato deliberatamente. Si basa su bugie e manipolazioni. Per esempio, quando qualcuno accusa un altro di essere aggressivo per danneggiare la sua immagine di fronte agli altri.

Conclusioni

Va chiarito che tutti i tipi di conflitto presentano anche diversi livelli di intensità. In alcuni casi non sono altro che lievi tensioni, mentre in altri possono avere gravi conseguenze.

Potrebbe interessarti ...
Risoluzione dei conflitti: 4 utili tecniche
La Mente è MeravigliosaLeggi in La Mente è Meravigliosa
Risoluzione dei conflitti: 4 utili tecniche

Eccovi alcune delle principali tecniche di risoluzione dei conflitti che potete applicare più facilmente nella vostra vita quotidiana.



  • Hernandez, M. S. L. (2017). Teoría del conflicto y tipos de conflicto. Susana Gil Martínez.