Educazione e idee politiche: quale relazione esiste?

19 aprile 2018 in Curiosità 12 Condivisi
Insegnante e studenti educazione e idee politiche

Quando si parla di educazione alla politica, ci si chiede spesso quanto la scuola o le altre istituzioni educative siano in grado di influenzare il coinvolgimento politico dei ragazzi. Teoricamente, uno degli obiettivi educativi della scuola è formare persone politicamente attive. Fino a che punto, però, sono intrecciate educazione e idee politiche? E qual è la natura di questa relazione?

In questo articolo vogliamo concentrarci sugli effetti che l’educazione formale ha sulla futura vita politica. Naturalmente l’educazione copre un campo molto più ampio di quello offerto dalla vita puramente scolastica o accademica, ma è un fattore importante che non può essere ignorato. In tal senso, gli “effetti politici” di cui terremo conto sono: implicazioni politiche, attitudine politica e conoscenza politica.

Per prima cosa, analizziamo in che modo educazione e idee politiche si influenzano attraverso tre variabili: (a) variabili esterne, (b) variabili dirette e (c) variabili indirette.

Variabili esterne che influenzano educazione e idee politiche

A livello statistico, quando si parla di variabili modulanti, esterne o terze, ci si riferisce agli elementi esterni che portano a una correlazione tra due fattori. Ad esempio, in una città il numero di ospedali e di prigioni è un dato correlato; le città con più ospedali hanno anche più prigioni, e questo è dovuto all’intervento di una terza variabile: la popolazione.

Anche nel caso di educazione e idee politiche esistono fattori esterni che intervengono su questo binomio, spiegandone in parte la correlazione. Tra questi fattori i più rilevanti sono: le capacità cognitive, la personalità e il livello socio-economico.

Studenti in aula

Nel caso delle capacità cognitive, la relazione è abbastanza ovvia. Abilità verbali superiori, buon ragionamento astratto, ottima memoria, insieme ad altre capacità, aiutano a fare progressi nel campo dell’istruzione e delle idee politiche. Al contrario, capacità cognitive carenti portano a risultati mediocri in ambito scolastico e allo sviluppo di idee politiche più povere.

Per quanto riguarda la personalità, è noto che determinati atteggiamenti possono influenzare educazione e idee politiche. Ad esempio, un carattere predisposto a imparare, curioso o voglioso di approfondire va a vantaggio di risultati accademici migliori e nozioni politiche più ampie.

Un altro aspetto chiave è il livello socio-economico: la vita politica e l’istruzione superiore sono domini socialmente limitati. Chi non ha risorse economiche non può scegliere liberamente una carriera. Allo stesso modo, persone con un status socio-economico basso di solito non dedicano molto tempo alla vita politica; perché ne vengono direttamente allontanati o perché passano la maggior parte del tempo a cercare di sopravvivere in condizioni di lavoro precarie.

Variabili dirette nell’educazione in grado di influenzare le idee politiche

Nella grande variabilità dell’educazione formale, scopriamo che i diversi modi di organizzare l’educazione causano differenze per quanto riguarda la cosiddetta capacità politica. Questo ci dimostra che entrambe le variabili sono in relazione diretta. Ma quali sono gli aspetti specifici in grado di intervenire in questa relazione? I più importanti sono i contenuti del curriculum scolastico e i valori educativi.

I contenuti del curriculum possono avere un’influenza diretta sulle conoscenze politiche acquisite dagli studenti. Per ovvie ragioni, l’acquisizione diretta di concetti politici genera futuri cittadini con maggiori capacità di analisi politica. La natura di questi contenuti, inoltre, influenza notevolmente la posizione politica dello studente. Ad esempio, un’educazione alla politica che evidenzi i vantaggi del liberalismo probabilmente forgerà persone più legate a questa corrente.

Un’educazione ai valori basati sul dialogo, il dibattito e la visione critica dei fatti è essenziale se si vuole stimolare negli studenti una buona coscienza politica. Se l’individuo riceve, invece, un’educazione chiusa e gerarchica, si abitua ai dogmi e all’autorità, elementi che ostacolano lo sviluppo di un atteggiamento critico nei confronti della politica.

Variabili indirette tra educazione e idee politiche

È probabile che il livello di istruzione raggiunto finisca per condizionare molti aspetti della vita della persona; entrare nel mondo del lavoro dopo la scuola dell’obbligo o dopo avere terminato un dottorato non è la stessa cosa. Molti dei cambiamenti legati al grado di istruzione condizionano l’atteggiamento politico. Le variabili indirette più importanti sono posizione sociale, concetto di sé e opportunità.

Il livello di studi raggiunto ci colloca, agli occhi della società, “sopra” o “sotto” gli altri. Ciò avviene a causa di una lunga serie di stereotipi per cui più alto è il livello di istruzione, maggiore è l’influenza politica, a parità di altre variabili.

Donna sale le scale della carriera

Tutto quello che apprendiamo durante la nostra vita scolastica, inoltre, influenza il modo in cui vediamo noi stessi. Questo auto-concetto ci predispone a inserirci, categorizzarci all’interno del gruppo di persone con un livello di istruzione simile al nostro. E i gruppi che racchiudono persone con risultati scolastici o accademici migliori sono socialmente più accettati nel mondo politico.

Infine, un livello di istruzione più alto offre in genere un maggior numero di opportunità individuali; parliamo, quindi, di maggiori o minori possibilità di svolgere attività di natura politica.

La relazione che intercorre tra educazione e idee politiche può essere analizzata da più punti di vista. Ma tutti possono essere utili per capire in che modo muoverci affinché la nostra società sia composta da persone politicamente attive e altamente competenti. Il primo è forse quello di garantire a tutti l’accesso alla politica, svincolandola da uno status sociale o economico; in questo modo, i partiti politici sarebbero certamente più rappresentativi, con maggiori possibilità di andare incontro agli interessi collettivi della società.

Guarda anche