Cuore spezzato? No, solo aspettative deluse

06 agosto, 2020
Una rottura sentimentale è sempre causa di dolore, ma se questo sentimento si trasforma in enorme sofferenza, probabilmente ciò si deve alle aspettative disattese.
 

La maggior parte degli esseri umani affronta almeno una volta nella vita la fine di un amore. Questa situazione, sempre difficile, sembra complicarsi ulteriormente per alcuni più che per altri. E questo perché quando una persona afferma di avere il cuore spezzato, prova proprio questa sensazione. Un dolore lancinante e che paralizza.

Possiamo cadere nell’errore di pensare che queste persone provavano sentimenti molto forti e profondi per il partner o che siano deboli. Alla base della sofferenza, in realtà non c’è un amore smisurato né una fragilità personale; si tratta più semplicemente di aspettative disattese.

Donna in lacrime perché ha il cuore spezzato.

Cuore spezzato? Non è così!

Non abbiamo letteralmente il cuore spezzato, questo è chiaro dato che è fisiologicamente impossibile. Ma non è mai avvenuto nemmeno in senso metaforico. Forse a un certo punto ci siamo sentiti come se avessimo consegnato il nostro cuore nelle mani di una persona che lo ha maltrattato, distrutto. In realtà, però, anche se è difficile ammetterlo, siamo stati noi stessi a esserci inflitti questo dolore.

L’amore non distrugge, non logora, nemmeno quando finisce. Quando amiamo davvero qualcuno, in modo puro e sano, la sofferenza è diversa, poiché è libera da ogni dipendenza; non dobbiamo mettere la nostra felicità nelle mani di un’altra persona né aspettarci che il partner riempia i nostri vuoti.

 

Chiaramente abbiamo sempre delle aspettative e queste sono, in un certo senso, necessarie. Ci aspettiamo dal nostro partner rispetto, sostegno e sincerità. Nonostante ciò, l’amore maturo capisce che ciascuno è responsabile del proprio benessere. E questa responsabilità prevede anche sapersi allontanare da chi non ci tratta nel giusto modo, senza permettere che umiliazione, tradimento o delusione entrino in gioco.

Di solito diamo la colpa di queste situazioni all’altra persona, ma la verità è che ci feriamo da soli portando avanti la relazione. L’amore non fa male, a far male è l’ego. Fa male aggrapparsi, sottomettersi, mettersi totalmente a nudo e accantonare l’amor proprio in nome dell’amore di coppia.

Nessuno ha mai avuto il cuore spezzato per troppo amore, perché chi sa amare davvero non potrebbe mai sentirsi così devastato dall’atteggiamento o dalla condotta di qualcun altro. Saprebbe capire e accettare che le azioni altrui non sono nelle proprie mani, ma anche che le proprie azioni dipendono da sé.

Di conseguenza, proteggerebbe la propria incolumità e si allontanerebbe poco per volta dalla situazione. Con dolore, certo, ma senza soffrire in modo estremo.

Non siete deboli

Se rientrate nel numeroso gruppo di persone che a un certo punto della propria vita ha pensato di avere il cuore spezzato, non sentitevi in colpa. Non siete deboli perché avete provato quel sentimento. Non siete più deboli degli altri, né la persona in questione era particolarmente speciale. Non era troppo per voi né voi eravate poco per lei. L’angoscia logorante che potreste aver provato è da attribuire solo alle aspettative deluse.

 

Quando viviamo un rapporto di coppia, iniziamo a pianificare un futuro con l’altra persona. Facciamo progetti, tracciamo delle mete e visualizziamo degli obiettivi da raggiungere insieme. Confidiamo nel fatto che il progetto di vita che condividiamo avrà un lieto fine.

Eppure, come tutti sappiamo, la vita è mutevole e non la si può controllare; le cose non sempre vanno come da programma. E se in quel momento non possiamo contare su una buona elasticità mentale, su un’adeguata capacità di adattamento e su una solida autostima, la nostra caduta può essere rovinosa.

In genere le persone più soggette a dover affrontare un lutto complesso o patologico a seguito di una rottura sono figure eccessivamente rigide, che hanno bisogno di certezze e di avere tutto sotto controllo. Sono coloro che temono il cambiamento.

Donna dal cuore spezzato con lo sguardo perso verso l'orizzonte.

Imparare a gestire le proprie aspettative

Va bene condividere sogni e progetti con il partner, ma non dobbiamo permettere che la nostra stabilità psicologica ed emotiva dipenda da ciò. Dobbiamo essere pronti ad affrontare i cambiamenti senza pensare che il nostro mondo stia andando in pezzi; per riuscirci, dobbiamo lavorare su noi stessi e sulla nostra autostima, oltre che sulla nostra flessibilità.

 

Se pensate che qualcuno vi abbia spezzato il cuore, risalite alle vere origini di questa sensazione e ricordate che dipende da voi iniziare ad amare in un modo più sano. Cominciate ad amare voi stessi in modo incondizionato. Il cambiamento può fare paura, ma quando non c’è niente di sicuro, tutto è possibile.

  • Sierra, V. E., Rodríguez, J. L. S., & Torres-Torija, C. S. (2017). Incidencia del duelo en la ruptura amorosa en estudiantes universitarios en un centro de crisis, emergencias y atención al suicidio (CREAS). Journal of Behavior, Health & Social Issues9(2), 27-35.
  • Ardila González, A. E., & Ojeda Garrido, K. (2019). Síntomas y signos de personas que afrontan el duelo por ruptura amorosa.