Credere in sé stessi: non lasciatevi etichettare

· 18 gennaio 2015

Credere in sé stessi permette di crescere e maturare, perché se crediamo di potercela fare, rischiamo molto di più di quando pensiamo di non essere in grado di fare qualcosa.

Le persone che non hanno confidenza in sé stesse rimangono nella loro comfort-zone e non esplorano mai nuove vie. Sono stata inspirata per questo articolo da una conversazione ascoltata in metropolitana. Una ragazza sui 25 anni, all’apparenza introversa e discreta, stava parlando con una donna sulla cinquantina che sembrava essere sua madre.

Per quello che ho carpito, la ragazza era disoccupata da anni e l’ambito in cui aveva esperienza era il settore che più ha risentito della crisi. Sosteneva che, dato che il mercato del lavoro era così in crisi, avrebbe dovuto cercare un lavoro in qualsiasi ambito, che fosse fare la cameriera, la cassiera, ecc.

Quello che mi ha stupito è stato il tono litigioso di sua madre, che le ha detto che lei non sarebbe stata capace di lavorare come cameriera o cassiera visto che per questi impieghi servono ragazze spontanee ed estroverse. La ragazza le ha dato ragione e si è rassegnata. L’espressione del suo viso è cambiata completamente: è passata dall’essere entusiasta all’essere scoraggiata. Di colpo quella possibilità che avrebbe potuto aprirle le porte del mondo del lavoro era svanita.

Allora mi sono chiesta: perché le dà retta? Neanche l’opinione dei nostri familiari dovrebbe influenzarci. Solo chi pensa da vincente riesce a ottenere quello che vuole.

Le persone che hanno una mentalità da vincenti sono quelle che non lasciano interferire nessuno nei loro piani e che quando qualcuno di esterno dubita del loro valore continuano ad andare avanti lo stesso. Non cambierebbero mai le loro decisioni per colpa dell’opinione altrui.

Quella situazione mi ha fatto sentire impotente. La ragazza che avevo seduta di fronte nella metro sembrava intelligente e di bella presenza, ma la si stava sottovalutando perché introversa e, non credendo in sé stessa, si stava chiudendo delle porte.

Ogni tipo di personalità ha i suoi lati positivi e negativi, nessuno è migliore dell’altro. Abbiamo bisogno di accettarci così come siamo per far sì che tutto il potenziale che abbiamo esca fuori.

Credere in sé stessi è essenziale per avere il coraggio di rischiare e di imbarcarsi in nuove esperienze. Non scopriremmo mai il potenziale che possiamo arrivare a sviluppare se non ci arrischiamo a esplorare nuovi cammini.

Quella ragazza non ha avuto abbastanza fiducia in sé stessa e la cosa peggiore è che si è lasciata etichettare, credendo che la sua personalità non sarebbe stata adatta per quello che desiderava fare. Non lasciate mai che un commento come “non puoi farlo” vi trattenga dal portare a termine le vostre decisioni, neanche quando questa opinione provenga da uno dei vostri familiari.

Queste opinioni negative dovrebbero servire a spronarvi nel lottare visto che, se non si prova, non si può sapere se si avrebbe fatto bene o male. Cambiate il “non sono capace” con un “credo in me stesso e ci proverò”.

Credere in sé stessi è l’azione più positiva che possiamo regalare alla nostra persona perché, se non credete in voi, neanche gli altri lo faranno.

L’amore e l’accettazione ci cambiano

Quando accettiamo noi stessi e crediamo nelle nostre possibilità, ci trasformiamo e tutto quello che prima sembrava difficile diventa più semplice.

La prova è il fatto che molte persone insicure subiscono un grande cambiamento quando trovano la persona che le fa sentire amate e accettate. L’amore e l’accettazione fanno sì che ogni persona tiri fuori il meglio di sé.

Trovare questa persona, che sia un partner, un amico o un familiare, può dare un impulso positivo che permette di crescere come individui. Tuttavia, quando non si ha questa presenza esterna, si può comunque riuscire a ottenere lo stesso effetto se ci si crede da dentro.

Potete amarvi e accettarvi a tal punto che nulla delle cose negative che vi vengono dette può danneggiarvi.

La maggioranza dei limiti che crediamo di avere risiedono nel nostro modo di pensare negativo. Se ci potessimo rendere conto di tutto quello che un essere umano può riuscire a ottenere con sforzo e fiducia in sé, ci sorprenderemmo.

La ragazza di cui ho parlato in questo articolo dovrebbe aver detto a sua madre: “questa è la tua opinione, ma io credo di poter perfettamente lavorare come cameriera o cassiera, perché l’essere introversa non è un aspetto negativo. Ho molti altri pregi che di sicuro mi valorizzeranno nel mio lavoro”.

Se lasciate che gli altri vi dicano quello che non potete fare, non permetterete al vostro potenziale di crescere. Fidatevi di voi, valorizzatevi e proseguite nel vostro cammino.

Immagine per gentile concessione di: Dimitris Papazimouris